Categorie

Michael Crichton

Traduttore: G. Pannofino
Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2009
Pagine: 332 p. , Brossura
  • EAN: 9788811685760
Usato su Libraccio.it € 10,04

Ritrovata nel computer di Michael Crichton dopo la sua prematura scomparsa, L'isola dei pirati è l'ultima mirabolante avventura nata dalla fantasia di uno degli scrittori più amati dei nostri tempi: un libro pieno di azione e di suspense, che si avventura in un territorio nuovo e insolito per il grande autore di bestseller. Non più paesaggi preistorici e pericolosi dinosauri come nel celeberrimo Jurassic park, non più viaggi a ritroso nel tempo e battaglie medievali come in Timeline o scenari medico scientifici ai confini della realtà come in Preda: questa volta Crichton ci regala una storia che ha tutti gli ingredienti del romanzo d'avventura classico, ambientata nel mar dei Caraibi del diciassettesimo secolo, infestato da corsari, galeotti e avventurieri senza scrupoli. Un'atmosfera suggestiva, un'epoca feroce e imprevedibile, un intrigo appassionante e ricco di colpi di scena catturano il lettore dalla prima all'ultima pagina.
Sulla scena si agita una movimentata schiera di personaggi tra cui spicca l'ambizioso Charles Hunter, capitano inglese a capo delle file corsare che scorrazzano tra le isole caraibiche alla ricerca dei tesori spagnoli, con il tacito beneplacito del governatore inglese della Giamaica Sir James Almont. Quando i due scoprono che sulla costa dell'isola di Matanceros, sotto il controllo spagnolo, è attraccato un galeone carico di ricchezze in attesa di essere trasferite in Europa, parte immediatamente un piano per la conquista del tesoro. A capo di una ciurma appositamente reclutata, di cui fanno parte i più loschi individui che frequentano Port Royal e i suoi quartieri malfamati, Hunter tenta il tutto per tutto per impossessarsi della nave e del suo prezioso carico, ricorrendo ad ogni mezzo lecito e illecito. Il primo attacco fallisce e i corsari vengono catturati dallo spietato capitano Cazalla, con cui Hunter ha un amaro conto in sospeso. Riescono rocambolescamente a fuggire ma non si danno per vinti e riprendono l'attacco, privilegiando l'astuzia alla forza. Il capitano corsaro ha già pronto un piano per agire via terra e mettere fuori uso l'artiglieria spagnola sorprendendola alle spalle. La giungla che ricopre l'isola è fittissima e l'imprevisto è sempre dietro l'angolo: per Hunter e i suoi compagni, il Moro, don Diego, Sanson e Lazue, non sarà affatto facile portare a termine l'impresa. Il quadro si complica con la comparsa sulla scena di una provocante fanciulla, Lady Sarah, nipote del governatore, che si unisce imprevedibilmente ai corsari con il rischio di mandare a monte i loro sforzi. Si aggiungono poi le trame di Robert Hacklett, vicegovernatore delle piantagioni e dei territori di Sua Maestà britannica in Giamaica, che tenta di destituire il governatore Almont denunciando la sua collusione con i pirati, e gli intrighi dell'affascinante Anne Sharpe, deportata dall'Inghilterra in qualità di pregiudicata e diventata in breve tempo la cortigiana più ricercata di Port Royal. E quando tutto sembra ormai volgere al termine un colpo di scena inatteso potrebbe riaprire la caccia al tesoro…
Appassionante e intrigante fino alla fine, anche quest'ultimo romanzo, pubblicato postumo in contemporanea mondiale, conferma la creatività e la bravura di un autore che sarà certamente ricordato per i suoi grandi e indimenticabili bestseller.

Leggi il primo capitolo del libro.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    claudia

    02/06/2016 08.43.51

    STUPENDO!!

  • User Icon

    Paolo N.

    10/06/2015 19.51.41

    I dubbi che l'autore sia davvero quello indicato sulla copertina iniziano a farsi largo dopo circa 1/3 del libro. Un fake, a partire dal titolo: nel libro, infatti, nel c'è alcuna traccia di "pirati" e, anzi, si specifica molto bene i protagonisti sono tutti "corsari", sottolineandone ampiamente le differenze. Da qui, un'intercalare continuò di banalità e incorenze finanché a lambire i margini della letteratura fantastica con la comparsa di mostri degli abissi davvero poco opportuni in un romanzo che iniziava con una forte caratterizzazione storica. Si potrebbe dire di più, ma non aggiungerei nulla a ciò che ho già detto: voto 1, scarso.

  • User Icon

    Giovanna

    06/03/2014 11.23.19

    Libro bellissimo. Avventura e sospence. Da leggere tutto d'un fiato assaporando ogni pagina. Il finale forse un po' banale. Leggetelo!

  • User Icon

    Elena

    25/09/2012 20.09.53

    Un libro che consiglierei a chi vuole leggere un Crichton diverso, molto lontano dalla sua classica letteratura scientificamente impegnata, che peraltro apprezzo molto. Mi sono piaciuti di più suoi classici come Jurassic Park o Timeline, ma non lo disdegnerei di una lettura. Scorrevole, più semplice e meno tecnico degli altri. Tre stelline!

  • User Icon

    Alessandro

    27/03/2012 17.27.38

    Ottimo libro; alcuni commenti mi sembrano troppo severi

  • User Icon

    Antonella

    11/06/2011 01.13.45

    Un libro davvero molto deludente, che fa sorgere dei dubbi nel lettore. Non vi ho ritrovato nessuna delle tecniche di scrittura di Crichton, quelle che rendono i suoi romanzi così avvincenti; non c'è suspence, non c'è mistero, non c'è coinvolgimento. I dubbi ovviamente sono due. Il primo: è forse questa un'opera incompiuta? Magari Crichton aveva in mente di stravolgerla dopo una prima stesura abbozzata. Il secondo: ma chi ha scritto questo libro? Sarà stato davvero "ritrovato nel computer" dell'autore? Possibile che non abbia mai detto a nessuno di averlo scritto? Francamente, pare proprio che sia stato scritto da qualcun altro. Se così fosse, sarebbe un imbroglio bello e buono, sicuramente redditizio per chi incassa i diritti ma davvero ingiusto nei confronti dei lettori affezionati di Crichton. La lettura mi ha lasciato l'amaro in bocca; non avevo avuto esitazioni nell'acquistarlo, ma ora penso che non valga affatto il prezzo di copertina. Una storiella leggibile solo se non si sono mai letti altri libri dell'autore o altre storie di pirati, altrimenti non la si potrebbe definire altro che banale. Che peccato.

  • User Icon

    Romano

    19/04/2011 21.32.23

    sono un vero fan di Crichton, adoro tutti i suoi libri, però questo effettivamente non mi è sembrato scritto da lui.nonostane ciò,non è male come libro, si legge bene, ma diciamo che non ti tiene con il fiato sospeso come altri suoi capolavori!da leggere comunque

  • User Icon

    Trixter

    29/03/2011 09.08.25

    Cominciamo col dire che pensare semplicemente che il libro non l'abbia scritto M.C. non mi pare motivazione sufficiente per dare il minimo dei voti. Il romanzo, in sè, non è male: piacevole, veloce, fluido, ben strutturato e solo nel finale è tirato via in modo troppo veloce, forse sarebbe stato oggetto di un successivo arricchimento. Non vi ho trovato grandi colpi di scena, la trama scorre fino alla fine senza particolari sussulti. Nel complesso, una lettura leggera e poco impegnativa che non deluderà gli amanti dell'avventura. Ideale sotto l'ombrellone, accompagnato da una gustosa bibita fresca.

  • User Icon

    Brunella

    24/07/2010 09.21.52

    Di Crichton in questo romanzo non trovo nulla. Storia già letta e riletta, scontata. Sono arrivata a metà libro e poi l'ho chiuso definitivamente. Delusione totale.

  • User Icon

    Gianni

    13/07/2010 00.25.33

    Non ho alcun dubbio che questo libro non è stato scritto da Crichton. Evidentemente si voleva spremere qualcosa anche dopo il suo decesso non ci sono altre spiegazioni. Una storia banalissima, tutto scontato, la fortezza da espugnare la dama da salvare la battaglia marina mostri alluvioni uragani il tradimento del 2° etc etc ne fanno si un romanzo leggibile ma che non lascia assolutamente niente una volta finito.

  • User Icon

    ste

    29/05/2010 23.10.32

    Sono veramente contenta che qualcuno condivida il mio peniero: questo libro non l'ha scritto Crichton. Sarà che da vera amante di questo autore di cui non mi sono persa una pubblicazione, dopo la gioia di poter leggere ancora qualcosa di suo, la delusione è stata grande. Voto. 1 Il libro è scontato e noioso.

  • User Icon

    Silvia

    18/05/2010 16.42.30

    Sono d'accordo con chi scrive che non e' il Crichton al quale siamo abituati. Questo e' vero. Che pero' il libro sia da buttare o cose del genere, no. Si legge in tranquillita', e' scorrevole, tutto sommato la storia e' accattivante. Un romanza d'avventura, e stop. Lontano dagli standard di questo grande scrittore, ma comunque godibile.

  • User Icon

    massimo

    29/04/2010 22.08.15

    Non è Crichton. Ovvero non è il Crichton degli ultimi anni. Un "minore" giovanile ? Un "divertimento" lasciato li a maturare (o a marcire, perchè ritenuto non-pubblicabile per gli standard raggiunti ?? Già le pubblicazioni postume fanno storcere la bocca (basta vedere la sagra di Ludlum + Pinco Pallino in corso da anni, con il primo che si rivolta nella tomba ... in stile trottola) figuriamoci un romanzetto, metà Salgari - metà Ballerini Puviani (e chi è ? cercatevelo, scrive libri simili). Questo con riferimento all'Autore. Se poi cercate un discreto romanzo di cappa e spada tra pirati e galeoni, con una spruzzata di mostri marini (alla Pirati dei Caraibi) e siete di bocca buona può fare al caso vostro. Fatevelo regalare però o aspettate l'edizioni economica che il rapporto prezzo/pagine/qualità è medio basso

  • User Icon

    ferro

    23/04/2010 12.48.44

    una parola sola: FANTASTICO !

  • User Icon

    Fabio86

    13/04/2010 09.14.38

    mi ha affascinato per la facilità di lettura con cui lo si divora!!! ben scritto e soprattutto ben strutturato!!! lo consiglio a chi desidera una lettura non troppo impegnativa

  • User Icon

    Standbyme

    03/03/2010 21.31.23

    Una prosa molto fluida, che rende più che piacevole la lettura, compensa la trama prevedibile e forse fin troppo lineare. È possibile che gli avvenimenti ci appaiono scontanti perché quasi tutti noi abbiamo ricordi recenti delle avventure cinematografiche di Will Turner, di Jack Sparrow e della Perla Nera con il suo Capitan Barbarossa anche se l’interpretazione di Johnny Depp e di tutti gli altri rende i pirati simpatici e “quasi” buoni mentre i corsari di Crichton sono decisamente duri, vendicativi, sanguinari ma fedeli ad un loro codice d’onore. Anche se si discosta dalle tematiche trattate nelle sue ultime opere possiamo senz’altro affermare che questo romanzo postumo non è frutto del lavoro di un gosthwriter: lo stile di Michael Crichton, seppur in tono minore rispetto agli impareggiabili suoi primi romanzi, c’è e si vede. All’entusiasta Cristina, che mi ha preceduto nella recensione, mi permetto di suggerire “Congo” sono certo che non se ne pentirà.

  • User Icon

    Cristina

    25/02/2010 09.50.35

    Questo è il primo romanzo di Crichton che ho letto, l'ho trovato stupendo. Certo non posso condividere le critiche di chi lo descrive scontato e forse poco autentico perchè non ho termini di paragone. Leggerò altri romanzi di questo autore, cosa mi consigliate? Ma i personaggi di questo racconto sono realmente vissuti? non ho trovato la dicitura "Questa è un'opera di fantasia, ecc.".

  • User Icon

    duilio

    22/02/2010 15.08.56

    Assolutamente della stessa opinione di Claudio che è azzeccata al 100%. Già visto e scritto con tempi non molto esatti ma comunque appassionante per le descrizioni dei luoghi e dei personaggi e quindi leggibile e anche divertente e piacevole

  • User Icon

    Val.®

    11/02/2010 17.07.19

    Mah. Ho finito il libro poche ore fà. Non è sicuramente un libro da buttare via, ma neanche da incensare. Non ho visto questi colpi di scena da mozzare il fiato. Tutt'altro. Scorre tutto abbastanza prevedibilmente. Certe situazioni sono un pò trascinate, tanto da farmi supporre che nel portatile di Crichton vi fosse una bozza generale del romanzo, che poi qualcuno (in un tempo postumo) ha ricucito. Se vi siete emozionati tanto da dare 4 o 5 stelle a questo romanzo, non oso immaginare che valutazione dareste allora ad opere come Congo o Timeline. PS: ci mancherai Crichton.

  • User Icon

    MOZARTIANO

    03/02/2010 17.08.18

    Sono d'accordo co Claudio. E' un racconto dalla tra- ma scontata, già letta in molti altri romanzi. Valutazione scarsa.Non vale l'acquisto.

Vedi tutte le 32 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione