E fragile è lo stallo in riva al tempo

Daniele Ventre

Editore: Edizioni D'If
Collana: I miosotis
Anno edizione: 2012
In commercio dal: 15 maggio 2012
Pagine: 40 p., Brossura
  • EAN: 9788867300006
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 11,40

€ 12,00

Risparmi € 0,60 (5%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alida airaghi

    22/04/2014 18:35:26

    Daniele Ventre (Napoli, 1974), studioso e traduttore di testi greci e latini, dedica trenta poesie calibratissime nella metrica ed elegantemente rispettose dello stile classico ("scandito al battito di metronomo delle pentapodie giambiche") alla meditazione del tema più collaudato della nostra tradizione letteraria: lo scorrere inarrestabile del tempo, e, con immagini che rimandano compostamente al cinema bergmaniano, alla "vecchia partita fra il Cavaliere e la Morte". Sebbene quest'ultima non sia mai esplicitamente citata, i termini più ricorrenti in queste composizioni sono proprio quelli che ad essa alludono: orizzonte, buio, vuoto, nulla, ombra, avversario. Il poeta affronta questa antica battaglia in una sorta di duello da sempre destinato alla sconfitta (altre espressioni riaffioranti sono: agguato, fuga, incontro, trincea, scacco, rifiuto...), in cui la lotta appare comunque impari e crudele: "Così ripieghi nello sguardo vuoto/ della sconfitta e l'anomia del mondo/ si mostra con la danza delle fughe/ dispersa all'eco spenta delle voci". Un topos di queste poesie è rappresentato dalla visione ossessiva dello specchio, in cui chi scrive affonda impietoso lo sguardo, ad osservare l'avanzare dei segni dell'età ("l'incrinarsi della linea in rughe/ senza espressione"), dal cui rovinoso procedere non salva né l'incanto dell'amore ("E' appena un nebuloso abbandonarsi/ al desiderio breve"), né l'osservazione della natura matrigna. A stilemi leopardiani ("E così il giorno/ e il tempo e il mondo fugge") ed echi evidentemente montaliani (cocci aguzzi, falena, balugina, barbaglio, gorgo..) corrisponde una ricerca non peregrina di vocaboli desueti (abbacinata, scarmiglia, diacci, inopinata, serico, anomia, rena...), che contribuisce a velare tutta la raccolta in un'atmosfera congelata, astrale: a cui violentemente si oppone l'immagine sferzante della copertina.

Scrivi una recensione