-15%
copertina

Germania e Santa Sede. Le nunziature di Pacelli tra la grande guerra e la repubblica di Weimar

Emma Fattorini

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Il Mulino
Anno edizione: 1992
In commercio dal: 26 ottobre 1992
Pagine: 432 p.
  • EAN: 9788815036483

€ 21,07

€ 24,79
(-15%)

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Germania e Santa Sede. Le nunziature di Pacelli tra la grand...

Emma Fattorini

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Germania e Santa Sede. Le nunziature di Pacelli tra la grande guerra e la repubblica di Weimar

Emma Fattorini

€ 24,79

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Germania e Santa Sede. Le nunziature di Pacelli tra la grande guerra e la repubblica di Weimar

Emma Fattorini

€ 24,79

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


recensione di Riccardi, A., L'Indice 1993, n. 5

La diplomazia vaticana è spesso circondata dal mito. Si favoleggia sulle sue connessioni e capacità d'influenza. Eppure si è indagato molto su tanti aspetti del cattolicesimo contemporaneo, ma poco sulla diplomazia della Santa Sede. Per questo il libro di Emma Fattorini appare di particolare rilevanza. L"'ambasciata" di Pacelli in Germania viene ricostruita sui fondi inesplorati del Vaticano. L'impossibilità di condurre qui ricerche archivistiche dopo il 1922 ha costretto la Fattorini a limitare il suo studio alla Repubblica di Weimar. L'introduzione al volume è intitolata significatamente "La scrivania di un nunzio". Sul tavolo di Pacelli passano dossier scottanti: i tentativi falliti di pace di Benedetto XV, la sistemazione dell'Europa postbellica, i problemi tra Polonia e Germania, la questione della Ruhr, le difficoltà e i dibattiti del cattolicesimo tedesco. Nel libro si vede il funzionamento di un posto diplomatico vaticano. Pacelli cura i contatti politico-diplomatici come un ambasciatore. Risente della difficoltà di essere accreditato presso il governo di Monaco. Poi avviene il passaggio a Berlino nel 1920 "dove si fa la vera e grande politica", come scrive al cardinal Gasparri. Ma il nunzio non è solo un ambasciatore; collega pure la Santa Sede con i cattolici tedeschi. In una miriade di contatti con vescovi e laici, politici ed ecclesiastici, il particolare ambasciatore recepisce problemi e indicazioni, tenta di trasmettere le direttive di Roma, politiche, sociali, religiose che siano. Si tratta di un nunzio d'eccezione, di un ecclesiastico destinato a un grande futuro. Pio XI lo avrebbe chiamato a Roma nel 1929 come cardinale per farne quasi subito il suo segretario di stato. Nel 1939 Pacelli diviene papa con il nome di Pio XII. Su di lui si è scritto e dibattuto molto; ma il periodo precedente il pontificato è stato scarsamente indagato. Così il volume rappresenta un contributo essenziale per capire meglio la vicenda di questo papa e la sua esperienza europea. Si comprende, ad esempio, la sua sensibilità, dopo il secondo conflitto mondiale, alla crisi tedesca: aveva conosciuto le difficoltà e gli esiti delle "umiliazioni" tedesche dopo il 1918. Di eccessiva simpatia per la Germania e il suo popolo, Pio XII fu sempre accusato. I suoi più intimi collaboratori, dai gesuiti tedeschi alla mitica madre Pascalina, restarono quei tedeschi conosciuti durante la nunziatura.
Pacelli si è formato in una visione dell'Europa in cui la Germania deve restare un paese forte. Nel 1918 la Santa Sede è contraria alla mutilazione della Germania, nonostante favorisca anche la Polonia cattolica. Il recente libro di R. Morozzo della Rocca, "Le nazioni non muoiono, Santa Sede, Polonia e Russia rivoluzionaria", ricostruisce la vicenda del complesso rapporto del Vaticano con la Polonia tra nuova Russia e Germania. Si vede come la Santa Sede non punti solo alla difesa degli interessi territoriali cattolici ma al consolidamento degli equilibri europei.
Già negli anni tedeschi il futuro papa fa l'esperienza del contatto con i movimenti comunisti. Una certa leggenda riferisce che durante l'attentato dei rivoluzionari alla nunziatura maturò un anticomunismo viscerale. I documenti pubblicati da Emma Fattorini ridisegnano i contorni reali dell'episodio. La fine della "repubblica dei Consigli" è accolta con gioia da Pacelli: "Fra gli applausi generali comparvero le prime truppe del Governo. Alla residenza fu abbassata la bandiera rossa e issata tra la commozione e gli applausi di un immenso pubblico la bandiera celeste e bianca della Baviera... "
Lo studio delle nunziature di Pacelli non rappresenta solamente un capitolo importante della biografia di un papa; è uno spaccato sulla diplomazia vaticana in un tempo difficile segnato dalla guerra mondiale, dall'esclusione della Santa Sede dalle trattative di pace, dall'insorgere dei nazionalismi non senza connessioni con le identità religiose. Emerge un'analisi del funzionamento di quella particolare internazionale che è la Chiesa cattolica facente capo a un soggetto quale la Santa Sede, ma pure ramificata in tanti cattolicesimi nazionali inseriti in contesti politici differenti: Se il centro romano detta le linee d'una visione generale che i nunzi trasmettono fedelmente ed eseguono, non tutto è così semplice. La Chiesa cattolica è gerarchica e il ruolo di sommo regolatore esercitato dal papa è indiscutibile. Ma la realtà non è quella di un esercito. Lo si vede ad esempio nelle resistenze che il nunzio Pacelli incontra tra i vescovi tedeschi nella realizzazione dei suoi progetti. Lo si può osservare per l'Alta Slesia dove ci si scontra con quelli che chiama "i fanatici polacchi" ma anche con il filogermanesimo del cardinale Bertram. La Chiesa cattolica è un'internazionale particolare in cui i vincoli intensi non sono solo di carattere ideale. Proprio al nunzio spetta il ruolo di collegamento di una visione maturata a Roma con le esigenze, le suggestioni e le resistenze di Chiese che hanno una configurazione nazionale. E monsignor Pacelli opera per dare un'identità nazionale al cattolicesimo tedesco; intraprende una politica concordataria che ha nell'accordo con il governo bavarese il suo modello. Sotto l'impulso di Pacelli la Chiesa tedesca si struttura in modo tale da affrontare gli anni del nazismo e della guerra. Per il Vaticano la Germania e la Chiesa tedesca restano importanti riferimenti in un'Europa dove l'impero asburgico si è dissolto, si affaccia il comunismo sovietico, le tante nazioni centrorientali trovano un loro difficile equilibrio. Una Germania forte ed equilibrata è per il Vaticano una garanzia contro il bolscevismo, il laicismo, la bellicosità dei piccoli stati. Nell'esperienza tedesca, nei fallimenti delle azioni mediative di Benedetto XV, il futuro papa si convince sempre più dell'inutilità della guerra e della grave eredità che lascia: il problema per la Chiesa contemporanea è quello di costruire salde basi per una convivenza pacifica in Europa.
Note legali