Impressioni personali

Isaiah Berlin

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: G. Forti
Curatore: H. Hardy
Editore: Adelphi
Anno edizione: 1989
In commercio dal: 20 marzo 1989
Pagine: 265 p., ill.
  • EAN: 9788845906794
Salvato in 20 liste dei desideri

€ 14,45

€ 17,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Impressioni personali

Isaiah Berlin

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Impressioni personali

Isaiah Berlin

€ 17,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Impressioni personali

Isaiah Berlin

€ 17,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


recensione di Gastaldo, P., L'Indice 1989, n. 7

"Impressioni personali" è l'ultimo volume (solo per ora, si spera) della serie che Henry Hardy ha curato per la Hogarth Press (ripubblicata in 'paperback' dalla Oxford University Press), con l'intento di raccogliere gli scritti sparsi di Isaiah Berlin, disseminati, ma si direbbe addirittura scialacquati, dall'autore su decine di raccolte e periodici, alcuni dei quali pressoché clandestini. L'opera di Hardy è senza dubbio meritoria, così come l'iniziativa della Adelphi di tradurre in italiano i quattro volumi (è già comparsa la traduzione di "Russian Thinkers", dovrebbe seguire quella di "Against the Current"); ed è al tempo stesso sintomatico che per far crescere di quattro titoli la bibliografia di Berlin - vale a dire di quello che molti considerano uno dei maggiori intellettuali del nostro tempo - ci sia voluta l'iniziativa di un ammiratore, accettata con cortese scetticismo e una certa ritrosia da Berlin stesso. Il fatto è che c'è sempre stato qualcosa di incompleto nei testi berliniani, probabilmente legato all'approccio stesso di Berlin con la scrittura.
Per nessun altro grande pensatore contemporaneo si è tanto spesso come per Berlin affermato che i suoi scritti non danno un'idea completa dell'uomo e del suo valore intellettuale, o lamentata la mancanza di un 'opus magnum' veramente all'altezza dell'autore. Sono osservazioni sensate, ma che in qualche modo sbagliano bersaglio. Il fatto è che il piacere di leggere Berlin, ed è un grande piacere, dipende in maniera considerevole dalla costante impressione di essere all'ascolto di un grande conversatore, sinceramente interessato a una grande varietà di aspetti della vita e della cultura, straordinariamente informato su quasi tutto, ma in fondo non interessato a quel processo di cristallizzazione che la scrittura accademica porta inevitabilmente con sé, n‚ dominato da una gerarchia di valori intellettuali o politici così definita da fargli ritenere più importante, poniamo, la teoria della conoscenza piùttosto che il melodramma italiano dell'Ottocento.
È un grande merito della traduzione italiana la resa veramente eccellente della fluidità e della eleganza della scrittura di Sir Isaiah (che tra l'altro, e questo spiega molto, detta abitualmente i suoi testi limitandosi a rivederli dopo la trascrizione); mentre è un vero peccato che la selezione più ristretta rispetto all'edizione originale abbia lasciato fuori alcuni scritti, come quelli su Auberon Herbert o Felix Frankfurter, che stanno nella linea dei migliori ritratti brevi di scuola inglese, da Aubrey a Lytton Strachey, ed altri, come il breve saggio su F. D. Roosevelt, di grande penetrazione psicologica ed acume storico.
Ciò detto, i testi riprodotti in questa versione sono più che sufficienti per rendere il libro una piacevolissima introduzione al mondo intellettuale di Berlin, ed alla sua esperienza di vita. La raccolta presenta cinque profili di persone che Berlin ha conosciuto e (in modi e con intensità diverse) frequentato: Winston Churchill, Chaim Weizmann, Lewis Namier, J. L. Austin e Aldous Huxley. Ad essi si aggiunge il racconto degli incontri intellettuali che hanno accompagnato i suoi due primi viaggi in Urss, nel 1945 e nel 1956. Questo saggio, così lontano per eleganza e profondità da quel sottogenere vanamente imbarazzante che è stato il "viaggio in Urss" nelle mani degli entusiasti come di molti dei detrattori, basterebbe da solo a giustificare il libro e a dare un'idea della capacità di scrittura di Berlin.
In tutti i saggi, peraltro, si respira un'aria molto diversa da quella tipica di parecchie raccolte correnti di profili, ritratti, o interviste. Innanzi tutto, Berlin scrive solo di persone per le quali ha nutrito una reale ammirazione. E in un mondo dove ogni mezza calzetta non esita ad esternare le proprie profonde riserve sul resto dell'umanità, la generosità di Sir Isaiah è davvero consolante, tanto più in quanto non dipende da un generico "buon carattere", ma da una scelta di fondo. E questa ammirazione si traduce in una sorta di grande stile (non a caso Berlin stesso cita la forma dell''eloge' settecentesco come antecedente di questi suoi testi), marcato da una aggettivazione molto ricca, poco comune nella saggistica inglese, che fa talvolta pensare a G.M. Hopkins, e che lungi dal destare fastidio rende la prosa di Berlin precisa, vivida, chiara. È uno stile che non si nega escursioni in generi molto diversi: tipicamente berliniano è ad esempio immaginare un incontro-scontro tra Shelley e Voltaire per spiegare alcune diversità fondamentali tra Settecento ed Ottocento, e poi tra Europa ed America, ed infine tra Churchill e Roosevelt. Né deve stupire che questa ammirazione si eserciti verso uomini molto diversi, dal filosofo Austin (a cui è dedicato uno degli scritti migliori, che è anche un eccezionale frammento sulla vita intellettuale a Oxford) al sionista Weizmann; la filosofia berliniana è un pluralismo radicale, molto più sanguigno delle versioni correnti in casa liberale, che assomiglia parecchio a una sorta di politeismo laico (peraltro privo di parentele con la versione weberiana del concetto). Alla sua base sta il convincimento che vi sono molti valori "veri" in un senso profondamente oggettivo, e altrettanto profondamente non conciliabili n‚ ordinabili. Valori che acquistano il loro senso in quanto in carnati in persone, in culture, in opere d'arte. Parlare di persone ammirevoli, delle loro vite, di ciò che essi hanno desiderato e per cui hanno lottato è un modo, forse il modo principale, per parlare di valori e di idee, ognuna in sé vera e, di nuovo, ammirevole.
Tra le accuse rivolte a Berlin, c'è spesso stata (da ultimo l'ha formulata Roger Scruton, in un articolo velenoso dedicato all'ottantesimo compleannno di Sir Isaiah) quella di essersi disperso in una vita da 'socialite', di avere sperperato i propri talenti nella frequentazione mondana. Da Proust in avanti, anzi, almeno da Saint Simon, sappiamo che più di un rivolo unisce la grande letteratura alla grande mondanità. Se anche l'accusa fosse vera, gli scritti che sono nati dalle frequentazioni berliniane sarebbero più che sufficienti a riscattarlo. Resta un rimpianto: che non ci sia da qualche parte un altro Berlin capace di lasciarci la sua "impressione personale" su Sir Isaiah.
  • Isaiah Berlin Cover

    Isaiah Berlin (Riga 1909 - Oxford 1997) è stato un filosofo lettone, naturalizzato inglese. Teorico del liberalismo inteso come limitazione delle ingerenze statali sulla società e sulla vita dell'individuo, ha insegnato Teoria sociale e politica all’Università di Oxford, ha fondato il Wolfson College, di cui è stato anche rettore, ed è stato presidente della British Academy. Molte delle sue opere sono tradotte in italiano.  Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali