Giù le mani! L'altra America sfida potenti e prepotenti

Michael Moore

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: P. Bertante
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2004
Pagine: 283 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788804538653
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 5,25

€ 7,00
(-25%)

Venduto e spedito da Biblioteca di Babele

Solo una copia disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 6,90 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Michael Moore con i suoi film e i suoi libri ci ha abituato a uno stile personalissimo di giornalismo di denuncia: il suo inconfondibile tono satirico, irriverente e incalzante dà voce a una raffica di denunce impietose e puntuali dei molti mali che hanno trasformato il Sogno Americano in un incubo. In queste pagine, pubblicate per la prima volta negli Stati Uniti nel 1996, all'indomani della grande crisi dell'industria automobilistica, Michael va all'assalto di tutte le vacche sacre del mondo conservatore e reazionario targato Usa.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 2
5
0
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Rita

    05/10/2004 16:15:35

    Lo stile è quello diretto, Moore dice quello che pensa, l'obiettivo è "dissacrare per demolire" il "sogno americano"..... Il colosso si sgretola pagina dopo pagina, incalzati da una drammatica ironia stilistica, ci ritroviamo ad aprire gli occhi sull'assurdità del sistema americano! Bellissimo il quiz sul "chi l'ha detto", provate a indovinare tra le varie frasi citate chi, repubblicano o democratico, ha detto cosa!!! Veramente sorprendente!

  • User Icon

    cianka

    22/09/2004 12:27:31

    Giudizio positivo anche per questo libro di Michael Moore che probabilmente da' il meglio di se'quando parla dei mali del suo paese. Geniale l'idea di cambiare nome agli stati uniti per migliorare l'immagine nel mondo. Veramente divertente.

Grintoso, diretto, sfrontato e schietto, Michael Moore torna ad attaccare l'America dei nostri giorni. E questa volta non risparmia nessuno: repubblicani e democratici, Wall Street, presidenti, senatori, lobbies e multinazionali sono tutti bersagli della sua impietosa denuncia. Come negli altri suoi libri, l'autore, pluripremiato regista dei documentari Fahrenheit 9/11 e Bowling a Columbine, snocciola dati, fa nomi e cognomi, ribalta comode verità, smaschera la crudele assurdità delle logiche politiche, economiche e sociali che hanno devastato e continuano a devastare il suo paese. Basate su documenti e ricerche, le riflessioni esposte in queste pagine, pubblicate negli Stati Uniti nel 1996 e uscite ora per la prima volta in Italia, riguardano molteplici aspetti della società americana: dalle feroci riduzioni di personale delle grandi aziende alla disastrosa debolezza dimostrata dai democratici di fronte alle offensive della destra, dalla sottomissione quasi umiliante del Congresso Usa agli interessi di poche megacorporations alla demonizzazione dei più poveri, dal razzismo bianco all'isteria antifemminista e all'omofobia. Moore realizza il ritratto di un Paese potente ma anche pieno di contraddizioni; ne denuncia i grandi mali senza rinunciare alla sua sottile e pungente ironia; rivela con coraggio piccole e grandi ingiustizie che spesso rimangono ai margini della grande cronaca. Tra i casi denunciati quello delle grandi "mamme" assistite, ovvero le grandi imprese "scroccone" che prosperano arraffando miliardi di dollari in sussidi pubblici, o quello degli imprenditori criminali, manager di primo piano descritti in figurine segnaletiche disarmanti, che svelano le loro grandi imprese. Per non parlare delle esilaranti pagine in cui Moore implora Nelson Mandela di liberare l'America dalla piaga dell'apartheid o si appella alla Norvegia e all'Olanda chiedendo aiuti umanitari per i poveri d'America.
Insieme a Stupid white men e Ma come hai ridotto questo paese?, un'altra lettura pungente e originale che svela il lato meno nobile degli Stati Uniti, in attesa delle prossime elezioni presidenziali.

Note legali