Giovanna D'Arco

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Giuseppe Verdi
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Dynamic
Data di pubblicazione: 1 marzo 2016
  • EAN: 8007144076764

€ 33,90

Punti Premium: 34

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Festival della Valle d'Itria, Martina Franca, Luglio 2013
Nella cronologia dell'opera verdiana, la Giovanna d’Arco, rappresentata per la prima volta al Teatro alla Scala di Milano il 15 febbraio 1845, occupa esattamente il settimo posto, tra I Due Foscari (novembre 1844) e Alzira (agosto 1845). A quell’epoca Verdi poteva ormai essere considerato un autore di successo, l’erede riconosciuto di Bellini e Donizetti. Dopo l’exploit del Nabucco, che ne aveva fatto un musicista di primo piano nel panorama operistico nazionale, il recentissimo trionfo veneziano dell’Ernani si era immediatamente ripercosso anche fuori d'Italia, facendo di Verdi un compositore di fama internazionale. La genesi della Giovanna d’Arco non è molto ben documentata dall’epistolario del compositore. Verdi la scrisse in soli quattro mesi utilizzando un libretto di Temistocle Solera tratto dal dramma Die Jungfrau von Orléans, tragedia romantica in cinque atti di Friedrich Schiller. Giovanna d’Arco contiene pagine di alto profilo, segnate sempre dal senso infallibile per il teatro e per il giusto tempo drammatico, caratteristici dello stile verdiano.
  • Giuseppe Verdi Cover

    Compositore.La giovinezza e i primi successi. Le origini assai modeste gli resero difficile l'accesso a studi regolari. Iniziò sotto la guida di Pietro Baistrocchi, organista di Roncole, ed esercitandosi su una spinetta acquistatagli dai genitori. Poi Antonio Barezzi, mercante di Busseto e suo futuro suocero, si interessò perché potesse seguire i corsi del locale ginnasio e avesse lezioni da Ferdinando Provesi, organista di Busseto. Intanto, ormai quindicenne, V. aveva cominciato a scrivere musica, profana e sacra, ad uso della locale Società filarmonica e di privati di Busseto; ma il suo desiderio di completare gli studi al di fuori dell'ambiente provinciale urtò contro numerose difficoltà: non ebbe il posto di organista nella chiesa di Soragna, non riuscì a ottenere sovvenzioni finanziarie,... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali