-25%
L' inganno del passato - Magnus Montelius - copertina

L' inganno del passato

Magnus Montelius

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Laura Cangemi
Editore: Marsilio
Collana: Farfalle
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 21 maggio 2014
Pagine: 366 p., Brossura
  • EAN: 9788831718417

€ 13,88

€ 18,50
(-25%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

L' inganno del passato

Magnus Montelius

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


L' inganno del passato

Magnus Montelius

€ 18,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

L' inganno del passato

Magnus Montelius

€ 18,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

€ 9,99

€ 18,50

Punti Premium: 19

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 18,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

È l'autunno del 1990 e la cortina di ferro si sta sbriciolando. A Stoccolma, ai piedi della terrazza di Ersta, viene trovato il corpo di un uomo che porta con sé un passaporto albanese, ma le autorità del suo paese sostengono che non esiste nessuno con quel nome. Il caso viene rapidamente archiviato come suicidio, una soluzione affrettata che sollecita la curiosità di un giornalista a caccia di inchieste. Dopo una serie di insuccessi privati e lavorativi, Tobias Meijtens fiuta finalmente il pezzo che potrebbe fargli fare il grande salto e garantirgli un posto fisso al quotidiano per cui lavora. Tanto più che, poco tempo dopo, anche l'unico potenziale testimone dei fatti di Ersta muore in circostanze molto sospette. Indagando in coppia con la collega Natalie, Meijtens si trova tra le mani un caso di spionaggio che risale a molti anni prima. Anni in cui l'utile immagine della Svezia era quella di un paese giusto e neutrale. Era davvero così? Chi era l'uomo precipitato a Ersta? Alcuni indizi conducono a un nome in codice: Tristano, un nome dietro il quale sembra nascondersi una grande menzogna. Pubblicato da un piccolo editore, il romanzo di Magnus Montelius è stato in Svezia la sorpresa della stagione letteraria: una complessa storia di spionaggio che ha le sue radici nella guerra fredda e scava nelle ragioni della scelta estrema di un gruppo di persone unite un tempo da ideologie radicali e da un legame profondo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,5
di 5
Totale 2
5
1
4
0
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Attilio Alessandro

    26/10/2015 15:17:42

    Un po'troppo tirata in lungo la vicenda e in alcuni punti pure noiosetto. Una Spy story che in effetti non decolla mai e che ti trascina stancamente per pagine e pagine, senza neppure il coup de theatre finale. Libro per i giorni di brutto tempo

  • User Icon

    furmiga

    27/08/2014 13:28:43

    Bello! Una spy-story ambientata negli anni 90 scritta molto bene, con un buon ritmo, senza troppi colpi di scena e una trama intelligente che sa coinvolgere il lettore fino all'ultima pagina. Mi sono piaciuti anche i personaggi, soprattutto il giovane cronista. Lettura sicuramente consigliata a tutti gli afficionados dei Thriller Scandinavi.

L’inganno del passato è un romanzo straordinario, una spy story se si è in cerca di una definizione, e tuttavia è un romanzo ‘pieno’, con personaggi ben definiti, con una storia che sconfina nella Storia e nella politica e che pone quesiti - umani ed etici - su cui è impossibile sorvolare.
Tanto che ci si domanda se non sarebbe ora di farla finita con le restrizioni delle definizioni dei generi e con la condiscendenza con cui i critici guardano i libri ‘gialli’ o di indagine poliziesca o di spionaggio. Un grande romanzo è un grande romanzo e basta.
È il 1990. La rivoluzione di Piazza Tienanmen, la caduta del muro di Berlino, la fine dei Ceauþescu in Romania hanno segnato una svolta epocale. Non è solo la fine dell’Unione Sovietica. È la fine di un’utopia, di un sogno illuminante.
Un profugo albanese arrivato da due giorni a Stoccolma viene trovato morto nei giardini dell’altura di Ersta. È caduto? Un barbone che era nei pressi dice di no, che lui ha visto un’ombra. Chi bada agli sproloqui di un senzatetto? Poco dopo questi muore, investito da un’auto.
Il tutto appare sospetto al giovane giornalista Tobias Meijtens che non ha neppure idea di dove lo porterà l’indagine che inizia a fare, sperando in uno scoop che lo faccia assumere a tempo indeterminato dalla rivista settimanale per cui lavora. Una delle prime cose che balza fuori è che l’albanese è uno svedese scomparso nel 1965. E non era un tipo qualunque. ‘Allora’, nel 1965, i giornali avevano scritto un’accusa infamante: che era una spia, che si trovava a Mosca. Come era finito in Albania, paese non proprio amico dell’Unione Sovietica?
Erik Lindman non era ‘come lei e come me’ - dice un suo vecchio amico. Faceva parte del cosiddetto ‘gruppo di Upssala’, ma era l’unico a provenire da una famiglia molto modesta. Erik era intelligentissimo e brillante a scuola, era colto, aveva una grande disposizione per le lingue straniere, era generoso, era di bell’aspetto, era carismatico.
L’attrattiva del comunismo era scontata per Erik, figlio di un convinto stalinista, mentre era una stravaganza per i due amici, Sonia con cui Erik faceva coppia, e Carl che offriva l’alloggio a entrambi nel lussuoso appartamento che gli aveva regalato il padre.
Che cosa era successo perché Erik lasciasse la scuola per diplomatici e si mettesse a distribuire giornali? Il fatto che fosse stato ammesso, nonostante le sue origini familiari, confermava la sua eccezionalità. Si insinuava che fosse stato espulso, ma una lettera di dimissioni di Erik provava il contrario.
Adesso che pezzo dopo pezzo sta crollando l’impero comunista, si può finalmente dire la verità? Verità è la parola chiave nel romanzo di Magnus Montelius.
Si chiamava “Veritas” il gruppo svedese di estrema sinistra di cui facevano parte Erik e gli amici. Verità come Pravda, il famoso quotidiano russo. Una verità che Tobias Meijtens insegue nonostante le intimidazioni, nonostante che venga licenziato nel tentativo di fermare le sue ricerche. La verità dovrebbe essere come una missione per un giornalista - l’accusa contro i danni che la mala stampa o l’informazione tendenziosa possono provocare, fino a distruggere la vita di un uomo, è fortissima.
È in questo idealismo che il personaggio di Tobias nel 1990 si avvicina, come una sorta di doppio rivisto, a quello di Erik nel 1965. Quello di Tobias, però, pare una voce sola nel coro mentre l’atmosfera degli anni ‘60 traboccava di idealismo, di speranze, di entusiasmo, di illusioni (‘Des illusions’ è il titolo scelto dall’edizione francese), almeno nel gruppo dei simpatizzanti del comunismo.
Che ne era stato di tutto quello? Adesso che pezzo dopo pezzo sta crollando l’impero comunista, si può finalmente dire la verità? Parrebbe di no, e allora la lotta di Mejitens si rivela in parte inutile, il suo disinganno è di poco inferiore a quello di Erik, il personaggio eroico tradito da qualcuno, e per motivi che nulla hanno a che fare con gli ideali o il credo politico. L’ultima verità che Mejitens non svelerà ( a volte bisogna arrendersi e smettere di fare il don Chisciotte) è una sorta di giustizia poetica che riequilibra il destino di Erik.
Dopo Il cerchio dell’odio di Massimo Galluppi, la casa editrice Marsilio ha pubblicato un altro libro entusiasmante che ritorna, in un contesto nazionale e sociale diverso, ai fervidi anni ‘60 e ‘70 in cui si respirava nell’aria la fiducia giovanile che si potesse cambiare il mondo. C’è un filo di rimpianto, paragonandoli con i tempi attuali di palude stagnante? Di certo L’inganno del passato non è solo un ottimo romanzo di spionaggio che lascia il lettore fino alla fine nel dubbio sull’identità di ‘Tristano’, ma è anche lo specchio di un tempo e la messa a nudo dell’abitudine (o vizio?) ad insabbiare il marciume della società.

A cura di Wuz.it

  • Magnus Montelius Cover

    Magnus Montelius (1965), cresciuto in un ambiente diplomatico svedese legato all’Unione Sovietica, ha lavorato come consulente per l’ambiente nei Balcani e nelle vecchie repubbliche sovietiche. L’inganno del passato segna il suo esordio come scrittore, un libro che alla sua uscita è stata la grande sorpresa per critici, librai e lettori svedesi, e subito venduto in diversi paesi stranieri. Dopo aver vissuto in Africa e America Latina, Montelius è tornato (per ora) a Stoccolma. Approfondisci
Note legali