-13%
Imprecazioni e addii - Manuel Scorza - copertina

Imprecazioni e addii

Manuel Scorza

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Curatore: G. Toti
Editore: Fahrenheit 451
Collana: Taschinabili
Anno edizione: 1999
In commercio dal: 15 aprile 2015
Pagine: 168 p.
  • EAN: 9788886095310
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 3,92

€ 4,50
(-13%)

Venduto e spedito da Bibliotecario

+ 6,00 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Si tratta di una selezione di poesie del peruviano Manuel Scorza. "Le Imprecazioni" (1955) e "Gli Addii" (1960) segnarono l'esordio letterario di Scorza. La prima di queste due raccolte è un'invettiva contro il saccheggio e la devastazione del Perù e dell'intero continente latinoamericano da parte dei nuovi e vecchi "conquistatori". Sono canti violenti e insieme dolcissimi, di rabbia e nostalgia, in cui oltre alla tenerezza e alla malinconia per la condizione del proprio paese, Scorza si scaglia contro i responsabili di questa situazione. Gli "Addii", invece, hanno un tono più sentimentale e sono profondamente legati all'intimità dell'autore, costretto a separarsi da quanto gli è più caro: l'amore di una donna, la giovinezza, la patria.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Manuel Scorza Cover

    (Hancavelica 1928 - Madrid 1983) poeta, narratore e saggista peruviano. Dopo aver sperimentato il giornalismo esordì come poeta con la raccolta Imprecazioni (Las imprecaciones, 1955), seguita da Addii (Los adioses, 1960) e da Disinganni del mago (Desengaños del mago, 1969, nt). Costretto a lasciare il Perú durante il regime di Odría, scelse come terre del suo esilio l’Europa e il Messico. Nei primi cinque romanzi - Rulli di tamburo per Rancas (Redobles por Rancas, 1970), Storia di Garabombo l’invisibile (Garabombo, el invisible, 1977), Cantare di Agapito Robles (Cantare de Agápito Robles, 1977) e La vampata (1980), che formano un ciclo sul mondo andino - verità e magia si fondono armoniosamente e offrono un’efficace ricostruzione della realtà peruviana, dominata dal conflitto tra il mondo... Approfondisci
Note legali