Francesca da Rimini

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Saverio Mercadante
Direttore: Fabio Luisi
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 3
Etichetta: Dynamic
Data di pubblicazione: 25 maggio 2017
  • EAN: 8007144077532

€ 43,50

Punti Premium: 44

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

42° Festival della Valle d'Itria, Martina Franca, Luglio 2016 - Prima registrazione mondiale.
Scritta quasi due secoli fa da Saverio Mercadante, ambita dai teatri del tempo, Francesca da Rimini non fu mai rappresentata. Ogni volta cancellata a pochi giorni dal debutto. Una lunga serie di malaugurati eventi che l’hanno tenuta per 185 anni lontana da ogni scena. Il manoscritto dimenticato, di cui si conoscevano solo le peripezie, è riaffiorato a sorpresa cinque anni fa a Madrid, città che avrebbe dovuto ospitare la prima nel 1831. Il soprano Leonor Bonilla (Francesca) impressiona nella parte della protagonista: alla fragilità psicologica del personaggio, e ai suoi tratti di risolutezza, ella fa corrispondere un’organizzazione vocale d’acciaio, con modulazione dai filati siderali, vocalizzazione energica e smagliante, registro acuto e sopracuto sfrontato, presenza scenica così fascinosa, disinvolta e pregnante da poter osare passi di danza e farsi prendere per un elemento di punta del corpo di ballo. Aya Wakizono tramutato nel Paolo che qui si ammira: superbo smalto mediosopranile che cerca e tiene l’omogeneità da un capo all’altro dell’estensione, coloratura di magnifico capriccio virtuosistico e scorrevolezza. Altrettanto impegnativa è la parte tenorile e antagonistica di Lanciotto, con i suoi temibili scarti di registro e un’ornamentazione degna del Rossini napoletano: Mert Süngü potrà col tempo esonerarsi da qualche fibrosità o asprezza, ma già ora domina le difficoltà che lo attendono al varco, con una qualità timbrica e una prestanza espressiva degne di tutta attenzione.
  • Saverio Mercadante Cover

    Compositore. Studiò con N. Zingarelli a Napoli ed esordì come operista nel 1819. Nel 1833 fu nominato maestro di cappella del duomo di Novara; nel 1840 assunse la direzione del conservatorio di Napoli. Divenne cieco nel 1862. Fu uno dei compositori d'opera più popolari del suo tempo, non solo in Italia ma anche in Spagna e in altre nazioni europee, e fu spesso all'estero per allestire opere proprie (nel 1836 a Parigi, su invito di Rossini). Musicista elegante e misurato, fu dotato di un limpido talento melodico cui venne progressivamente affiancando una forte coscienza strumentale e armonica e una notevole capacità di caratterizzazione drammatica. Nel panorama dell'opera italiana tra Rossini e Verdi, rispetto agli altri due grandi protagonisti Bellini e Donizetti, M. appare caratterizzato... Approfondisci
  • Fabio Luisi Cover

    Nato a Genova nel 1959, Fabio Luisi ha iniziato giovanissimo la carriera di direttore d''orchestra, che lo ha portato a trionfare in tutti i teatri più importanti del mondo con un repertorio che spazia da Bellini a Wagner e da Verdi a Janácek. Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali