Categorie

Mauro Corona

Editore: Mondadori
Collana: Libellule
Anno edizione: 2013
Pagine: 105 p. , Brossura
  • EAN: 9788804625032

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    herry

    11/04/2016 17.25.06

    La parte migliore del libro è tutta nel titolo, peccato non l'abbia nemmeno ideato lui, se non altro però onestamente e lo ammette. Uno dei libri più inutili che abbia mai letto.

  • User Icon

    enomis78

    11/10/2013 11.09.30

    Al momento il suo peggio libro che abbia letto. Consigliato ad un pubblico adolescente a cui da tutti consigli banali su come superare una notte di bagordi.

  • User Icon

    CRSTIANA

    14/09/2013 11.37.59

    non è vero che corona non dà consigli: 1. bere lentamente: MAI da arrabbiati e MAI a stomaco vuoto 2. attenzione a mescolare diverse qualità di alcolici (prima birra poi vino mai il contrario)e a bere alcolici ghiacciati, attenzione a bere tutti i giorni 3. educazione scolastica sull'alcolismo 4. no alle sfide alcoliche 5. no a rischiare di perdere la vita propria e altrui per il troppo bere. banalità? considerato il dilagare di questa dipendenza e i morti che produce sembra proprio che ci sia ancora bisogno di ripeterle...

  • User Icon

    Arberto

    07/08/2013 21.52.25

    Mi aspettavo molto di più. Il libro è una ripetizione ad libitum degli stessi tre concetti: "ci vuole pochissimo a diventare alcolizzati", "l'alcool è una brutta bestia, dovete state attenti" e "ve lo dico io che ho bevuto parecchio vino". Concetti che si possono trovare in abbondanza anche nelle prime 20 pagine: le restanti 80 sono ripetizioni inutili per fare massa. Mi da fastidio quando lo stesso autore ammette di ripetere concetti per essere più chiaro... non sembra questo il vero motivo, piuttosto quello di aggiungere legna ad un fuoco che ha ben pochi motivi per stare lì. Dal punto di vista tematico poi più che consigli su come bere bene, perché il titolo fa riferimento a questo, il libro somiglia molto all'autobiografia di un ex-tossicodipendente. Parla dell'alcool come un male assoluto, sottolineando l'accusa con qualche aneddoto a volte simpatico (raramente, per la verità) e a volte triste (praticamente c'è sempre qualcuno che ha fatto "una finaccia"). Noioso.

  • User Icon

    Luciano Zuffo

    28/07/2013 16.47.57

    L'unica cosa vera che c'è in questo libro è l'indiscutibile esperienza in materia di bevute che Mauro Corona può vantare, per il resto si tratta di un'operazione meramente commerciale per sfruttare il nome ed incassare un po' di soldi. Se fossero vere le ragioni di fondo dichiarate "Non saranno cconsigli per non bere, ma dritte per bere senza farsi male. O, almeno, farsi meno male possibile" i consigli avrebbero potuto (docuto) essere dispensati gratuitamente e sarebbero bastate non più di una decina di pagine. Mi spiace dover dare questo giudizio ad uno degli scrittori che preferisco in assoluto, ma anche sotto il profilo letterario trovo lo scritto molto 'diluito ed allungato', esattamente il contrario di quella che è la filosofia di Corona 'scrivere è come scolpire ed arrampicare, se vuoi un buon risultato o non cadere dalla parete devi TOGLIERE, matertiale, gesti, altrimenti nopn va' bene'. Con stima.................ma alla prossima, forse andrà meglio.

  • User Icon

    floriano

    30/06/2013 16.39.07

    Simpatico e... utile. Solo che Corona demonizza in toto le bevande alcoliche. Un conto è dire "bere troppo alcool fa male", un conto è dire "bere, fa male". Amche mangiare troppa carne, fa male, anch prendere troppo sole, fa male. Ma in misura limitata, no. Mi sarei aspettato una guida al bere "giusto", piuttosto che un meglio non bene" tuot court, ma tant'è. Evidentemente la sua esperienza, di bevitore, suggesrisce questo. Comumque, diretto e sincero: leggendolo, al solito, si ha la senzazione di sentirlo parlare.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione