Il gioco della donnola

James Patterson

Traduttore: D. Cerutti Pini
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Edizione: 2
Anno edizione: 2001
In commercio dal: 19 gennaio 2001
Pagine: 396 p., Rilegato
  • EAN: 9788830418974
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,20
Descrizione

Alex Cross è alle prese con uno spietato serial killer: Geoffrey Shafer. Egli, addetto all'ambasciata inglese di Washington ed ex agente dei servizi segreti, conduce una vita apparentemente esemplare, ma, in realtà, è divorato da un'unica "passione": uccidere giovani prostitute di colore. I suoi delitti, però, non sono casuali, ma seguono uno schema ben preciso dettato nel corso di un esclusivo gioco virtuale denominato "I Quattro Cavalieri", al quale partecipano, appunto, quattro spietati "messaggeri dell'Apocalisse". Proprio quando sta per cadere nella trappola tesagli dall'investigatore, Shafer alza la posta in gioco e rapisce Christine, la compagna di Alex Cross.

€ 9,20

€ 17,04

9 punti Premium

€ 14,48

€ 17,04

Risparmi € 2,56 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lorso57

    03/06/2012 19:15:53

    E' il primo libro di questo autore che leggo e sinceramente mi aspettavo molto di più. Anche se si tratta di ambientazioni nettamente diverse, ad esempio Mankell e il suo Wallander stravincono il confronto a mani basse. Patterson esagera con il numero di cadaveri per tenere in piedi una storia poco credibile. La parte che ho apprezzato maggiormente è quella dedicata al processo. Boccio anche il doppio finale che non mi ha convinto.

  • User Icon

    Andrea72

    25/07/2004 16:49:52

    E' il primo libro di patterson che leggo dopo aver visto i due film tratti da altri suoi lavori..Francamente sono rimasto un pò deluso da tutto quanto..Alex Cross qua sembra più un personaggio preso in prestito da un harmony(non che non si abbia bisogno di sentimenti,di amore,di famiglia etc,ma questo dovrebbe essere un thriller..),la trama non regala colpi di scena o momenti particolari..La scelta (a mio modestissimo parere pretestuosa) di mettere il nome della donnola fin dalla prima pagina deve far supporre che tutto ciò che dovrebbe legare il lettore alle pagine di questo libro sia legato all'abilità di chi scrive di intrecciare una trama ben congeniata,sostenuta da un'alto livello emotivo,tensione narrativa..non vi ho trovato niente di questo,non c'è l'umorismo di crais ( e vabbè..),non ci sono le accurate indagini e i colpi di scena di deaver,cross non ti si appiccicca addoso come harry bosch di connelly...D'accordo,chi scrive è patterson e avrà un suo stile, ma la domanda è...quale?Però non mi arrendo,forse sono partito dal titolo sbagliato e ne leggerò altri,anche se non sono molto fiducioso..

  • User Icon

    Ines

    04/02/2004 10:14:19

    Anche se la trama è molto prevedibile, ci sono comunque degli ottimi passaggi. X chi poi è affezionato ad Alex Cross, il gioco continua...

  • User Icon

    duncan ferguson

    07/06/2002 10:12:14

    non mi ha assolutamente convinto. un banale serial killer, una famigliola da pubblicità del mulino bianco, il rapimento della ragazza del buono, una cinquantina di pagine alla Grisham ma di serie C, un bambino che praticamente risolve il caso, un finale sciatto e raffazzonato e il vissero felici e contenti. Tutto già visto, tutto già scritto. un romanzo vuoto e insignificante. a chi ha dato 5/5 chiedo: ma se leggete Deaver, Folsom, Connolly (non Connelly) o Lehane, tanto per rimanere nel genere che voto darete?? 100??

  • User Icon

    alessia

    20/04/2002 12:54:04

    E' incredibile come siano avvincenti tutti i libri di James Patterson che hanno come protagonista Alex Cross.L'ho letto in due giorni e lo consiglio a tutti gli appassionati di thriller e in particolare di Alex Cross.

  • User Icon

    Romano De Marco

    14/03/2002 15:21:23

    Fino alla metà il libro è legibilissimo, il solito Patterson che a volte è riuscito anche a scodellare dei thriller avvincenti (nonostante il debordante moralismo e l'eccessivo compiacimento nel descrivere le virtù dei suoi eroi...) ma stavolta... ad un certo punto il tutto diventa un polpettone prevedibile, stucchevole, angosciante e banalissimo.. con addirittura un finale strappalacrime da film di serie B... che dire? Proprio il contrario di quello che io mi aspetto da una lettura del genere... comunque se a qualcuno interessa si accomodi pure... Per quel che mi riguarda a Patterson concedo solo un'altra chance... Romano De Marco

  • User Icon

    marco

    13/12/2001 23:54:53

    Anch'io dico che il libro è molto bello,anche se devo dire che il finale mi ha lasciato perplesso...

  • User Icon

    Francesco

    29/08/2001 17:58:39

    E' il primo romanzo di Patterson che leggo. Che dire...semplicemente grandioso.

  • User Icon

    STEFY

    19/06/2001 16:04:39

    MOLTO AVVINCENTE! HO MOLTO A CUORE ALEX CROSS E ACCETTO PIU' CHE VOLENTIERI UN FINALE SCONTATO E CHE LASCIA SPAZIO PER UNA CONTINUAZIONE, INFATTI NON VEDO L'ORA DI LEGGERE DI UN NUOVO CASO DEL PERSONAGGIO!

  • User Icon

    Andrea Guidi

    08/04/2001 21:58:56

    E' libro avvincente e che scorre bene.Peccato per il finale troppo scontato e senza colpi di scena particolari.

  • User Icon

    DAVIDE

    31/03/2001 22:45:21

    MI ASSOCIO AGLI ALTRI LETTORI, ANCHE SE PER ME E' STATO IL PRIMO LIBRO DEL GENERE, HO LETTO MOLTI LIBRI SU INTRIGHI INTERNAZIONALI, QUESTO NUOVO GENERE PER ME E' INIZIATO BENE. LASCIO IL MIO INDIRIZZO PER CONSIGLI PER GLI ACQUISTI!

  • User Icon

    angela

    04/03/2001 12:44:08

    Sicuramente il migliore di James Patterson, anche se, come dice Paolo, il finale lascia un po' a desiderare... poteva fare meglio.

  • User Icon

    Paolo Azzarello

    03/02/2001 11:53:57

    Scritto e giostrato divinamente fino alle ultime 40 pagine, dove si perde un pò il ritmo e si finisce nella banalità. Sicuramente un buon libro, da leggere per gli amanti del genere, ma poteva comunque essere trattato con maggiore impegno...

Vedi tutte le 13 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione