Categorie

Vincenzo Cerami

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2006
Formato: Tascabile
Pagine: 237 p. , Brossura
  • EAN: 9788804561798

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Aldus

    13/04/2014 11.39.25

    Leggero, coinvolgente e originale. Bellissimo romanzo.

  • User Icon

    gianni84

    02/12/2012 01.15.14

    vivamente consigliato

  • User Icon

    claudia

    19/07/2010 15.45.47

    era tanto che non mi capitava di leggere un libro diverso dal solito, così piacevole, scorrevole, curioso. Davvero godibilissimo. Ho trovato geniale e assolutmaente divertente la presenza dello scrittore tra i personaggi! consigliato vivamente

  • User Icon

    Laura

    25/08/2009 12.01.13

    GENIALE!

  • User Icon

    Silvia

    10/02/2008 13.42.42

    Divorato con sommo gusto. Raccomandatissimo!

  • User Icon

    armando polli

    30/07/2007 18.18.04

    È davvero sorprendente la quantità di temi e risvolti che Vincenzo Cerami ha saputo riversare nel gioco enigmistico, coniugando con estrema perizia il piano ludico e quello più psicologico della narrazione. Mentre infatti il lettore, tirato in ballo accanto a Lud e Mara nella ricerca dello scomparso, si appassiona fatalmente al gioco messo in piedi dall'autore, vede poi, lentamente, emergere un disegno complesso e più vasto, al centro del quale risuona fortissimo un dolore umano che forse è impossibile cicatrizzare, e che coinvolge una società che ha perso, colpevolmente, il dono e il dovere della memoria. Con tutto questo, è bene ribadire che il romanzo di Cerami si giova d'una scrittura proporzionalmente inversa all'ambiguità voluta della trama, cioè leggera e scorrevole, perfino divertente, come non accade spesso. A conti fatti, "L'incontro" è un libro che sa unire magistralmente il gusto più sano del racconto al senso profondo del ricordo e del tempo che non passa invano, finché non va perduta la sua lezione. Consigliato.

  • User Icon

    rover

    25/07/2007 15.27.44

    Libro più che intrigante; molto interessante la struttura con i rimandi all'enigmistica. Lettura piacevole, lo consiglio a tutti.

  • User Icon

    Stefano (Roma)

    22/01/2007 17.27.11

    Duecentotrentasette pagine che si leggono facile facile, e questo è sempre un grande pregio. L'espediente dell'enigmistica è interessante anche se a volte tende a distrarre dal filo della storia. Spirito giovanile, come la stessa scorrevolezza della prosa.

  • User Icon

    michele

    17/01/2007 15.47.03

    secondo me il protagonista è ancora un bambino che vede o nero o bianco. la compagna è caratterizzata molto bene... piu adulta del suo fidanzato. in generale un libro mediocre!

  • User Icon

    cheekabey

    12/12/2006 14.40.14

    Mentre leggevo questo libro ho pensato: beh, non rimarrà nella storia della letteratura, ma si fa leggere velocemente e con curiosità. Poi sono incappata nel vezzo hitchicockiano dell'autore che mi ha lasciata un po' perplessa: vanità? Il finale è stato deludente: conferisce una luce di superficialità anche a quel poco (davvero poco) di significato che poteva avere la storia. Il mio voto è medio solo perché ho trovato il ritmo incalzante e la trama, almeno fino a un certo punto, abbastanza coinvolgente.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione