Traduttore: P. Massardi
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
In commercio dal: 22 ottobre 2002
Pagine: VIII-132 p.
  • EAN: 9788806161965
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Gesù è l'unico personaggio dell'antichità a essere universalmente conosciuto, benché non abbia lasciato alcuna testimonianza scritta. Ancora oggi è vivo il ricordo di scene ed episodi della sua vita; parole e massime da lui pronunciate sono entrate a far parte del repertorio verbale comune. Si è arrivati a definire perfino i suoi connotati fisici. Eppure quanto più l'oggetto della ricerca è lontano da noi, nel tempo e nella coscienza, tanto maggiore è il pericolo di colmare tale distanza ignorando la differente percezione del mondo. Secondo Roloff, per ricostruire la figura di Gesù occorre partire dalla nostra visione del mondo, senza dimenticare che siamo lontanissimi dal suo mondo spirituale e culturale.

€ 6,38

€ 7,50

Risparmi € 1,12 (15%)

Venduto e spedito da IBS

6 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gianfranco Baratti

    13/04/2003 16:02:48

    Affronta la questione ponendo Gesù nel contesto storico-ebraico coevo. Interessanti e precise le annotazioni a proposito delle fonti e della loro interpretazione; saggiamente ammonisce che trattandosi di un personaggio la cui figura supera lo stretto ambito storico, per le sue connotazioni teologico cristiane, bisogna fare molta attenzione al problema delle fonti. Decisamente profonda, pur nella sua essenzialità, l'analisi sul contesto storico e di quello dell'ebraismo coevo, che mostra uno "spazio" nel quale collocare Gesù "per capire" il personaggio. Sulle opere di Gesù, Roloff sottolinea come la predicazione si collochi sempre nel mondo ebraico, proponendo un regno di Dio già "vicino" con una sua "propria" etica, più "severa" rispetto all'Antico Testamento. Come Gesù sia diventato il Cristo della Chiesa, seppure non era il tema dell'opera, è poco caratterizzato. Stimolante l'annotazione critica su Gesù nell'era dei media, dove si evidenzia come la figura "unica" del personaggio sia stata in un qualche modo sfruttata a seconda - diremmo - delle mode ideologiche a discapito di una conoscenza storica credibile. Una lettura utile precisa ed interessante. Agile nella sua struttura. Una doverosa lettura per ogni buon cristiano!

Scrivi una recensione