Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Oscar Mondadori -20%
L' infinito viaggiare - Claudio Magris - copertina
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
L' infinito viaggiare
6,40 € 8,00 €
LIBRO USATO
-20% 8,00 € 6,40 €
disp. in 2 gg lavorativi disp. in 2 gg lavorativi (Solo una copia)
+ 4,90 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Biblioteca di Babele
6,40 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Biblioteca di Babele
6,40 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Memostore
11,05 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Condizione accettabile
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Biblioteca di Babele
6,40 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Biblioteca di Babele
6,40 € + 4,90 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Memostore
11,05 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Condizione accettabile
Chiudi
L' infinito viaggiare - Claudio Magris - copertina
Chiudi

Descrizione


Il viaggio come "persuasione" ovvero come capacità di possedere la propria vita essendo capaci di goderne con pienezza ogni istante. Il viaggio al di là delle colonne d'Ercole e il viaggio attorno alla propria stanza. Il viaggio di formazione alla ricerca dell'identità e il viaggio che fa scoprire al viaggiatore la propria fragilità. Claudio Magris racconta vent'anni di viaggi, dalla Mancia di Don Chisciotte alla Pietroburgo di Raskolnikov, dai castelli di Ludwig di Baviera alla scrivania di Arnold Schönberg, dal Grande Nord al Grande Sud, e offre un affascinante percorso tra terre, popoli, libri, uomini.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2005
243 p., Rilegato
9788804547396

Valutazioni e recensioni

3,38/5
Recensioni: 3/5
(8)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(0)
3
(0)
2
(3)
1
(1)
stefano
Recensioni: 2/5

prolisso. peccato

Leggi di più Leggi di meno
viola
Recensioni: 2/5

non mi sento in grado di dare 1 per il profondo rispetto che ho per il professor magris ma a livello di piacere della lettura avrei potuto anche scendere di voto... ho tentato, ritentato, alla fine ho lasciato. Temi interessantissimi grazie ai quali ho anche approfondito alcune mie ricerche ma non scorre...volevo finirlo ma proprio non ce l'ho fatta. avevo sentito parlare del libro da fazio e ne ero rimasta incantata ma purtroppo ne sono rimasta profondamente delusa.

Leggi di più Leggi di meno
Isabella
Recensioni: 5/5

Girando per librerie,a volte non siamo noi a scegliere il libro dallo scaffale ma è il libro che ci chiama. A volte ci sono libri che vogliono essere letti perchè desiderano dirci qualcosa che, proprio in quel momento e non in un altro, è importante che ascoltiamo e comprendiamo. Grazie Magris.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,38/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(0)
3
(0)
2
(3)
1
(1)

La recensione di IBS

Una raccolta di pagine di viaggio, quel viaggio che sempre ricomincia, come l'esistenza, e che si trasferisce nella scrittura di Claudio Magris che qui riunisce appunti e fa un montaggio di immagini e parole colte dal finestrino di un treno, o attraversando a piedi una strada. Viaggiare, scrive l'autore triestino, ha a che fare con la morte, è un differire la morte, rimandare il più possibile l'arrivo definitivo. Il viaggio di Magris è persuasione, nel senso dato a questa parola da Carlo Michelstaedter: il possesso presente della propria vita, la capacità di vivere l'attimo, ogni attimo, senza annientarlo nei progetti e nei programmi futuri. L'autore di L'infinito viaggiare si sposta così, immerso nel presente, negli immensi paesaggi del Danubio o nei periferici Microcosmi, sempre disponibile a digressioni, soste, deviazioni improvvise. In questi viaggi vive persuaso, come davanti a Un altro mare, abbandonato allo scorrere lieve della vita e pronto a narrarne il fluire incessante.
In questo libro ci sono le sue peregrinazioni dal 1981 al 2004 in giro per il mondo. Si parte da Tielmes, alle porte di Madrid, sulla strada di Don Chisciotte; e sempre nella capitale spagnola, si va alla Biblioteca Nacional o nel quartiere del "mentitoio", con le case dei grandi poeti; poi l'autore è a Barcellona, alle Canarie, estremo sud ovest d'Europa. In seguito si sposta a Londra; da lì va alle isole Scilly, nell'Oceano Atlantico.
Molti capitoli sono dedicati ai viaggi in Germania: a Berlino, dove Magris discute con Gunter Grass e va alle mostre sulla Prussia di Bismarck, o sotto al Muro, quando ancora c'era prima dell'89; ad Hannover visita la tomba di Lotte, protagonista dei Dolori del giovane Werther; arriva a Friburgo e nei boschi deteriorati della Selva Nera; va nei castelli della Baviera di Ludwig, l'infelice sovrano dell'Ottocento, e a Dresda nel '94. Non mancano le puntate a Vienna con i compagni di viaggio; a Zagabria, in Istria, a Monfalcone. E ancora la Mitteleuropa tanto cara all'autore triestino che scrive di una Bratislava incerta sulla sua identità, e di Praga invasa da McDonald's e spaghetterie, o della Polonia in crescita.
Poi Magris è a Leningrado, nella casa di Dostoevskij, sul pianerottolo di Raskol'nikov; e a Mosca, in tutt'altra atmosfera, si trova nella casa museo di Gor'kij. Molte le pagine che descrivono la Finlandia e la Scandinavia, da Bergen in ferry boat sino a Flam, per vedere un fiordo o per riflettere in una chiesetta norvegese del Nord. Il libro si chiude coi viaggi più recenti, nel 2003 e 2004, in Iran, Cina, Vietnam e Australia.
Quello che rimane aperto è il dilemma già espresso dall'autore in Itaca e oltre. Se il viaggio sia un ritorno, come per Novalis, sempre diretti verso casa, per cui l'Ulisse moderno (Joyce) alla fine del giro circolare torna alla sua Itaca. Oppure se nel viaggio non si intraveda un percorso rettilineo, nietzscheano, dove il Sé si disgrega procedendo verso un cattivo infinito, un nulla che, strada facendo, dissolve certezze e identità (alla Musil). Il libro, comunque, è un inno a vivere, viaggiare, scrivere, intesi come un oltrepassare le frontiere tra quartieri, città e tra persone diverse. Cercando di non restare indifferenti e stranieri ai mali del mondo che si incontrano nel cammino.

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Claudio Magris

1939, Trieste

Scrittore, germanista e senatore (nella XII Legislatura) italiano. Ha insegnato letteratura tedesca prima presso l'Università di Torino, poi presso quella di Trieste. Impostosi giovanissimo all'attenzione della critica con Il mito Absburgico nella letteratura austriaca moderna (1963, elaborazione della tesi di laurea), è stato fra i primi a rivalutare il filone letterario di matrice ebraica all'interno della letteratura mitteleuropea con Lontano da dove, Joseph Roth e la tradizione ebraico-orientale (1971). Danubio (1986), forse il suo capolavoro, lo consacra come uno dei massimi scrittori italiani contemporanei. Con questo libro vince il Premio Bagutta nel 1986 e successivamente il Premio Strega nel 1997 con il romanzo Microcosmi e il Premio Principe delle Asturie nel 2004 nella...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore