In Siberia

Colin Thubron

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Anno edizione: 2000
In commercio dal: 6 ottobre 2000
Pagine: 306 p.
  • EAN: 9788879285131
Salvato in 3 liste dei desideri

€ 8,36

€ 15,49

Punti Premium: 15

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

E' solo da pochi anni che i viaggiatori stranieri possono muoversi all'interno della Siberia. L'autore descrive un viaggio lungo 25000 chilometri attraverso questa regione. Risalendo il fiume Jenissei fino all'Artico, attraverso la Mongolia e poi a Est verso il Pacifico, Thubron è salito e sceso da treni, barche e camion, ha incontrato buddisti e animisti, sette cristiane, comunisti e reazionari, ha visitato il villaggio di Rasputin, le tombe degli antichi Sciti e il Bajkal, il lago più profondo del mondo.
4,33
di 5
Totale 3
5
1
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    m.saverio

    11/03/2006 16:50:45

    un libro bellissimo, in alcuni tratti commovente. merita di essere letto.

  • Non è solo un racconto di viaggio appassionante; per cercare di capire un po' meglio l'universo Russia, Thubron ne ha grattato via quella coltre di neve ed oblio restituendoci, oltre lo scorrere del tempo, le molte facce dell'anima siberiana.

  • User Icon

    Gb Soave

    06/01/2001 15:54:47

    Un viaggio fisico e metafisico :nel passato,nel presente e nel futuro delle regioni più remote,pure e devastate della terra. ..."Resto in piedi,sorpreso,nell'aria tersa,nel silenzio.La terra sembra irriducibile,come osso. Rimango con gli occhi sbarrati per lunghi minuti,confuso,incapace di andarmene.L'Asia ha consumato la mia vita adulta.Per un attimo ho la sensazione che tutto ciò fosse gia presente dentro di me,come un ricordo atavico,come se questo fosse il primo fiume del mondo,e scorresse verso un mare non ancora creato."

| Vedi di più >
Note legali