Goodbye and Hello

Artisti: Tim Buckley
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Elektra
Data di pubblicazione: 10 settembre 1990
  • EAN: 0075596089623
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 6,50

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Disco 1
  • 1 No man can find the war
  • 2 Carnival song
  • 3 Pleasant street
  • 4 Hallucinations
  • 5 I never asked to be your mountain
  • 6 Once I was
  • 7 Phantasmagoria in two
  • 8 Knight-errant
  • 9 Goodbye and hello
  • 10 Morning glory

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    S.A.

    10/04/2011 21:11:34

    Magia pura, una voce che tocca l'infinito.

  • User Icon

    Michele D'Alvano

    18/01/2010 15:12:03

    Straordinario e troppo presto dimenticato!

  • User Icon

    Alex Lugli

    20/05/2009 12:07:28

    Tim Buckley, il cui vero nome era Timothy Charles Buckley III, è stato un cantautore statunitense dalle incredibili doti vocali, sulle quali lavorò a grandi sperimentazioni soprattutto negli anni "di mezzo" della sua carriera: gli anni della scoperta dell'eroina e degli album più sperimentali "Blue Afternoon", "Lorca" e "Starsailor". Ebbe un figlio, anche lui grande cantante nei primi anni novanta: Jeff Buckley. Buckley respira profondamente l'aria che si respira nella metà degli anni '60, che si tratti degli ideali rivoluzionari che animano i giovani o delle sperimentazioni lisergiche. Tutto questo è riassunto in "Goodbye And Hello" (1967), inciso ad un anno di distanza dall'esordio. Questo secondo lavoro rimarrà il più grande successo di Tim, grazie ad alcuni pezzi memorabili ("No Man Can Find The War", "Carnival Song", "Pleasant Street", "I Never Asked To Be Your Mountain", "Phantasmagoria In Two", "Once I Was", il singolo "Morning Glory"): ma Buckley si spingerà oltre sino alle vette irragiungibili di "Starsailor" (1970). Un artista unico ed ineguagliato che con la sua grande voce e musica ha plasmato confini sonori sempre più senza limiti se non quelli della bravura di Tim Buckley stesso. L'album "Goodbye And Hello" si è rivelato nel tempo un classico assoluto, un disco di una bellezza pura, genuina, sublime.

  • User Icon

    giuseppe

    26/07/2005 21:24:45

    da questo album(il secondo),inizia la grande sperimentazione di Tim.Sebbene il disco snoccioli alcune dolenti ballate folk blues(ONCE I WAS su tutte),l'impronta decisiva è data dal capolavoro orchestrale della title-track e dalla delirante I NEVER ASKED TO BE YOUR MOUNTAIN.Brani questi,in cui si evidenzia un cambio di rotta verso la matrice jazzistica dei grandi Coleman e Ayler se non addirittura di Ray Charles.L'atmosfera malinconica,si avverte in tutto l'album.Tim gioca ancor più d'azzardo con le sue cristalline corde vocali destinate comunque ad essere decisive nei capolavori HAPPY SAD,LORCA,BLUE AFTERNOON e nell'infernale sortilegio del mitico Starsailor.Questo album resterà per sempre il più ascoltato e venduto di Tim.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione