L' idea di nazione nel Settecento - copertina

L' idea di nazione nel Settecento

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium In promozione DOPPI PUNTI fino al 23/6
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 1 ottobre 2013
Pagine: 400 p.
  • EAN: 9788863725490
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 40,80

€ 48,00
(-15%)

Punti Premium: 41

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

L' idea di nazione nel Settecento

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


L' idea di nazione nel Settecento

€ 48,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

L' idea di nazione nel Settecento

€ 48,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il volume affronta il problema della nascita dei concetti di patria e nazione prima della formazione dello Stato unitario e, specificamente, nel Settecento: fu infatti nel secolo dei lumi e degli anti-lumi, che, all'interno di un gioco di dialettiche linguistiche e concettuali, affiorarono percezioni e sentimenti di appartenenza nuovi verso le collettività stanziate su uno stesso territorio, segnate dalle medesime origini e tradizioni, e, soprattutto, sottoposte a uno stesso governo e alle medesime leggi. Ritenendo le distinzioni tra "nazioni territoriali", come la Francia e l'Inghilterra, e "nazioni culturali", come la Germania e l'Italia, alla stregua di strumenti concettuali utili alla ricerca ma non per questo necessariamente dotati di validità ontologica, illustri studiosi hanno scelto di percorrere l'impervio terreno dell'indagine empirica, diretta, delle occorrenze di patria e nazione nei testi e nei linguaggi, noti e meno noti, del XVIII secolo, un'età ancora poco indagata da questa prospettiva eppure centrale per chiarire lo svolgersi di quelle dinamiche che, nell'Ottocento, avrebbero poi portato a più mature consapevolezze.
  Come scrive Marina Formica nell' introduzione, è vero che Spinoza, nel suo Trattato politico (1677, pubblicazione postuma), aveva affrontato, con fecondo spirito parzialmente anticipante, il lemma "patria", intendendolo non come terra dei padri, ma come termine che faceva riferimento allo stato o alla legge. Eppure, come si apprende, direttamente e indirettamente, da quasi tutti i saggi di questo volume scaturito dal centocinquantenario dell'unificazione italiana, saggi spesso riguardanti realtà locali o regionali, il concetto di nazione, non uguale a quello di patria, emerge, nel significato moderno e contemporaneo, soprattutto nel XVIII secolo. Ciò accade sia che si abbia a che fare con nazioni al tempo e da tempo territoriali (Francia e Inghilterra, ma anche Spagna), sia con nazioni al tempo e da tempo prevalentemente culturali, o letterarie, o linguistiche e criptolinguistiche, o bireligiose e monoreligiose (Germania e Italia). La patria riguarda, nel lessico comune, i sentimenti di appartenenza e l'emotività a essi connessa. È la nazione (Filangieri l'aveva compreso) che si è associata e consociata, in modo differenziato nei vari paesi d'Europa, con la politica, con le leggi e con lo stato. Vi è del resto, nella lingua e nella semantica italiane, con accenti non di rado commossi, l'amor di patria. Non, a quanto risulta, l'amor di nazione. Il patriottismo, avviluppato in Italia nelle camicie rosse dei garibaldini, è sempre stato nobile e rispettato. Il nazionalismo, nel '900, avviluppato in Italia nelle camicie nere dei mussoliniani, e distaccatosi dall'ottocentesco e liberatorio principio di nazionalità, è diventato, in più occasioni, sinonimo di espansionismo, imperialismo, aggressività militare, egemonismo o dominio politico sulle altre nazioni, talora consorelle e talora avversarie. Esemplare è comunque, nel volume, il saggio di Amedeo Quondam sulle nazioni e gli italiani prima della nazione. Ci conferma che la nazione culturale, per territorializzarsi, ha dovuto diventare, attraverso l'azione e il sacrificio dei patrioti che si muovevano per la patria, un'entità estesamente politica. Soprattutto in seguito al triennio repubblicano (1796-1799), arco storico che conclude gli studi qui compresi. Tale arco storico era stato preceduto nell'epoca folgorante dei lumi, come ben ci ricorda Giuseppe Ricuperati nelle conclusioni, dalla comparsa, grazie a Saverio Bettinelli (1775), del termine Risorgimento, che tuttavia fa ancora risalire la nazione "culturale" italiana agli studi, alle arti e ai costumi succedutisi nei secoli a partire dalla rinascenza dell'anno Mille. Inoltre, il saggio di Beatrice Alfonzetti sulla "doppia Italia" si conclude con il testo di Petrarca Italia mia, benché il parlar sia indarno, insieme addolorata investigazione su un'Italia meramente culturale e profetico sguardo entusiastico sulla possibile Italia a venire. Già Montesquieu e Voltaire, del resto, avevano individuato che era in corso, in forme differenziate, la transizione verso la nazione politica. Nel '900, infine, le nazioni divennero le griglie concettuali del processo storiografico di scansione del corso del mondo. E costituirono, non sempre a fin di bene, l'anagrafe (nomi, cognomi, stato civile, residenza, età) della storia.   Bruno Bongiovanni
Note legali