La globalizzazione e i suoi oppositori - Joseph E. Stiglitz - copertina

La globalizzazione e i suoi oppositori

Joseph E. Stiglitz

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Daria Cavallini
Editore: Einaudi
Collana: Saggi
Anno edizione: 2002
In commercio dal: 24 settembre 2002
Pagine: XXII-274 p.
  • EAN: 9788806163778
Salvato in 8 liste dei desideri

€ 25,90

€ 27,20
(-5%)

Venduto e spedito da Multiservices

Solo una copia disponibile

spedizione gratuita

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il vincitore del Premio Nobel per l'economia nel 2001, consigliere di Bill Clinton durante il primo mandato, e vicepresidente della Banca Mondiale dal 1997 al 2000 affronta il tema della globalizzazione cercando di rispondere ad alcune domande: cosa s'intende per globalizzazione? quali sono i presupposti, quali gli effetti e quali i danni? chi sostiene la globalizzazione, chi la governa e chi la contesta?
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 3
5
3
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    mauro cassano

    01/06/2007 16:23:16

    Un libro ben strutturato,equilibrato, tecnico, ma molto accessibile al grande pubblico per la chiarezza esplicativa dei concetti economici e dell'operato delle più importanti istituzioni internazionali. L'autore non è un no-global bensì un insider, un sostenitore dell'economia di mercato, ma critica con energia l'operato del Fondo Monetario Internazionale, della Banca Mondiale (di cui è stato chief economist dal 1997 al 2000)e del WTO nel gestire la globalizzazione imponendo politiche economiche basate sul Washington Consensus e ispirate al fondamentalismo di mercato: austerità, stabilità, privatizzazioni rapide e selvagge e liberalizzazioni dei capitali finanziari e dei commerci hanno impoverito molti Paesi in via di sviluppo e precipitato Paesi come la Russia, passati dal comunismo ad un'economia capitalista mafiosa e nepotistica gestita in modo autoritario e clientelare, in una situazione di estesa miseria. L'autore non ritiene che i mercati lasciati a loro stessi siano Pareto-efficienti sempre e in ogni caso, ma considerando l'asimmetria informativa che pervade il sistema essi genereranno fallimenti più che benefici. D'altro canto egli ritiene che i governi debbano sì intervenire a correggere i market failures, ma dosando sapientemente la loro azione, senza indebite invasioni di campo. Occorre garantire un imponente apparato normativo a presidio del rispetto dei contratti, della regolamentazione dei fallimenti e della gestione della privatizzazione di certi settori economici (non tutti in verità), assicurando inoltre istruzione, sanità gratutita, una rete di sicurezza sociale e di ammortizzatori sociali, una riforma agraria radicale, pari opportunità tra uomini e donne e un efficace supporto democratico. E'auspicabile infine una riforma delle istituzioni internazionali che solleciti alla trasparenza, alla discussione aperta anche ai Paesi poveri e al dibattito: in caso contrario si giungerebbe ad una dittatura dell'élite finanziaria mondiale. Un saggio agile e ben documentato, da leggere e rileggere con cura.

  • User Icon

    Francesco

    30/01/2004 22:25:23

    Consente di interpretare correttamente alcune delle più gravi crisi economiche vissute negli ultimi anni da alcuni paesi in via di sviluppo. Ci sono in giro molti libri sulla globalizzazione, ma questo è scevro da ogni ideologismo. Descrive il modo di operare di grandi istituzioni economiche (soprattutto l'FMI) e le loro azioni colluse con il potere economico e politico americano.

  • User Icon

    Davide

    18/04/2003 18:27:57

    Uno dei migliori libri sulla globalizzazione. E' di per sè grandioso il fatto che l'abbia scritto uno dei consiglieri di un presidente degli Stati Uniti (e premio Nobel). Chissà cosa ne avrà pensato Bill Clinton...e soprattutto George W Bush!

  • Joseph E. Stiglitz Cover

    Professore di Economia presso la Columbia University, è stato consigliere di Bill Clinton durante il primo mandato e, dal 1997 al 2000, senior vice president e Chief Economist della Banca mondiale. Nel 2001 è stato insignito del Premio Nobel per l'economia.Tra le sue opere pubblicate in Italia: Economia del settore pubblico (1989); Il ruolo economico dello Stato (1992); Principi di microeconomia (1999); Principi di macroeconomia (2001); In un mondo imperfetto (2001); La globalizzazione e i suoi oppositori (2002 e 2003); I ruggenti anni Novanta (2004 e 2005); La globalizzazione che funziona (2006 e 2007), La guerra da 3000 miliardi di dollari (2009), Bancarotta (2010), Il prezzo della disuguaglianza (2013), La grande frattura. La disuguaglianza e i modi per sconfiggerla... Approfondisci
Note legali