Il gatto in noi - William Burroughs - copertina

Il gatto in noi

William Burroughs

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: G. Bernardi
Editore: Adelphi
Edizione: 14
Anno edizione: 1994
In commercio dal: 2 marzo 1994
Pagine: 116 p., Brossura
  • EAN: 9788845910357
Salvato in 107 liste dei desideri

€ 8,50

€ 10,00
(-15%)

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Il gatto in noi

William Burroughs

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Il gatto in noi

William Burroughs

€ 10,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Il gatto in noi

William Burroughs

€ 10,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 6,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,88
di 5
Totale 8
5
2
4
4
3
1
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    elia bellei

    20/09/2019 19:21:48

    Libro simpatico e originali. Collana di ricordi riguardanti i suoi animali domestici preferiti, i gatti. Il testo non mantiene molto di quell’assurdita tipica burroughsiana, ma rimane ugualmente godibile.

  • User Icon

    Daniele

    20/09/2019 14:55:42

    Da amante dei gatti non potevo perdermi questo libricino che raccoglie brevi racconti legati al rapporto dell’autore con questi misteriosi ed enigmatici animali. Sono rimasto molto soddisfatto perché credo che William Burroughs sia riuscito a comprendere e a trasporre in parole le caratteristiche e le qualità dei miei animali preferiti.

  • User Icon

    Dany

    10/03/2019 16:29:04

    Questo libro è una sorta di diario, una serie di racconti legati ai gatti che l'autore ha incontrato nella propria vita, e una rassegna delle loro caratteristiche e comportamenti (che a volte sembrerebbero tipici più degli umani che dei felini!) e da amante dei gatti posso dire che descrive bene la delicatezza, l'eleganza e la profondità di queste strane creature, quasi dei folletti della casa, compagni silenziosi e discreti degli umani.

  • User Icon

    Fulvio Stoja

    25/12/2013 21:24:46

    Premesso che amo tutti gli animali tranne gli insetti (eccezion fatta per la farfalla), non sono d'accordo con chi sostiene l'amore viscerale per il gatto, escludendo gli altri animali che per simpatia, soprattutto, e non per opportunismo come per il furbastro micio, e dicevo per sensibilità sono insuperabili per la loro personalità, dolcezza ed intelligenza.Ho cresciuto molti anni fa un cardellino, raccolto piccolo per strada perchè aveva perso l'equilibrio.L'avevo,col tempo,reso autonomo e,soprattutto,libero di poter svolazzare per casa entrando ed uscendo dalla sua gabbietta per posarsi a suo piacimento sulla mia spalla o quella di mio padre, cinguettando festosamente e saltellando di qua' e di la'. Così, per un coniglietto stupendo che mia madre aveva ricevuto in dono per "cucinarlo". Ed, invece, nemmeno mio padre ebbe il coraggio di ucciderlo (Era stato un grande cacciatore in giovinezza!!!), perchè io, mio fratello e le mie sorelle facevamo a gara a fargli coccole e doni di lattughe e carote. Era diventato talmente grande che, specie quando si alzava sulle zampe posteriori per stare ritto in piedi lo si sarebbe scambiato per un canguro. Solo la vecchiaia ce lo strappò via con grande dolore. Gatti e cani si sono alternati negli anni successivi fino ad giungere ai giorni nostri con una splendida meticcia tutta nera, la nostra gatta Sissy, una vera principessa viziata da noi e Lei se ne approfittava con la scusa delle fusa. La dolcissima,furbastra,ostinata e da "sangue blu",dopo otto anni di convivenza con la nostra cagna LIZ (anche tutta nera con un cravattino bianco)è stata colpita da un ittero mortale. Ora, rimane solo Liz, di media statura, bellissima ma invalida per una displasia alle zampe posteriori. Quattro volte al giorno devo portarla giù per i suoi bisognini, col l'ausilio di una inbracatura imbottita per aiutarla a reggersi almeno sulle zampe posteriori e fare letteralmente quattro passi faticosi per Lei e per me, per poi pulirla e riportarla su.

  • User Icon

    Jessica

    28/11/2008 18:24:11

    Sconsiglio il libro non a tutti gli amanti dei gatti ma a tutti gli amanti degli animali. L’autore infatti è caratterizzato da un atteggiamento comune a tutti, o quasi tutti, i gattofili e cioè: amore per i gatti, odio per tutte le altre specie viventi. “I conigli non hanno natura carina neanche da piccoli, riescono soltanto a fare degli stupidi scatti reattivi”, “il cane è schifoso perché l’uomo cacciatore se ne sta a guardare mentre una bella volpe delicata vien fatta a pezzi”. Per cui quel che ne viene fuori è un libro dalle note incredibilmente poetiche per quanto riguarda il gatto e da alcune note incredibilmente snervanti per chi come me, ritiene che amore per gli animali significa prima di tutto amore per tutto il mondo vivente.

  • User Icon

    roberto cocchis

    08/12/2007 16:22:48

    Non mi spellerei le mani per applaudirlo, ho letto certamente di meglio: ma, da gattofilo irriducibile, riconosco la sincera sensibilità dell'autore verso i miei animali preferiti e, direi, anche nel suo rapporto con la vita in generale. Su quest'ultimo aspetto non ci avrei scommesso, ripensando alle sue note biografiche.

  • User Icon

    D

    23/10/2006 09:54:49

    Si tratta di brevi annotazioni sui gatti con cui è venuto in contatto: affetto, fascino ma anche paura di smarrirli. Interessanti anche i riferimenti autobiografici...sembra che i gatti siano uno specchio dei sentimenti e della vita dell'autore, parlare di loro significa per lui parlare di se stesso, del proprio mondo privato, reale o immaginario che sia.

  • User Icon

    chiara

    22/05/2006 20:30:00

    Consiglio il libro a tutti coloro che amano i gatti. Questo mini libro, seppur composto da brevi paragrafi, ti immerge nel mondo del protagonista, il quale descrive minuziosamente alcuni momenti della sua vita condivisa con diversi mici.Che dire questi felini sono A D O R A B I L I!

Vedi tutte le 8 recensioni cliente

recensione di Lauro, C., L'Indice 1994, n.10
(recensione pubblicata per l'edizione del 1994)

A parte la parentesi egizia (con la sua adorazione in vita e in morte), le persecuzioni, d'ogni genere, sul gatto non si contano: non soltanto nei secoli più mistici e bui ma, duole dirlo, anche in fasi indubitabilmente laiche, illuminate e carnascialesche (si veda il libro di Robert Darnton, "Il grande massacro dei gatti", Adelphi, Milano 1988. Peraltro, dal maggio scorso, una barbarica, inverosimile sentenza della Corte di Cassazione riconsegna i gatti allo smercio indiscriminato per la vivisezione). Ad attirare roghi e altre piacevolezze non furono soltanto superstizioni demoniache, ma un'intolleranza di fondo verso la misteriosa, fierissima indipendenza di questo felino. A parte il saggio e benefico "gatto con gli stivali" di Perrault, la letteratura si compiacque di tramandarne soprattutto l'essenza luciferina, l'ambigua selvatichezza, l'abilità nelle apparizioni e sparizioni repentine: il gatto si materializzava sopra un cadavere murato in cantina (Poe), o era il losco compagno della volpe in Pinocchio; sulfureo in Hoffmann e in Bulgakov, inflessibilmente libero e saccente in Kipling.
Il tempo, senza alcun dubbio, ha via via incrementato questa predilezione (poeti compresi: Baudelaire, Eliot). E, si direbbe, in direzione sempre più strettamente autobiografica, rivelando nel gatto un elemento quasi imprescindibile della nostra esistenza. Ne è come un simbolo quel romanzo di Colette in cui il protagonista si trova costretto a scegliere tra la fidanzata e la gatta (con opzione, senza troppi tormenti, per la "chatte"). E parlano da sole le biografie che delle sue gatte scrisse Pierre Loti, o la fedeltà assoluta di Céline a Bébert in un'Europa ridotta a ferro e fuoco, o il suggello felino che Elsa Morante volle mettere a inizio e fine di "Menzogna e sortilegio".
Con Burroughs siamo però di fronte a un testo specialissimo, lucido e determinato, e insieme intriso di disperata sensibilità. A tutta prima, si stenterà, forse, a riconoscere il personaggio devastato e devastante di tanti sconvolgenti romanzi in quel tranquillo borghese che in un supermercato sceglie cibo per gatti e di gatti discetta con una vecchia acquirente. Si pensa forse a Paol Léautaud; ma Burroughs è meno visibilmente patetico e soprattutto meno eroico (perlomeno non altrettanto disposto a sacrificare finanze, casa, amori e carriera letteraria alla raccolta di decine e decine di randagi). E poi "Bestiaire" - splendida odissea quotidiana di un ipocondriaco che, su tutto, ama le bestie - è un libro fortuito, casuale, che raccoglie, grazie ai posteri, le molte pagine sugli animali (circa 250, tra il 1908 e il '24) che Léautaud stesso, pudicamente, aveva espunto dai suoi ponderosissimi "Diari". Diaristiche, sono, di fatto, tutte queste notazioni di pedinamenti, apprensioni, ricoveri, malattie, veglie, morti e nascite; meticoloso e ipersensibile, il taccuino di Léautaud descrive giorno per giorno una spirale di tenerezze e di compromessi praticamente senza ritorno. Burroughs ha maggior controllo sulla situazione, nel senso che (per una volta) non si imbarca in situazioni limite. Ma il testo registra una tensione viscerale non certo minore e talvolta delirante. E Burroughs, per primo, mostra di accorgersene. Rilegge le prime, trepide pagine del suo stesso testo col più allibito e sarcastico dei commenti ("Mio Dio, sono io?... parole da vecchia checcha bisbetica inglese"). Non c'è bisogno di imbastire il serraglio di Léautaud per soccombere alla passione del gatto in tutti i suoi tortuosi condizionamenti. A Burroughs basta assai meno (poche esperienze, tutte in età senile) per costruire un libro ossessionato da apprensioni, sensi di colpa, sogni e presentimenti sulla sorte dei suoi "compagni psichici" attuali e passati. All'osservazione beata e costante del "piccolo dio del focolare" descritto in tutte le sue virtù con cadenza quasi baudelairiana ("Eleganza, grazia, delicatezza, bellezza"), fa puntuale riscontro la pericolosità di un mondo esterno in cui orde umane e canine attendono al varco l'essere nobile "che non offre servigi", defunzionalizzato da Burroughs anche rispetto alla leggenda del cacciatore di topi. È proprio l'anarchismo e l'estraneità al sistema, che Burroughs, da sempre, difende; e in tal senso i gatti ereditano e continuano il destino degli adolescenti burroughsiani, sì che spesso le identificazioni si accavallano, sino a qualche allusiva reincarnazione (in Ruski rivivrebbero alcune belle e sciagurate esistenze finite male: Kiki, Angelo; del resto, già la popolazione di "Ragazzi selvaggi annoverava gli artigliati ragazzi-gatto).
A questo punto s'inquadra perfettamente uno dei cardini del volumetto: la trista avversione per i cani. Addestrati - ed è il peccato capitale - ai peggiori istinti dell'uomo, cacciatori (crudeli sbranatori di volpi), ringhiosi, servili, infidi, turpi, sudici, bavosi, i cani turbano letteralmente, come un malefico archetipo, i sogni di Burroughs. In qualsiasi altro ammiratore del gatto, c'era stato almeno un elogio o un ammicco per questo tradizionale avversario, magari un distinguo (Baudelaire detestava le razze, ma lasciava ai randagi una pagina aurea). Burroughs costruisce invece il libro su un'antitesi, offre un contraltare spietato agli scodinzolamenti devoti di "Cane e padrone" stravolge le virtù canine in abominevoli difetti, incluso il coraggio alla "Zanna bianca": il cane - sentenzia contro il senso comune - è capace di lottare sino alla sua "stupida morte", dove il gatto, vista la peggio, si ritira in buon ordine. È la stessa occhiata di simpatia di Céline a Bébert che gli trotterella docilmente a fianco solo per proteggersi dall'aquila dei nazi. Non è un caso, del resto, che una pagina de "Il gatto in noi" sia amorosamente dedicata all'assai codarda volpe del deserto, cauta, furba e sanguinaria, che le simpatie dell'autore vadano alle più curiose varietà di felini selvatici, a certi loro spietati confini coi pipistrelli e i lemuri, lo zibellino e il visone, la moffetta e il procione.
Se è vero, cioè, che i gatti sono "misteriosamente umani", l'umanità che qui Burroughs intende non è quella che sin nel "ringhio virtuoso" (del cane) svela "l'ottuso moralista", ma è quella innocente e un po' eccentrica anche nella ferocia, libera pur nei compromessi. Forse nessun etologo è stato mai più sottile nel render conto di quel libero patto (e sempre solvibile) tra gatto e uomo, frammisto di diplomazia e fiducia, suscettibilità e indipendenza, infedeltà e affetto. L'ansia profonda del libro è tutt'uno con queste clausole aperte del patto, col lecito e quasi preventivato sparire delle bestie dai perimetri domestici. Ecco allora le ossessioni oniriche con vane ricerche tra squallide ed erbose periferie ("Non avrei dovuto portarlo qui! Mi sveglio che le lacrime mi corrono giù per la faccia"), le ciotole rimesse al loro posto, le luci speranzosamente tenute accese, il vuoto delle stanze che tanto più vuote sembrano perché prive di certe piccole, familiari perfidie.. È il destino di chi, come Burroughs, si è candidato a "Guardiano" di questi esseri "mutanti" e senza difesa: insonne il Guardiano paventa in anticipo, quasi per una dantesca condanna, maltrattamenti e liquidazione dei protetti perché meglio di loro conosce il controllo asettico e spietato che l'ordine borghese ha predisposto anche per essi (il "ricovero" sarà un "campo di sterminio").
"Il gatto in noi" non è soltanto il libro di Ruski e di Fletcher, di Caligo Jane e di Wimpy, ma un po' di tutti i gatti che Burroughs ha avvistato, anche per un attimo, e rievocato con la nostalgia delle occasioni perdute (quasi come le costruzioni del desiderio, nella "Ricerca" proustiana, su lattaie e lavandaie: intraviste e mai fermate). Alla fine, l'appello per "i milioni di gatti che miagolano nelle stanze di questo mondo" e che reclamano quella fiducia per sé e per la propria prole, forse invocata e pattuita, miticamente, migliaia di generazioni or sono. Per ogni suo protetto Burroughs, la fiducia, l'ha immancabilmente ripristinata. Da buon Guardiano, mai ignorando la complessità del suo oggetto, anzi esaltandone l'ibrido: "creatura che è in parte gatto, in parte uomo, e in parte qualcosa di ancora inimmaginabile, che potrebbe essere il risultato di un'unione non consumata per milioni di anni". O come recita il congedo, "Noi siano il gatto che è in noi".
  • William Burroughs Cover

    William Seward Burroughs II, più comunemente noto come William S. Burroughs, è stato uno scrittore e saggista statunitense. Legato alla beat generation, ma molto lontano, per sua ammissione, dalla realtà dei beatniks o hippies, fu un autore di avanguardia che influenzò la cultura popolare e la letteratura. Molti suoi lavori partono da esperienze personali legate all'uso di droghe e alla dipendenza da oppiacei. Ribelle alla famiglia e all’educazione alto-borghese (frequentò Harvard e studiò medicina a Vienna), nel secondo dopoguerra si diede alla droga e vagabondò in tutto il mondo, vivendo tra emarginati e sbandati (esperienze descritte in La scimmia sulla schiena, 1953). Dopo una cura disintossicante cominciò a scrivere romanzi:... Approfondisci
Note legali