Il fu Mattia Pascal

Luigi Pirandello

Scrivi una recensione
Editore: Insolitolibro
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 4 maggio 2014
  • EAN: 9788898628070
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
4,67
di 5
Totale 15
5
10
4
5
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    valix1980

    24/01/2019 13:10:59

    Non può mancare nella formazione di ciascuno di noi. Divertente, dinamico, a tratti esilarante. Consigliato!!

  • User Icon

    Claudia

    21/09/2018 13:21:03

    Seguendo la fallimentare esperienza del suo personaggio, Pirandello ritrae il sogno di un'evasione impossibile, il desiderio irrealizzabile di afferrare un'identità che non sia quella imposta dal destino. L'esistenza di ogni persona è infatti governata da vicende che non possono essere controllate o mutate: è in balia di convenzioni sociali, rigide e anonime, capaci di imbrigliare ogni anelito di libertà. La fuga non serve, poiché per riscattare la vita che abbiamo ricevuto non ci sono sbocchi o reali alternative. Quello di Mattia è dunque un tentativo fallito in partenza: gli è utile soltanto a scoprire la natura ingannevole dei rapporti sociali, ma gli impedisce di rientrare ed essere nuovamente accolto nella vita. Mattia Pascal, cercando di liberarsi dalle regole imposte dalla società, capisce che vivere fuori da essa equivale a non vivere, inseguendo un sogno di libertà che lo renderà schiavo e gli impedirà di comprarsi un cane, di lasciarsi crescere la barba, di portare i capelli corti: cioè di vivere normalmente. Nel complesso la vicenda è abbastanza dinamica e scorrevole: è senz'altro un romanzo che si legge con una certa facilità, anche perché si può riscontrare una notevole presenza di dialoghi e di riflessioni che costituiscono l'ossatura della narrazione pirandelliana.

  • User Icon

    Raffaele

    15/04/2018 17:44:08

    Uno tra i tanti immortali classici della letteratura italiana che deve essere assolutamente letto, un romanzo intimo ma estremamente intrigante.

  • User Icon

    Fabio74

    28/11/2014 08:44:08

    Quando si vuole recidere il passato e quindi le nostre radici per cominciare una nuova vita,inizialmente si assapora la liberta'ma ben presto ci si accorge che si diventa schiavi di tante altre cose.Bellissimo romanzo che fu definito dalla critica inverosimile nella trama ma,qualche anno dopo la pubblicazione,successe precisamente nella realta'la storia del protagonista.Consiglio sicuramente agli amici lettori questo capolavoro della letteratura italiana.Ciao a tutti e al prossimo

  • User Icon

    Giovanni Miano

    05/06/2012 14:11:54

    Tra le opere migliori di Pirandello, "il fu Mattia Pascal" si pone oggi tra i classici di formazione più apprezzati. Narra le vicende surreali e tragicomiche di Mattia Pascal, che nato in mezzo alla ricchezza, dopo la morte del padre e a causa degli sperperi di un cattivo amministratore, deve fare i conti con la realtà. Se i beni materiali non sorridono a Mattia, non gli va meglio in amore, vivendo ingabbiato tra la moglie e la maligna suocera. Il destino quasi per beffarsi del protagonista, gli fornisce l'occasione di una nuova vita nella quale può contare su un nuovo nome, su tanti soldi e apparentemente disporre del proprio destino. Qui iniziano gli interrogativi posti dall'autore: questa è vera libertà? Può un uomo vivere recidendo le sue radici? Le risposte, che per il lettore stressato dalla quotidianità, possono sembrare banali, sono affidate ad Adriano Meis, alter ego di Mattia Pascal, che affrontando un percorso geografico e psicologico, parte dall'iniziale euforia per la nuova condizione, fino all'amaro ritorno sui propri passi. Il testo nel complesso è gradevole anche se talvolta perde scorrevolezza, specie nei monologhi teosofici del signor Paleari.

  • User Icon

    Kiara

    05/03/2011 12:24:37

    Stupendo! Lo ritengo uno dei migliori classici. Un libro davvero molto significativo, ma allo stesso tempo divertente. La trama riesce a coinvolgere pienamente il lettore.

  • User Icon

    Barby

    22/03/2010 19:33:00

    Libro molto bello,non pensavo...mi era stato riferito il contrario,ma ora che l'ho letto ho cambiato idea. La storia è scritta molto bene, in alcuni momenti il racconto è triste, ma in altri è anche divertente...

  • User Icon

    chobin

    19/02/2009 14:43:11

    peccato che il mio proffessore di italiano mi abbia rovinato tutto la lettura iniziando a spiegarlo prima che potessi finirlo.... ora sta facendo uguale con la coscienza di zeno! comunque al di là di tutto è un libro veramente bello che fa riflettere su un sacco di cose.... lo consiglio sopratutto come lettura personale e di piacere ma anche perchè è veramente utile per capire meglio tutta la filosofia pirandelliana!

  • User Icon

    Giulia

    21/12/2008 18:38:16

    Solo una parola: splendido. Uno dei capolavori più alti della letteratura,che focalizza l'attenzione sull'identità della persona. Un libro filosofico molto particolare. Pirandello è davvero un Grande.

  • User Icon

    Daniele

    24/03/2008 19:29:35

    Storia originale e bella,scritta in maniera impeccabile,riesce ad esprimere il suo pensiero attraverso un romanzo e non è facile(anzi molti non lo fanno specialmente oggi).Grande libro,consigliato vivamente.

  • User Icon

    Meco

    01/08/2007 15:18:19

    Grandissimo capolavoro. Pirandello riesce come nessun altro a penetrare in argomenti difficili e pericolosi e costringe chiunque a porsi davanti ad uno specchio e mettere in dubbio la propria identità, concetto che eleverà poi al massimo livello in "Uno, nessuno e centomila".

  • User Icon

    Claudio

    03/02/2006 18:56:13

    Dopo un primo momento in cui, sotto l'influenza del naturalismo e del verismo, Pirandello prende contatto con la realtà, constatando e prendendo atto del contrasto realtà-apparenza, lo scrittore passa alla ricerca delle cause di tale contrasto scavando nella psiche umana. Assurda è la pretesa dell'individuo di fissarsi in una "forma" . Da qui la ribellione, l'urto con il mondo e la società, che vorrebbero costringerci a stare al gioco, mentre noi ci sentiamo spinti alla libertà, a vivere secondo il nostro "contenuto" e non secondo la "forma" che gli altri ci impongono. Tale è la situazione che Pirandello ci presenta ,per la prima volta, nel romanzo " Il fu Mattia Pascal" , che costituisce il fondamento di tutta la concezione pirandelliana della personalità. Di mio cosa posso aggiungere? Un libro straordinario. "Il fu mattia pascal" più di una volta mi ha toccato nel profondo, un romanzo che mi ha insegnato non solo a capire gli altri ma prima di tutto a capire me stesso, eccezzionale. Pirandello penetra a fondo nell'animo dei solitari.

  • User Icon

    teo

    04/07/2005 11:59:26

    molto bello ... leggetelo!

  • User Icon

    valentina

    10/08/2003 14:08:25

    Trama originale...a volte anche divertente...ma che, nello stesso tempo, fa' riflettere.

  • User Icon

    Federix

    24/02/2003 19:52:08

    è bellissimo e consiglio di leggerlo

Vedi tutte le 15 recensioni cliente
  • Luigi Pirandello Cover

    Nacque nel podere di campagna detto il Caos, da una famiglia della borghesia commerciale di tradizione risorgimentale e garibaldina, sia da parte del padre Stefano che della madre, Caterina Ricci-Gramitto. Preso soprattutto da interessi filologici e letterari, frequentò le università di Palermo, Roma e Bonn, dove si laureò nel 1891 con una tesi in tedesco di fonetica e morfologia (in traduzione italiana: 'La parlata di Girgenti'). Tornato in Italia nel 1892 e stabilitosi a Roma, grazie a Luigi Capuana strinse contatti con la cultura militante, collaborando con scritti critici e poesie alla «Nuova Antologia», conducendo sul «Marzocco» un’accesa polemica antidannunziana e insistendo in molti interventi su vari periodici sul tema della crisi... Approfondisci
Note legali