Categorie

Jeffery Deaver

Traduttore: S. Pezzani
Editore: Rizzoli
Collana: Rizzoli best
Anno edizione: 2015
Pagine: 302 p. , Rilegato
  • EAN: 9788817080255
Usato su Libraccio.it € 7,80

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Umberto75

    15/09/2016 21.40.07

    Questo che scrive di certo non è il Jeffery Deaver che ho amato nei thriller precedentemente. Evidentemente dev'essere un altro: romanzetto senza ne arte ne parte, con colpi telefonati e prevedibilissimi quanto ridicoli.

  • User Icon

    Adriana Rosas

    17/08/2016 07.53.25

    L'inizio è lento, quasi noioso; poi la storia decolla, con una serie di eventi/colpi di scena, ognuno dei quali sembra rivelare la verità, sconcertando il lettore (ma, anche, tenendolo inchiodato al libro!): perché ogni verità - tra quelle che emergono via via - è solo verosimile ma non vera. Le ultime pagine mi sono sembrate inutili, per quanto riguarda la storia in sé, o meglio solo uno stratagemma per far pensare al lettore che il personaggio Rune sarà protagonista di qualche altra intricatissima storia! In ogni caso, un altro romanzo che, per quanto non totalmente riuscito, mostra la grande capacità di Jeffery Deaver di costruire thriller: un grande maestro del genere.

  • User Icon

    Nazario

    28/03/2016 18.11.19

    Se nulla è provato nulla esiste. È la regola principe della giustizia, dell'innocenza, della colpevolezza. Ma, non sempre funziona e, non sempre, la legge è uguale per tutti. Tante le ragioni: le prove possono essere manipolate, nascoste, non cercate. Ci vuole un buon avvocato per scardinare le accuse di un sistema giudiziario che ha fretta di mandare in galera i delinquenti, specie quelli con lunghe fedine penali: se non sei colpevole di questo, lo sei senz'altro per qualcos'altro! Va da sé, che la storia di un innocente in prigione, non fa notizia, poco commuove la stampa, non trova spazio nelle news dei grandi Network TV e, d'altra parte, l'informazione non ha il compito di fare giustizia. Ma, c'è chi non si arrende, c'è chi crede ad un giornalismo fatto di buone azioni. Per Rune, giovane e testarda reporter, di un primario Network nazionale, sarebbe invece una bellissima storia tirar fuori un innocente e costruirci sopra un reportage. Per lei, un truffatore, un poco di buono, un condannato ingiustamente, non dovrebbe essere in galera più di un santo innocente. Ma, la storia si ingarbuglia maledettamente subito, perché questo suo condannato che crede innocente, non è un condannato qualunque: è il prigioniero ritenuto colpevole dell'omicidio del proprietario del Network per cui lavora! E, sono in molti, dentro e fuori il Network, a non volere che la storia si riapri, che nuove prove vengano trovate, che la verità sia raccontata nel modo giusto. E, la verità, questa sì, è la sola cosa che conta nel mondo dell'informazione. E, per far tacere la verità, si uccide e si è pronti ad uccidere ancora. HARD NEWS è tutto questo. La suspense non decolla sino a metà del libro, poi c'è un crescendo e colpi di scena che fanno ricredere il lettore, e chiudere con soddisfazione il libro.

  • User Icon

    Pupottina

    18/11/2015 16.23.59

    Ottimo lo stile, di uno scrittore ormai consolidato nella fama e rassicurato dalle vendite, ed intricatissima la trama che ha reso quest'ultimo action thriller, con un'indagine giornalistica di Rune, migliore dei precedenti.

  • User Icon

    Marcello

    08/10/2015 10.41.51

    Per gli amanti del genere un ottimo thriller con risvolti imprevedibili ed anche più breve del solito, il che ne fa un pregio. Ottimo film questo Deaver d'alta quota

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione