L' inferno sono gli altri. Cercando mio padre, vittima delle Br, nella memoria divisa degli anni Settanta

Silvia Giralucci

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2011
Pagine: 180 p., Brossura
  • EAN: 9788804610021
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,45

€ 9,45

€ 17,50

9 punti Premium

€ 14,88

€ 17,50

Risparmi € 2,62 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    vitaliano bacchi

    04/05/2015 16:06:19

    L'opera ha una certa importanza nella biografia dei protagonisti degli anni della strategia della tensione in quanto riguarda un delitto politico, consumato dalle Brigate Rosse a Padova il 17 giugno 1974 diciannove giorni dopo la strage fascista di piazza della Loggia a Brescia. Quale fosse il rapporto fra i due delitti è questione che ha occupato la cronaca giudiziaria italiana per decenni e che ancora la occupa perchè il delitto di Brescia è sub iudice e quindi irrisolto nelle sue variabili fondamentali. Si ritiene, almeno stando alle evidenze giudiziarie dei vari processi connessi che l'omicido plurimo di Padova costituisca il "debutto" storico della lotta armata brigatista e cioè la risposta marxista alla strage fascista di Brescia e che il seguito del rapporto fra le due generazioni terroristiche abbia finito poi per riprodurre questa specularità iniziale "stimolo-risposta" che venne ipotizzata con ragione all'inizio della contrapposizione fra le due estremità terroristiche. Al tempo colpì certamente l'evidenza che si palesava nei fatti: diciannove giorni dopo la strage di Brescia le B.R. avevano già formulato una ipotesi di responsabilità neofascista e risposero con la stessa violenza armata suscitando nei vari astanti del fenomeno giudiziario e sociale e sopratutto nei teorici dell'informazione, diciplina che in quegli anni si andava codificando, l'interrogativo circa l'eccezionale rapidità ed efficienza del sistema informativo approntato dalle BR sulla struttura sociale della lotta diclasse. Mentre cioè gli inquirenti tribolavano a ordinare il materiale probatorio per formulare una ipotesi istruttoria plausibile, l'universo brigatista aveva già individuato canoni di ricerca sufficienti a postulare una ipotesi che gli affari di giustizia successivamente dimostreranno essere esatta. Forse ingenua la tesi del "metodo Calogero" nella investiazione giudiziaria ma l'idea della centralità di Padova negli anni del terrorismo neofascista e marxista è fondata.

Scrivi una recensione