In questa vita

Anna Rüchat

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Casagrande
Collana: La salamandra
Edizione: 2
Anno edizione: 2006
In commercio dal: 9 agosto 2004
Pagine: 90 p., Brossura
  • EAN: 9788877133878

€ 10,88

€ 12,80
(-15%)

Punti Premium: 11

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

In questa vita

Anna Rüchat

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


In questa vita

Anna Rüchat

€ 12,80

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

In questa vita

Anna Rüchat

€ 12,80

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 12,80 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Quattro racconti sui destino che prima ci asseconda e poi si prende gioco delle nostre vite. La storia di Marta, "trentenne di una bellezza scontrosa e intermittente" che interroga i morti per trovare una via d'uscita. La storia d'amore, scombinata dal vento, tra un sarto affetto da nomadismo e un'austera signora del Nord che, al contrario di lui, detesta gli imprevisti. La storia dei "soldati senz'armi" che se ne vanno lasciandoci in custodia le loro tracce, la loro memoria, per esempio uno scatolone di libri. La storia di Sonia e della sua vita non giocata, piena di segni, angeli, tendine di organza e polvere. Discorsi interrotti, ripresi e intrecciati in un libro malinconico e a volte perfino crudele, come certe ballate di Georges Brassens.
4,5
di 5
Totale 2
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giò

    05/09/2004 14:16:29

    Tosto, ma molto bello!

  • User Icon

    Anto

    29/08/2004 12:11:45

    Nella quarta di copertina si legge che l'autrice e' traduttrice, dal tedesco (e di Bernhard). Si vede: scrittura tesa, drammatica, molto raffinata. Talvolta con un troppo di freddezza dovuta alla volonta' di ben scrivere. Ma per un primo libro, una vera meraviglia. Vero dolore, vero senso del destino e della narrativita' dell'umano star male. Una bella riuscita. Un libro da consigliare.

La molteplicità dei passaggi, degli attraversamenti di confine, è quel che più colpisce nel libro di esordio di Anna Ruchat, che, nata a Zurigo nel 1959, insegna traduzione a Milano. Alla narrativa approda dopo aver coltivato la poesia e dopo una lunga esperienza di traghettatrice da una lingua all'altra, dal tedesco all'italiano, di autori come Thomas Bernhard, Paul Celan, Nelly Sachs e altri. Varca così uno dei confini della scrittura, passando da quella "mimetica" del tradurre a quella "propria", personale, unica. Unica è la scrittura di questi quattro racconti, ma affollata di voci provenienti da molteplici origini, volteggianti sopra un silenzio di cui anche gli spazi bianchi sulla pagina danno la misura. Parole rivolte ai morti, quei ""morti da tempo silenziosi e che forse non sono in ascolto"? Parole che arrivano dai morti? La barriera tra morti e vivi sembra abolita, anche se il dialogo con i morti è impossibile, così come del resto lo è, quasi sempre, la comunicazione tra i vivi.

È la morte degli altri quella con cui dobbiamo fare i conti "in questa vita". Lutto bianco è il racconto più crudele, la più spietata autopsia della separazione: due narrazioni diverse (io/lei, prima/dopo) si intrecciano intorno a un punto cieco, la morte di una bambina nel momento di venire al mondo, e sono entrambe focalizzate sul vissuto della madre. Ballata dei soldati senz'armi sgrana cinque storie diverse, narrate da una voce femminile – forse riconducibile a un unico soggetto – storie di maschi fragili, sconfitti rispettivamente dalla droga, dal suicidio, da un incidente, dal cancro. E altri lutti, altri sommersi e soccombenti troviamo negli ultimi due racconti: In questa vita e Spettri, dove operano costruzioni altrettanto sapienti.

È come se la forma breve del racconto non bastasse ancora all'autrice, ma richiedesse ulteriori frammentazioni, le più svariate, per riprodurre il paesaggio di rovine che la morte lascia dietro di sé. Ciascun pezzo ha una costruzione rigorosamente geometrica, basata su alternanze e ripetizioni. Alcune volte la ricerca della verità di un'esistenza è affidata al confronto tra voci diverse, come accade nel racconto In questa vita, dove si intrecciano i discorsi di due donne che hanno amato lo stesso uomo, le cui parole affiorano solo tramite brandelli di lettere. Altre volte, specie in Lutto bianco – forse proprio perché il lettore sta appena entrando in questo particolare universo – la fluttuazione dei pronomi all'interno del discorso rende arduo identificare immediatamente il soggetto che parla. Chi è io? Chi è tu? Chi parla e a chi, soprattutto, si rivolge? A una voce narrante spesso implicita, di incerta provenienza, fa eco infatti la presupposizione di una coscienza in ascolto, forse la figura stessa del lettore, un testimone, o una mano da tenere per addentrarsi in percorsi difficili.

Ed è proprio questo coinvolgimento di chi legge, difficoltà comprese, a creare quell'emozione che le parole non dicono. Severo e senza concessioni, il libro di Anna Ruchat ci costringe ad attraversare più volte "la linea del dolore" per poter accettare, "in questa vita", la vita. Così dice, alla pagina 65, una donna dolcissima: "È venuta a mancare una ragione di vita, non però la vita stessa, che continuavo ad amare".

                                                                                                                          Edda Melon

| Vedi di più >
Note legali