Categorie

Martin Cruz Smith

Traduttore: P. F. Paolini
Editore: Mondadori
Collana: Gli imperdibili
Anno edizione: 2005
Pagine: 475 p. , Rilegato
  • EAN: 9788804552253

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ilprof

    17/05/2011 14.45.05

    Questo romanzo è un capolavoro, così come lo è il film da cui è tratto. Una grande maestria da narratore, c'è poco da fare. Sarà perché qui recensisco soltanto i libri che mi hanno entusiasmato, ma non potevo farmelo mancare quando mi è capitato lo sguardo su questo titolo. Ricordo quando l'ho letto, anni e anni fa... E' uno di quei romanzi che mi ha suscitato la passione per la lettura, quindi: grazie, Martin!

  • User Icon

    dominik

    25/12/2007 16.36.53

    Questo romanzo l'ho acquistato più di venti anni fa, nel 1984 appena uscì sull'onda della grancassa pubblicitaria e del film che ne seguì di li a poco. Che dire. Una boiata pazzesca,che fregatura. Sia il libro , che il film sono due boiate. Chi ha visto il film sa di cosa parlo.Dopo neanche 100 pagine sapevo gia chi era l'assassino e per non parlare dell'inizio: un banale pretesto per parlare delle ultime tecniche di identificazione nell'allora Unione sovietica. E' un romanzo che mi ricorda molto Il Codice da Vinci di Dan Brown, il cui inizio lo trovo a dir poco ridicolo. Un uomo prima di morire pensa a spogliarsi e mettersi in bella posa? Non faceva prima a scrivere un biglietto o mandare un sms. Inoltre la figura di renko è banale.Mi meraviglio che abbia scritto altri libri con un simile personaggio.A differenza dei vari Follett, Wilbur smith e Cussler,Cruz smith in italia è finito nel dimenticatoio infatti i suoi ultimi romanzi non vengono neanche più tradotti.Ha fatto la fine di Caleb Carr e del suo Alienista che sembrava il nuovo fenomeno letterario: tanto rumore e poi... nulla. La stessa fine la farà anche Dan Brown. Aspettate gente e vedrete.

Scrivi una recensione