Categorie

Simon Wiesenthal

Editore: Mondadori
Collana: Oscar storia
Anno edizione: 1998
Formato: Tascabile
Pagine:
  • EAN: 9788804460381

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    MARIA LUISA VALERI

    09/04/2009 15.46.03

    LA MEMORIA è IMPORTANTE. LA MIMORIA è TUTTO. FALLO LEGGERE AI TUOI FIGLI.

  • User Icon

    paolo

    04/07/2007 18.47.47

    bello e coinvolgente,può insegnare molto.

  • User Icon

    condor

    26/12/2004 12.45.24

    Sottoscrivo Francesco per quanto qui sotto, ma è il lascito ai giovani che fa l'Autore alla fine che mi colpisce oltremodo. Si vive in un sistema che andrebbe sicuramente scosso, non certo con le bombe però. Un sistema che non è piu' in grado di trasmettere valori ed ideali. Ecco che in un clima così le dittature come il nazionalpopolarismo vanno a nozze. Soltanto le dittature hanno programmi precisi per i giovani. Le democrazie invece i giovani li lasciano a se stessi. C'è un progressivo esaurirsi dei programmi dei partiti politici. Non c'è piu' nulla che possa dare entusiasmo all'animo dei giovani e dei giovani adulti. Le lotte del passato si sono accese per l'orario di lavoro breve, vacanze piu' lunghe, istruzione, salute, protezione sociale. Oggi si paga piu' il disoccupato dell'operaio qualificato ed il laureato o titolato è guardato con diffidenza. L'unica cosa a cui quest'epoca chiama i giovani è il consumo. Ma anche questo finisce, e allora? Che senso dare alla vita? Per alcuni c'è la religone, ma noi giovani di oggi, che vorremo una vita "normale", ci sentiamo un patrimonio dello STato? Allora attenzione alle dittature che si sono sempre impadronite della voglia di dare un senso alla vita propria dei giovani. E' la democrazia che deve trovare, e presto, un modo di restitutire un senso civile alla vita, per i giovani, per tutti.

  • User Icon

    Francesco

    05/11/2003 18.10.45

    Il grande e spietato cacciatore di nazisti si racconta in questo libro, tirando un po' le somme di quelle che è stata la sua ultracinquantennale carriera investigativa, costellata da eclatanti arresti (Adolf Eichmann, Franz Stangl, Hermina Braunsteiner) ed anche da delusioni cocenti, come le mancate catture di Josef Mengele ed Alois Brunner. Non mancano le vicende di contorno, ma non meno importanti, come l'aiuto dato a Frederick Forsythe per la stesura del libro "Dossier Odessa", o il fortuito riconoscimento da una foto di gruppo di Gustav Wagner. Libro molto coinvolgente, ma con una piccola nota negativa; nelle ultime pagine si parla di Walter Reder come imputato al processo per la strage delle Fosse Ardeatine. In realtà Reder è stato processato e condannato per la strage di Marzabotto; per le Fosse Ardeatine sono stati processati e condannati Herbert Kappler, all'inizio, e, successivamente, Erich Priebke e Karl Haas.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione