Hitler ha vinto la guerra

Walter Graziano

Traduttore: B. X. Rodrìguez
Editore: Arcana
Collana: Controculture
Anno edizione: 2005
Pagine: 235 p., Brossura
  • EAN: 9788879663762

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    roberto

    28/10/2009 11:00:22

    mi ha aperto la mente..un libro da avere sempre sul comodino

  • User Icon

    Stefano

    21/01/2009 14:58:07

    Fantastico, leggetelo, regalatelo, fatelo studiare ai vostri figli.

  • User Icon

    Renato Casalena

    06/07/2005 14:12:00

    Libro da leggere assolutamente. Le tesi dell'autore possono essere condivise o meno, ma rimane comunque un'esposizione di fatti, eventi e risvolti di notevole portata. Man mano che si procede nella lettura sembra di aprire gli occhi in un mondo nuovo per niente rassicurante. Tra rivelazioni e conferme di vecchi sospetti le pagine si susseguono sempre più interessanti. Un consiglio: non è ul libro da leggere e basta.

  • User Icon

    alessandro

    18/04/2005 19:53:43

    Agghiacciante la sensazione di impotenza e claustrofobia che assale durante la lettura. Il tutto con tesi sostenute dalla logica oltre che da fatti storicamente documentati. Orwell non ha inventato nulla, ahinoi.

  • User Icon

    Muesli

    24/03/2005 14:56:03

    Avete letto il Codice Da Vinci? Se sì, sarete stati attratti dal perfetto ingranaggio tra spionaggio, società segrete, storia, arte, religione. Tutto falso naturalmente, è un romanzo. In questo libro, uscito a gennaio 2005, incontrerete tutti quegli elementi ma è tutto drammaticamente vero (o no?). Il titolo è volutamente provocatorio, Hitler avrebbe vinto la guerra perchè la lobby di potere che controllava l'economia agli inizi del '900 è la stessa dei nostri giorni: gli uomini sono cambiati, non le loro finalità. L'autore è un economista argentino, il libro inizia dalla teoria economica di Adam Smith, fulcro di tutta la nostra società, e della sua confutazione da parte del matematico John Nash negli anni '50, passata piuttosto sotto silenzio. Poi c'è il controllo dell'energia con l'affannosa ricerca del petrolio, la CIA, la famiglia Bush, l'11 settembre, le 2 guerre in IRAQ, c'è anche un po' d'Italia con la società a lungo segreta Gladio ecc. Il processo di globalizzazione voluto dalle lobby per espandere a tutto il mondo la loro influenza ed uniformare le popolazioni ad un unico modello di vita sta per compiersi. Nell'ultimo capitolo una speranza: non sono perfetti nei loro progetti, negli anni appena trascorsi si sono avute le avvisaglie che alcune cose stanno rallentando questo processo, non sappiamo ancora a quale prezzo economico e di vite umane. Numerosa la bibliografia al fondo del volume con citazioni di testi e siti internet.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione