Glorias de España. Te Deum / Misa de l'Escorial / Salve Regina - CD Audio di Domenico Scarlatti,Alessandro Scarlatti,Juan Hidalgo

Glorias de España. Te Deum / Misa de l'Escorial / Salve Regina

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Bongiovanni
Data di pubblicazione: 1 maggio 2003
  • EAN: 8007068216123

€ 19,45

Punti Premium: 19

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Domenico Scarlatti Cover

    Compositore.Le vicende biografiche fra roma, lisbona e madrid. Sestogenito di Alessandro, dopo i primi studi compiuti sotto la guida del padre ebbe nel 1701 la nomina a organista e compositore di musica della real cappella di Napoli ed esordì in campo teatrale nel 1703 con L'Ottavia ristituita al trono e con il Giustino. Accompagnò il padre, nel frattempo, a Firenze, e lo raggiunse poi a Roma; si trasferì quindi a Venezia, dove completò gli studi sotto la guida di F. Gasparini e dove incontrò Vivaldi e Händel. Maestro di cappella della regina Maria Casimira di Polonia a Roma, fra il 1709 e il '14 allestì vari melodrammi. Nel 1713 fu nominato coadiutore in S. Pietro; l'anno dopo ottenne il posto di maestro di cappella, che conservò sino all'estate 1719. Quell'anno si recò in Inghilterra per... Approfondisci
  • Alessandro Scarlatti Cover

    Compositore.La vita. Una tradizione non convalidata da documenti vuole che sia stato allievo di Carissimi a Roma, dove si era trasferito giovanissimo con alcuni membri della famiglia. Iniziò l'attività di compositore, a quanto risulta, nel 1679 (vale a dire l'anno dopo il matrimonio, dal quale, oltre al grande Domenico, nacquero altri nove figli), facendo rappresentare a Roma la sua prima opera, Gli equivoci nel sembiante. Seguì un'attività prodigiosa e senza soste; dopo esser stato al servizio di Cristina di Svezia, nel 1684 si stabilì a Napoli come maestro di cappella reale. A Napoli fu attivo sino al 1702, producendo ben 35 melodrammi e un'infinità di brani d'occasione. Fu poi, col già più che promettente figlio Domenico, a Firenze, dove contava di entrare al servizio del granduca Ferdinando... Approfondisci
  • Juan Hidalgo Cover

    Compositore e arpista spagnolo. Dal 1631 fino alla morte occupò il posto di arpista alla corte di Madrid. È autore della più antica opera spagnola di cui si conservi la partitura, Celos aun del aire matan (1660), su testo di Calderón de la Barca; vi si riscontrano i primi elementi di uno stile nazionale spagnolo, anche se il compositore si dimostra un conoscitore delle forme melodrammatiche italiane. Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali