Hunyadi László

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Ferenc Erkel
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 28 marzo 2014
  • EAN: 5028421948690

€ 10,90

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Opera in quattro atti ambientata nell’Ungheria del XV secolo su libretto di Béni Egressy (versione originale del 1844-1862)
Questo cofanetto doppio costituisce il primo titolo di una serie di nuove registrazioni di opere liriche ungheresi in lingua magiara realizzate presso il celebre Teatro Nazionale dell’Opera di Budapest. Ferenc Erkel fu uno dei compositori più rappresentativi del Romanticismo ungherese, al punto che alcuni musicologi si sono spinti al punto di definirlo “il Verdi magiaro”. La maggior parte delle opere di Erkel è incentrata su episodi della storia lunga, gloriosa e tormentata della sua patria e furono le prime basate su libretti in ungherese. L’opera presentata in questo cofanetto vede protagonista László Hunyadi, eroe magiaro della lotta contro il dominio ottomano vissuto nel corso del XIII secolo. Quest’opera ci viene presentata nella splendida interpretazione dei migliori cantanti del Teatro Nazionale dell’Opera di Budapest, un teatro che gode di una lunga e luminosa tradizione, che vide protagonista addirittura Gustav Mahler, che ricoprì il posto di direttore per diversi anni. Il booklet contiene dettagliate note di copertina e la sinossi dell’opera, mentre il libretto originale è disponibile nel sito brilliantclassics.com.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Ferenc Erkel Cover

    Compositore, direttore d'orchestra e pianista ungherese. Dopo essere stato al servizio di alcune nobili famiglie, divenne nel 1838 direttore del Teatro Nazionale di Pest. Nel 1853 fondò la Società filarmonica di Budapest e nel 1875 fu nominato direttore e professore di pianoforte dell'Accademia nazionale di musica, appena istituita da Liszt. Nelle sue opere liriche di argomento storico, Bátori Mária (1840), Hunyadi László (1844), Bánk bán (1861), Dózsa György (1867), Brankovics György (1874), Eroi senza nome (1880), Re Stefano (1885), ispirate sotto l'aspetto sinfonico alla produzione wagneriana, introdusse elementi del folclore ungherese, raggiungendo un notevole livello di caratterizzazione drammatica e psicologica. Compose anche una ouverture, pezzi per pianoforte, da camera, per coro e... Approfondisci
Note legali