Gulliver. Progetto di una rivista internazionale - copertina

Gulliver. Progetto di una rivista internazionale

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Curatore: A. Panicali
Editore: Marcos y Marcos
Collana: Riga
Anno edizione: 2003
In commercio dal: 4 luglio 2003
Pagine: 320 p.
  • EAN: 9788871683690
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 20,90

€ 22,00
(-5%)

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

Gulliver. Progetto di una rivista internazionale

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Gulliver. Progetto di una rivista internazionale

€ 22,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Gulliver. Progetto di una rivista internazionale

€ 22,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Di norma "Riga" esce con numeri monografici riservati a uno scrittore o a un artista, quasi a delineare un canone della ricerca espressiva dello scorso secolo: un canone aperto, atipico, che annoda percorsi valicanti i confini tra le culture nazionali e le forme d'arte. Gli ultimi, ad esempio, hanno per oggetto Arbasino (n. 18, a cura di Marco Belpoliti e Ezio Grazioli), Brancusi (n. 19, a cura di Elio Grazioli), Kundera (n. 20, a cura di Massimo Rizzante). Esiste però una direttrice d'indagine alternativa, per certi versi complementare: la riflessione sui progetti di rivista non realizzati. Dopo "Alì Babà" (n. 14), la rivista che Calvino, Celati e Guido Neri concepirono negli anni fra il '68 e il '72, ecco il n. 21, curato da Anna Panicali e dedicato a "Gulliver". Non credo occorra insistere sull'importanza di queste esperienze interrotte: analogamente a quanto accade per i lavori incompiuti o le varianti scartate nell'opera di scrittori singoli, le iniziative collettive rimaste allo stadio di abbozzo mettono in luce rovelli problematici, orientamenti, potenzialità che condizionano anche i progetti che vanno a buon fine.

Il progetto "Gulliver" - rivista internazionale ideata e guidata da una redazione italo-franco-tedesca e destinata ad apparire simultaneamente nei tre paesi - non è mai stato un mistero: il "Menabò 7", edito nella primavera del '64 per le cure di Francesco Leonetti, si presentava come una sorta di numero zero della nuova testata (anche se di fatto ne sanzionò il decesso). In seguito non sono mancati contributi e ragguagli critici; il più recente è "Gulliver". Carte Vittorini e Leonetti in Europa nel sessanta, a cura di Maria Temperini (Lupetti-Manni, 2000). Questo numero di "Riga" raccoglie ora la più ampia documentazione possibile: materiali preparatori, carteggi, testi preliminari, appunti redazionali, più un'ampia scelta dal "Menabò 7" e una nutrita serie di saggi e interventi (Anna Panicali, Marco Consolini, Daniele Gorret, Guido Bonsaver, Eva Banchelli, Francesco Leonetti).

"Gulliver" era stata pensata come una rivista insieme collettiva e internazionale: non banalmente multinazionale o cosmopolita, bensì germinata dal sentire comune di un gruppo di collaboratori di diversi paesi (ebbe fortuna l'idea di "comunità genetica", e non teorica, formulata dal filosofo polacco Kolaskowski). Inoltre, avrebbe dovuto essere una rivista di scrittori: "una rivista di pensiero fatta da scrittori", che - secondo le parole di Dionys Mascolo, redattore di Gallimard e amico di Vittorini - "non s'interesserà a tutto, bensì solo al tutto, dove il tutto è in gioco". Premesse fondamentali, il tramonto della stagione dellÆengagement e la percezione di un "mutamento d'epoca" che oggi, con il lessico di poi, potremmo chiamare l'avvertimento dell'incipiente globalizzazione. A ciò si aggiunge un fattore specificamente francese, le conseguenze della guerra d'Algeria, tramite l'esperienza collettiva del cosiddetto Manifesto dei 121 - cioè la Dichiarazione sul "Diritto all'insubordinazione" (Droit à l'insoumission) del settembre 1960.

Per alcuni mesi i tre gruppi - in Italia Vittorini, Leonetti, Calvino, nonché Pasolini e Moravia; in Francia Blanchot, Mascolo, des Forêts, ma anche Barthes, Leiris, Nadeau (il direttore delle "Lettres Nouvelles"); in Germania Enzensberger, Uwe Johnson, Walser, Grass, Ingeborg Bachmann - lavorano e corrispondono con alacrità. Presto però insorgono problemi. Il trauma del muro di Berlino (13 agosto 1961) induce alcuni tedeschi, Enzensberger in testa, a concentrarsi sulla specifica realtà nazionale. Trovare un sostegno adeguato da parte di tre diversi editori comporta difficoltà (anche se alla fine Einaudi, Juillard e Suhrkamp si diranno disponibili); e non facile è intendersi sul grado di autonomia da concedere ai singoli gruppi e collaboratori rispetto all'ideale collettivo della conduzione. Non superabile si dimostrerà infine il dissidio tra francesi e tedeschi sul ricorso al particolare tipo di "forma breve" predicata da Blanchot: una brevità costitutivamente frammentaria, aliena dalla concisione ultimativa dell'aforisma, in grado di trasmettere l'impressione di un'essenziale discontinuità.

A tacere delle diverse tradizioni culturali, è fin troppo facile ipotizzare che nella granitica Francia gollista l'idea del frammento portasse in sé una carica critica incomprensibile o quanto meno non esportabile nella Germania spezzata e divisa, dove viceversa allignavano esigenze di organicità e (etimologicamente) di sintesi. Ma la stessa idea di una rubrica o cronaca collettiva denominata Il corso delle cose, pure avanzata da Blanchot, e composta da una libera successione di frammenti numerati, non era agevole da tradurre in pratica, giacché assomigliava più a un assunto di poetica individuale che a un metodo di intervento collettivo. Non a caso, come osserva Consolini, negli anni seguenti la scrittura di Barthes interpreterà l'istanza della discontinuità trasformandola in uno stile quanto mai personale di pensiero e di ricerca.

Un fallimento inevitabile, dunque? Forse: tanto più che l'unico che avrebbe saputo ricomporre organizzativamente le diverse esigenze, Vittorini, viene a un certo punto messo fuori gioco dalla malattia. E tuttavia quelle energie non furono spese invano. Blanchot aveva ammonito che, qualora il progetto fosse fallito, occorreva "fallire utopicamente". Gli anni sessanta e settanta saranno intrisi di utopismo: politico, intellettuale, letterario, perfino critico. Mille rivoli, che si dirameranno anche dalla sorgente nascosta di "Gulliver".

Note legali