Grisbì (DVD)

Touchez pas au grisbi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: Touchez pas au grisbi
Paese: Francia
Anno: 1954
Supporto: DVD

24° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Giallo e thriller - Noir

Salvato in 14 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 9,99 €)

Un duro e romantico noir sulla malavita francese anni '50

Max e Ritojn, due gangster legati da solida amicizia, hanno fatto un grosso colpo. Un rivale lo viene a sapere e, per impadronirsi del bottino, assolda dei killer

«Uno dei migliori film francesi mai realizzati»Il Mereghetti

«Stile secco e rapido, bei chiaroscuri, e interpretato da un grande Gabin, insuperabile»Film TV

«Un classico del noir francese, dal ritmo serrato e avvolgente»Mymovies.it

Max e Riton, due gangsters legati da intima amicizia, hanno fatto un grosso colpo, che ha fruttato loro cinquanta milioni. Max, uomo di una certa età, ha deciso di ritirarsi ormai dalla vita attiva: è un tipo duro, calcolatore, poco amante del chiasso e dei divertimenti, ma è molto attaccato a Riton, uomo di carattere debole e fiacco. Collegati con altri lestofanti della stessa specie, tenutari di locali notturni, spacciatori di droghe, rapinatori, i due amici conducono i loro affari in modo indipendente. Accade però che per l'indiscrezione dell'amante di Riton, della quale Max aveva consigliato da tempo l'amico di liberarsi, uno dei compari, Angelo, viene a conoscenza del grosso colpo fruttuoso compiuto dai due e immediatamente si dà da fare coi suoi collaboratori per costringere i due a consegnare il "grisbì", cioè i denari.

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    G

    02/10/2020 10:23:16

    Filmone che non deve mancare nella collezione degli appassionati del genere.

  • User Icon

    Maurizio

    09/03/2019 12:14:48

    Classico film sulla “mala” francese definito da Mereghetti “uno dei migliori film francesi di sempre” col confronto fra due generazioni di attori, Jean Gabin nel ruolo del vecchio gangster un po’ stanco che desidera ritirarsi con l’ultimo colpo, e Lino Ventura, al debutto, il boss giovane emergente.

1954 - Mostra d'arte cinematografica di Venezia - Miglior attore (Coppa Volpi) - Jean Gabin

  • Produzione: Cecchi Gori, 2018
  • Distribuzione: Mustang
  • Durata: 92 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 2.0);Francese (Dolby Digital 2.0)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: 1,33:1 16:9
  • Contenuti: "Giù le zampe dal malloppo." di Valentina Pattavina 
  • Jacques Becker Cover

    "Regista francese. Dopo aver diretto con J. Prévert due mediometraggi nel 1935, esordisce, nel lungometraggio con Dernier atout (Ultima possibilità, 1942); lo stesso anno ottiene un discreto successo con La casa degli incubi, interessante opera corale ambientata nella Francia occupata. Segue nel 1952 Casco d’oro con S. Signoret, cruda storia di amore e violenza in un sobborgo parigino. Nel 1954 dirige il cupo e introspettivo Grisbi, storia di un’amicizia fra due gangster che F. Truffaut ha definito «il miglior film noir di sempre». Dopo Le avventure di Arsenio Lupin (1957), nel 1958 dirige Montparnasse, biografia del pittore A. Modigliani sceneggiata da M. Ophüls poco prima di morire. Il suo ultimo film è Il buco (1960), memorabile racconto di un tentativo d’evasione: è forse il punto più... Approfondisci
  • Jean Gabin Cover

    Nome d'arte di Jean-Alexis Moncorgé, attore francese. Grazie al padre, artista di primo piano dei caffè concerto parigini, entra nel 1924 nel «tempio» delle Folies-Bergère come figurante. Apprende poi le basi del mestiere nelle compagnie di giro e sulle assi dei cabaret e music-hall e dal 1930 ottiene diverse parti come coprimario sui set, soprattutto in commedie brillanti e musicali. Nel 1934 incontra J. Duvivier, regista che assieme a J. Renoir e M. Carné si accingeva a codificare drammaturgicamente gli elementi peculiari del clima e del sentimento della Francia «frontista» di quegli anni nella corrente cinematografica del «realismo poetico», di cui G. con i suoi memorabili personaggi diviene l'attore-feticcio. Il sodalizio con Duvivier comincia da Il giglio insanguinato (1934), opera ancora... Approfondisci
  • Lino Ventura Cover

    "Nome d'arte di Angelo Bonini, attore italiano. Nato a Parma, segue nel 1927 i genitori in Francia dove, dopo aver fatto i mestieri più disparati, esordisce sullo schermo in un ruolo secondario (Grisbì, 1954, di J. Becker) ma ottiene un successo che gli permette di recitare come protagonista in numerosi film «neri» (Ascensore per il patibolo, 1958, di L. Malle) o avventurosi (Un taxi per Tobruk, 1961; Asfalto che scotta, 1960, di C. Sautet) che lo rendono uno degli attori più popolari in Francia e all'estero (La ragazza in vetrina, 1960, di L. Emmer; Il giudizio universale, 1961, di V. De Sica). Specialista in personaggi di simpatico «duro», sempre caratterizzati da una pro­fon­da umanità e da una vena di malinconia, fornisce nei film successivi buone prove drammatiche, grazie a una tecnica... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali