Categorie

Intervista a Primo Levi, ex deportato

Curatore: A. Bravo, F. Cereja
Editore: Einaudi
Collana: Vele
Anno edizione: 2011
Pagine: XXV-93 p., Brossura
  • EAN: 9788806204976
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Si tratta dell'intervista condotta da Anna Bravo e Federico Cereja a Primo Levi nel 1983, in occasione della ricerca promossa dall'Aned, che consisteva nel raccogliere le testimonianze di duecentoventi superstiti dei campi di sterminio. Fin dalle battute iniziali emerge la figura dello "scrittore" Primo Levi: l'icasticità dell'analisi, la pacatezza dei toni, l'esposizione trasparente e lucida degli argomenti, l'attenzione alle parole e al loro significato. Più volte, infatti, nel corso dell'intervista, Levi chiede ai suoi interlocutori chiarimenti sul significato dei termini che essi usano, scardinando quel "lessico di settore o di gruppo" e obbligando a ripensare a certe espressioni e formule. Accanto alla figura dello scrittore si affianca sempre quella del testimone, che parla soltanto di quello che ha visto e vissuto in prima persona, senza accettare influenze esterne, e diventando così un "testimone del vissuto". Alla narrazione di eventi e di episodi della vita nei lager si affianca un'importante riflessione sulle difficoltà che lo scrittore ha incontrato nella sua opera di testimonianza: in primo luogo la percezione della perdita di interesse, nel corso degli anni, per quei temi, soprattutto da parte dei ragazzi, e il conseguente rammarico provato; in secondo luogo l'inadeguatezza e l'imbarazzo generati dall'incapacità di rispondere a certe domande: perché si fanno le guerre, perché ci sono stati i lager, perché, se c'è un Dio, ha permesso un simile abominio. Il libro si conclude con un saggio di Anna Bravo, che sviluppa un tema soltanto toccato nell'intervista, ma approfondito in altre opere di Primo Levi, quello della zona grigia, che possiede "una struttura interna incredibilmente complicata ed alberga in sé quanto basta per confondere il nostro bisogno di giudicare".
Elena Fallo

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    monica

    24/04/2013 14:14:33

    In questa intervista Primo Levi racconta l'impatto emotivo che la sua vicenda personale ebbe sui suoi figli, della condizione dell'italiano in Lager, ritenuto l'ultimo fra gli ultimi nella scala gerarchica del prigioniero, isolato schernito abusato dagli stessi compagni di prigionia semplicemente per una questione linguistica. Parla della sua esperienza come testimone della Shoah nelle scuole, non tralascia i suoi sentimenti nel ricordare la sua condizione di prigioniero nel Lager di Auschwitz-Monotitz. Interessantissimo libro in quanto arricchito di dettagli sulla prigionia in questo Lager non descritti in altri scritti di Primo Levi.

Scrivi una recensione