Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Giuseppe Verdi. Il Trovatore (DVD) - DVD di Luciano Pavarotti,Eva Marton,Sherrill Milnes,Giuseppe Verdi

Giuseppe Verdi. Il Trovatore (DVD)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Giuseppe Verdi
Supporto: DVD
Numero supporti: 1
Etichetta: Deutsche Grammophon
Data di pubblicazione: 11 novembre 2000
  • EAN: 0044007300299
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 22,50

Venduto e spedito da LIBRIAMO

spinner

Disponibilità immediata

Solo 1 prodotto disponibile

+ 4,99 € Spese di spedizione

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 18,50 €)

L'opera di Giuseppe Verdi in quattro atti diretta da James Levine al Metropolitan Opera di New York, vede Luciano Pavarotti (tenore) nel ruolo di Manrico, il trovatore, Sherrill Milnes (baritono) nel ruolo del Conte di Luna ed Eva Marton (soprano) nel ruolo di Leonora.
3,5
di 5
Totale 2
5
1
4
0
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    daniele dessi

    01/02/2007 02:11:02

    Questo Trovatore è magnifico. E lo è proprio in virtù dei suoi magnifici protagonisti. Pavarotti è al top, voce splendida, imperdibile, calda, una meraviglia. Milnes è un Conte di Luna impeccabile, perfido e arrogante come deve essere. La zingara Azucena della Zajick è un capolavoro: definita "mostruosa" da qualcuno, cosa ci si aspettava di trovare nel suo ruolo di assassina e infida, una modella Chanel? Eva Marton è una gioia, timbro potente, interpretazione sublime. Certo, non aspettatevi un'oca giuliva che cinguetta come una Biancaneve qualsiasi con contorno di uccellini gaudenti: in Eva ribolle sangue ungherese, temperamento da condottiera, in lei voce e portamento si fondono insieme in fierezza, passione, orgoglio. Non è la solita soprano, è vero, infatti Eva Marton è infinitamente di più, è una delle più grandi, anzi delle grandissime, di ogni tempo, oscenamente sottovalutata rispetto a tante comari ululanti di ieri come di oggi.

  • User Icon

    Alberto Zini

    05/09/2006 15:03:01

    Direzione accesa e serrata,molto teatrale ed attenta nell'accompagnamento al canto.Orchestra più che buona mentre coro davvero indecente(sentire l'attacco del secondo atto).Lo spettacolo è sicuramente raffinato e corretto,senza cadute di gusto,ma anche piuttosto banale.Scena unica formata da una grade scalinata affiancata da pilastri polistili mutuati dalle cattedrali gotiche e romaniche del Nord Europa,che di volta in volta lasciano trasparire fondali dipinti che fungono(o dovrebbero fungere)da cifra riassuntiva delle diverse situazioni.Nulla di nuovo,insomma,ma nemmeno nulla di scabroso.Non male i costumi.Rimante il cast.Che delude profondamente.Per prima cosa,la Marton.Cosa c'entri nel Trovatore è un vero mistero(meno male ci sono i tagli che evitano diversi problemi per l'ascoltatore!).Voce,emissione,temperamento assolutamente alieni dal canto e dallo stile italiani.Azucena non è male vocalmente(ma nemmeno esaltante)però visivamente è mostruosa.Milnes è abbastanza provato e non regge come gli accadeva anni addietro la tessitura del Conte in ogni sua parte ma non fa ascoltare nulla di veramente riprovevole.Pavarotti è la vera delusione:timbro sempre magnifico ma appesantito e povero di squillo nella pira(e anche qui il taglio del da capo aiuta),comunicativo ma senza il vero e proprio scavo psicologico del personaggio,il tenore si accontenta di assecondare i desideri di un pubblico adorante che gli tributa un'ovazione appena entra in scena dopo il "deserto sulla terra"(nemmeno tanto bello)e che approva incondizionatamente qualunque cosa canti(fortunatamente canta piuttosto bene per tutta la parte).Era forse tardi per videoregistrare il Manrico di Pavarotti,unica e sola ragione di uno spettacolo altrove abbastanza ordinario.

  • Luciano Pavarotti Cover

    Tenore. Esordì nel 1961 a Reggio nell'Emilia con La Bohème di Puccini, destinata a diventare l'opera a lui più congeniale, cui si aggiunsero presto altri due titoli capitali della sua brillantissima carriera, L'elisir d'amore di Donizetti e Un ballo in maschera di Verdi. Attorno a queste tre opere, interpretate più e più volte in tutto il mondo, ha costruito un repertorio ben calibrato di ruoli lirico-leggeri (soprattutto donizettiani e belliniani), poi gradualmente affiancati da personaggi più drammatici. L'oculatezza nelle scelte gli ha permesso di conservare pressoché integro uno strumento vocale unico per morbidezza, lucentezza e perfezione tecnica, che unitamente alle innate doti comunicative ha favorito un'eccezionale popolarità internazionale. Vanta una vastissima discografia, che spazia... Approfondisci
  • Giuseppe Verdi Cover

    Compositore.La giovinezza e i primi successi. Le origini assai modeste gli resero difficile l'accesso a studi regolari. Iniziò sotto la guida di Pietro Baistrocchi, organista di Roncole, ed esercitandosi su una spinetta acquistatagli dai genitori. Poi Antonio Barezzi, mercante di Busseto e suo futuro suocero, si interessò perché potesse seguire i corsi del locale ginnasio e avesse lezioni da Ferdinando Provesi, organista di Busseto. Intanto, ormai quindicenne, V. aveva cominciato a scrivere musica, profana e sacra, ad uso della locale Società filarmonica e di privati di Busseto; ma il suo desiderio di completare gli studi al di fuori dell'ambiente provinciale urtò contro numerose difficoltà: non ebbe il posto di organista nella chiesa di Soragna, non riuscì a ottenere sovvenzioni finanziarie,... Approfondisci
Note legali