Io c'è

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Paese: Italia
Anno: 2018
Supporto: DVD
Salvato in 32 liste dei desideri
Massimo Alberti, titolare di un Bed & Breakfast in fallimento, e la sorella Adriana, una commercialista, decidono di inventare una nuova religione, lo ionismo, per trasformare il Bed & Breakfast un luogo di culto. Tutto questo per fare pagare i clienti con delle donazioni, permettendo loro di evadere le tasse. Lo Ionismo, religione creata a tavolino da Massimo Alberti che suggerisce di vivere per se stessi e per raggiungere la propria felicità, inizia ad attrarre sempre più seguaci, portando così a situazioni irrealistiche e comiche come l'inevitabile scontro con la comunità ecclesiastica e la conversione allo ionismo di svariati personaggi affascinati da questa nuova religione.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,31
di 5
Totale 13
5
6
4
5
3
2
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Bruce Ketta

    12/05/2020 00:10:46

    Bella commedia, molto bravo come sempre Edoardo Leo, nei panni di Massimo Alberti, che eredita con la sorella (Margherita Buy) un bed and breakfast, che però trasforma in luogo di culto di una nuova forma religiosa che invita a venerare sè stessi, ossia l'Io, da cui ''Ionismo''. Così facendo, il bed and breakfast diventa fonte di attrazione per turisti curiosi e gode di un regime fiscale diverso in quanto luogo di culto, suscitando l'invidia del convento adiacente.

  • User Icon

    Mary

    22/09/2019 19:30:42

    Una commedia che fa riflettere: una vera sorpresa. I protagonisti sono tutti davvero molto bravi!

  • User Icon

    Debora

    21/09/2019 20:33:47

    Bel film per una divertente serata in famiglia. Bravissimi attori. Ottima commedia

  • User Icon

    Lorenzo

    22/06/2019 08:44:53

    Nulla di imcredibile ma ben.costruito, su un idea che da sola ve il film. Attori perfetti

  • User Icon

    Daniela

    11/03/2019 21:17:22

    Film bello e divertente. Grande Edoardo Leo

  • User Icon

    Stefano

    11/03/2019 14:10:49

    Ho avuto il piacere di vederlo in anteprima con il cast presente in sala e ne rimasi davvero sopreso positivamente .Bravi in particolare Edoardo Leo che intepreta il " Guru " di questa nuova religione e Margherita Buy nel ruolo di sua sorella che dovrà aiutarlo e consigliarlo .Ben sviluppato e con alcune idee originali ,ad esempio la battaglia con le suore " rivali " .Da vedere e vedrete che non vi pentirete di averlo comprato.

  • User Icon

    Paolo

    09/03/2019 11:58:27

    Bella commedia ben interpretata da un'ottimo cast .Trama insolita e divertente offre anche spunti di riflessione su tematiche attuali.

  • User Icon

    n.d.

    18/12/2018 09:04:06

    Uno spaccato fedele e divertito del nostro tempo ambientato a Roma.

  • User Icon

    Christian

    22/09/2018 06:04:59

    Pellicola che riunisce nuovamente la coppia Leo-Battiston, insieme davvero formidabili. Con sottile ironia vengono irrise religioni e sette, fondate più sui bisogni materiali che spirituali. Alla fine del film viene lasciato aperto uno spiraglio sull'esistenza della religione da ritenersi come bisogno di credere in qualcosa a noi superiore.

  • User Icon

    annaG

    21/09/2018 21:05:29

    Simpatica commedia che funzione soprattutto in virtù del cast importante e che riesce a rendere plausibile una vicenda che sulla carta sembra assurda. Bravissimo Edoardo Leo, sempre strepitoso Battiston!

  • User Icon

    SALVATORE

    21/09/2018 05:19:28

    grande edoardo leo veramente un a bella commedia divertente complimenti

  • User Icon

    Maria Grazia

    20/09/2018 12:14:52

    Una dei pochi film italiani che mi sia piaciuto veramente ...si è rivelato una sopresa .Fà ridere ma anche un poco riflettere.Ottimo cast.

  • User Icon

    MaryNE

    18/09/2018 20:09:25

    Sorprendente pellicola che irride al dilagare di sette e religioni, più attente ai bisogni economici-materiali che spirituali, a cominciare dal Chiesa stessa. Edoardo Leo è sempre divertente ed nella parte, e Giuseppe Battiston è un pilastro del cinema italiano. Divertente e malinconico.

Vedi tutte le 13 recensioni cliente

Io c’è: la commedia che mette in croce la religione

Il film di Alessandro Aronadio ci regala un Edoardo Leo profeta di un nuovo credo: lo ionismo.

Di dio e dei suoi profeti al cinema si parla poco. Dopo i peplum su Mosé e soci, infatti, alla religione sul grande schermo ci si avvicina solo quando il regista è molto arrabbiato e molto ateo: da Marco Bellocchio a Woody Allen, infatti, a qualunque divinità ci si riferisca, ti ritrovi a viverla come un nemico, un avversario che forse, sotto sotto, è figlia di un amore così forte da aver bisogno di una perenne conflittualità. La religione non è bella se non è litigarella, insomma.

Ecco perché Io c’è ti spiazza subito. Alessandro Aronadio comincia, in fondo, da una delle ultime scene di Orecchie, in cui un Rocco Papaleo nei panni di un prete sui generis e con un difficile rapporto con l’alcol – non lo beve solo durante le funzioni religiose, per capirci -, spiega al protagonista che credere è più importante di ciò in cui credi. Del clero, dei comandamenti, di una madonna che compare o meno in una macchia di muffa.

Con una voce fuori campo invadente – ma poi, alla fine, capirete perché – e un montaggio di vari riti religiosi più che bizzarri che sembra preso di peso da quel documentario geniale e misconosciuto che è Religiolous di Larry Charles, ti aspetti una commedia sferzante e feroce che metta alla berlina tutto ciò che giri intorno alle multinazionali della fede. Aiuta anche il fatto che il protagonista, Massimo, cerca disperatamente di eludere il fisco facendo diventare il suo pacchianissimo B&B – dall’azzeccatissimo nome “Miracolo italiano” – un luogo di culto. E dopo che imam, rabbino e un prete gli risponderanno picche, con la sorella commercialista (Margherita Buy, raramente così libera e divertente, capace di tratteggiare il suo personaggio con sfumature inaspettate) e il nuovo compagno dell’ex moglie, un intellettuale così radical chic che scrive “libri che non devono essere letti” (Giuseppe Battiston, mefistofelico evangelista di questo nuovo credo) decide di farsela da solo, la religione. Gli bastano un kimono per diventarne il profeta, uno specchio come oggetto di culto – si venera l’io, se stessi – e i suggerimenti al posto dei comandamenti e il gioco è fatto.

Ed è proprio qui che il film di un regista che fin dall’esordio aveva mostrato una sensibilità creativa ed estetica altra – Due vite per caso è un gioiello di quelli che apprezzi col tempo -, fa il salto di qualità. Nella scrittura (firmata dal regista stesso e da Renato Sannio, Valerio Cilio e da Edoardo Leo), cesellata nei dialoghi, nelle battute che ti fanno passare dal sorriso sardonico alla risata piena, così come nella struttura narrativa, e nella visione affatto banale. Quello che poteva sembrare un pamphlet si concentra non sulla religione né sul suo cialtronismo, ma sul credere. Su questo profeta che si libera di qualsiasi pulpito per diventare un leader imperfetto e inconsapevole, sui fedeli che hanno bisogno di qualcuno e qualcosa che li elevi dalle loro fragilità, un pretesto per essere migliori. O anche solo se stessi.

Dopo l’inizio più inevitabilmente programmatico, in cui la religione viene vista sotto l’impietosa lente della razionalità – la Bibbia, come tanti altri testi sacri, a leggerla senza la luce della fede finisce per sembrare una sceneggiatura sopra le righe e con molto umorismo involontario -, Aronadio sceglie sempre la strada più difficile. Non quella del sarcasmo, ma della curiosità, non quella dello stereotipo ma della negazione dello stesso. Lo si capisce anche dalla gestione dei ruoli degli attori: la Buy che fugge dalla sua vita borghese, Battiston che finalmente è cattivo e antipatico e gli riesce benissimo (lo fu anche in Io sono Li di Andrea Segre, ma qui c’è anche la sfumatura ironica che non guasta), Massimiliano Bruno che torna attore per dipingere perfettamente il suo naziparaplegico con il giusto equilibrio di comicità e poi di profondità.

Tutti lontani dagli archetipi che a volte mettono loro addosso altri cineasti, così come la storia stessa si allontana dai binari che sembrava aver gettato per diventare, a sorpresa, profondamente spirituale. Quando Massimo scopre che il suo cialtronismo l’ha portato oltre, quando una donna (Giulia Michelini) affida una decisione vitale a ciò che lui affronta come un gioco e uno stratagemma per sopravvivere, lui sente addosso il peso del suo ruolo di guida. Perché qui non c’è solo religione, ma un mondo e diverse generazioni orfane di certezze e disposte a tutto, pur di (ri)trovarle. Questa volontà di essere comunità la senti persino nei movimenti della macchina da presa, che riempiono il B&B di senso, lo fanno diventare un luogo bizzarro di formazione, di ricostruzione. E concetti complessi come il fanatismo, la fede, il bisogno di credere diventano quasi elementari, necessari, tanto che il finale, pericoloso perché viaggia su un crinale in cui una parola e una scena in più potrebbe portare all’eccesso, forse darà fastidio ai detrattori come agli amanti del film.

Perché la religione come la politica – e qui si parla di entrambe – in questi anni sono vissute senza maturità, senza interrogarsi sulla natura delle proprie fragilità ed esigenze emotive. E Io c’è non è abbastanza ateo per chi ideologicamente odia ogni dio, né tantomeno religioso come vorrebbe il bigottismo ipocrita di questi tempi, quello delle “mani che si stringono tra i banchi delle chiese alla domenica mani ipocrite, mani che fan cose che non si raccontano altrimenti le altre mani chissà cosa pensano, si scandalizzano”.

E’ per questo che è una commedia di quelle che vanno viste e riviste, che sembrano attingere, con modernità, tanto alla vecchia tradizione italiana quanto a una visione quasi anglosassone dei massimi sistemi. Io c’è è un film laico e spirituale, una commedia divertente e profonda. Una di quelle che cerchiamo sempre, che pretendiamo e che poi, quando arrivano, a volte non riconosciamo. Beh, cerchiamo di riuscirci, altrimenti ce le meritiamo le commedie col titolo rosso su sfondo bianco.

 

  • Produzione: Warner, 2018
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 95 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti; Inglese
  • Formato Schermo: 2,35:1
  • Area2
  • Margherita Buy Cover

    "Attrice italiana. Diplomatasi presso l’Accademia d’arte drammatica, esordisce al cinema in La seconda notte (1985) di N. Bizzarri. Bionda con gli occhi azzurri, timida e in apparenza fragile, è un volto ormai consacrato del cinema d’autore italiano. È la ragazza snob in La stazione (1990) di S. Rubini, l’innamorata enigmista in La settimana della sfinge (1990) di D. Luchetti, la nevrotica farmacodipendente in Maledetto il giorno che t’ho incontrato (1992) di C. Verdone, la contestatrice in Facciamo paradiso (1995) di M. Monicelli e la suora tentata dalla maternità in Fuori dal mondo (1999) di G. Piccioni, forse il suo ruolo più convincente, che le ha portato meritati riconoscimenti. Segue il percorso artistico dei registi con cui ha iniziato la sua carriera: C. Verdone (Ma che colpa abbiamo... Approfondisci
  • Giuseppe Battiston Cover

    Attore italiano. Dopo il diploma in recitazione alla Scuola d’arte drammatica Paolo Grassi di Milano lavora in teatro diretto soprattutto da A. Santagata. Al cinema esordisce con una piccola parte in Italia-Germania 4-3 (1990) di A. Barzini, e nel 1993 viene scelto da S. Soldini per Un’anima divisa in due, inaugurando un sodalizio che si rivelerà duraturo e proficuo: con il ruolo dell’impacciato idraulico che sogna di fare l’investigatore in Pane e tulipani (2000) vince il David di Donatello come miglior attore non protagonista e ottiene notorietà, consolidata anche grazie al personaggio del maldestro ladro di Chiedimi se sono felice (2000) di Aldo Giovanni e Giacomo e M. Venier. Tra le successive – e numerose – interpretazioni, quelle nei film di R. Benigni (La tigre e la neve, 2005), C.... Approfondisci
Note legali