Categorie

Magnus Montelius

Traduttore: L. Cangemi
Editore: Marsilio
Collana: Farfalle
Anno edizione: 2014
Pagine: 366 p. , Brossura
  • EAN: 9788831718417

L’inganno del passato è un romanzo straordinario, una spy story se si è in cerca di una definizione, e tuttavia è un romanzo ‘pieno’, con personaggi ben definiti, con una storia che sconfina nella Storia e nella politica e che pone quesiti - umani ed etici - su cui è impossibile sorvolare.
Tanto che ci si domanda se non sarebbe ora di farla finita con le restrizioni delle definizioni dei generi e con la condiscendenza con cui i critici guardano i libri ‘gialli’ o di indagine poliziesca o di spionaggio. Un grande romanzo è un grande romanzo e basta.
È il 1990. La rivoluzione di Piazza Tienanmen, la caduta del muro di Berlino, la fine dei Ceauþescu in Romania hanno segnato una svolta epocale. Non è solo la fine dell’Unione Sovietica. È la fine di un’utopia, di un sogno illuminante.
Un profugo albanese arrivato da due giorni a Stoccolma viene trovato morto nei giardini dell’altura di Ersta. È caduto? Un barbone che era nei pressi dice di no, che lui ha visto un’ombra. Chi bada agli sproloqui di un senzatetto? Poco dopo questi muore, investito da un’auto.
Il tutto appare sospetto al giovane giornalista Tobias Meijtens che non ha neppure idea di dove lo porterà l’indagine che inizia a fare, sperando in uno scoop che lo faccia assumere a tempo indeterminato dalla rivista settimanale per cui lavora. Una delle prime cose che balza fuori è che l’albanese è uno svedese scomparso nel 1965. E non era un tipo qualunque. ‘Allora’, nel 1965, i giornali avevano scritto un’accusa infamante: che era una spia, che si trovava a Mosca. Come era finito in Albania, paese non proprio amico dell’Unione Sovietica?
Erik Lindman non era ‘come lei e come me’ - dice un suo vecchio amico. Faceva parte del cosiddetto ‘gruppo di Upssala’, ma era l’unico a provenire da una famiglia molto modesta. Erik era intelligentissimo e brillante a scuola, era colto, aveva una grande disposizione per le lingue straniere, era generoso, era di bell’aspetto, era carismatico.
L’attrattiva del comunismo era scontata per Erik, figlio di un convinto stalinista, mentre era una stravaganza per i due amici, Sonia con cui Erik faceva coppia, e Carl che offriva l’alloggio a entrambi nel lussuoso appartamento che gli aveva regalato il padre.
Che cosa era successo perché Erik lasciasse la scuola per diplomatici e si mettesse a distribuire giornali? Il fatto che fosse stato ammesso, nonostante le sue origini familiari, confermava la sua eccezionalità. Si insinuava che fosse stato espulso, ma una lettera di dimissioni di Erik provava il contrario.
Adesso che pezzo dopo pezzo sta crollando l’impero comunista, si può finalmente dire la verità? Verità è la parola chiave nel romanzo di Magnus Montelius.
Si chiamava “Veritas” il gruppo svedese di estrema sinistra di cui facevano parte Erik e gli amici. Verità come Pravda, il famoso quotidiano russo. Una verità che Tobias Meijtens insegue nonostante le intimidazioni, nonostante che venga licenziato nel tentativo di fermare le sue ricerche. La verità dovrebbe essere come una missione per un giornalista - l’accusa contro i danni che la mala stampa o l’informazione tendenziosa possono provocare, fino a distruggere la vita di un uomo, è fortissima.
È in questo idealismo che il personaggio di Tobias nel 1990 si avvicina, come una sorta di doppio rivisto, a quello di Erik nel 1965. Quello di Tobias, però, pare una voce sola nel coro mentre l’atmosfera degli anni ‘60 traboccava di idealismo, di speranze, di entusiasmo, di illusioni (‘Des illusions’ è il titolo scelto dall’edizione francese), almeno nel gruppo dei simpatizzanti del comunismo.
Che ne era stato di tutto quello? Adesso che pezzo dopo pezzo sta crollando l’impero comunista, si può finalmente dire la verità? Parrebbe di no, e allora la lotta di Mejitens si rivela in parte inutile, il suo disinganno è di poco inferiore a quello di Erik, il personaggio eroico tradito da qualcuno, e per motivi che nulla hanno a che fare con gli ideali o il credo politico. L’ultima verità che Mejitens non svelerà ( a volte bisogna arrendersi e smettere di fare il don Chisciotte) è una sorta di giustizia poetica che riequilibra il destino di Erik.
Dopo Il cerchio dell’odio di Massimo Galluppi, la casa editrice Marsilio ha pubblicato un altro libro entusiasmante che ritorna, in un contesto nazionale e sociale diverso, ai fervidi anni ‘60 e ‘70 in cui si respirava nell’aria la fiducia giovanile che si potesse cambiare il mondo. C’è un filo di rimpianto, paragonandoli con i tempi attuali di palude stagnante? Di certo L’inganno del passato non è solo un ottimo romanzo di spionaggio che lascia il lettore fino alla fine nel dubbio sull’identità di ‘Tristano’, ma è anche lo specchio di un tempo e la messa a nudo dell’abitudine (o vizio?) ad insabbiare il marciume della società.

A cura di Wuz.it

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Attilio Alessandro

    26/10/2015 15.17.42

    Un po'troppo tirata in lungo la vicenda e in alcuni punti pure noiosetto. Una Spy story che in effetti non decolla mai e che ti trascina stancamente per pagine e pagine, senza neppure il coup de theatre finale. Libro per i giorni di brutto tempo

  • User Icon

    furmiga

    27/08/2014 13.28.43

    Bello! Una spy-story ambientata negli anni 90 scritta molto bene, con un buon ritmo, senza troppi colpi di scena e una trama intelligente che sa coinvolgere il lettore fino all'ultima pagina. Mi sono piaciuti anche i personaggi, soprattutto il giovane cronista. Lettura sicuramente consigliata a tutti gli afficionados dei Thriller Scandinavi.

Scrivi una recensione