Itero Perpetuo - Adam Tempesta - copertina

Itero Perpetuo

Adam Tempesta

0 recensioni
Scrivi una recensione
Editore: Eris
Collana: Kina
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 29 agosto 2016
Pagine: 400 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788898644223
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 15,30

€ 18,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 18,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un uomo, un astronauta, disperso nelle profondità infinite dello spazio, vuole solo tornare a casa. Ma dov'è? Qual è il suo mondo? Sembra non ricordare nulla, l'unica consapevolezza è che ha una casa, e ovunque questa sia, lì c'è anche la sua famiglia che lo aspetta. Quindi non può che mettersi in viaggio, nel tentativo di tornare da chi lo ama. Ma l'universo è pieno di insidie, mostri, complotti, guerrieri psichici, minacce aliene e soprattutto mondi che si assomigliano l'un l'altro. Fortunatamente non è solo, al risveglio dopo l'incidente che probabilmente è la causa della sua amnesia, ha trovato un prezioso alleato, uno strano polletto, che gli offre aiuto e lo accompagnerà nei meandri più insondabili dell'universo.

Un astronauta di nome Eric si risveglia perso nello spazio dove incontra un enigmatico pollo parlante; da lì, tra amnesie e creature mostruose, comincia un viaggio cosmico alla ricerca della famiglia dello stesso Eric. Bene: per sommi capi la trama di Itero Perpetuo è tutta qui, quindi capite bene che non è il plot il perno di quest'ambiziosa (408 pagine) opera prima del torinese Adam Tempesta. L'autore d'altronde dichiara tra le sue influenze fumettisti come Jesse Jacobs e Michael DeForge, e in effetti a leggere il graphic novel si percepisce un fortissimo aroma di comics “alla Fort Thunder”, anche se forse il titolo più prossimo è un ipotetico Prison Pit di Johnny Ryan, debitamente depurato da squartamenti splatter e humor incattivito. L'altro riferimento dichiarato è Adventure Time, che poi del fumetto alla Fort Thunder è stata la fortunatissima riposta in TV, e anche qui le assonanze sono vistose, dalla trama non lineare desunta dalla narrativa videoludica al surreale senso dell'avventura. Fa insomma piacere trovare in Tempesta una voce che riprende quello che resta il filone più innovativo del recente fumetto nordamericano, anche se certo il tratto tradisce ancora qualche ingenuità e non tutto fila alla perfezione. Ma gli aggettivi finora riservati a questo esordio – “visionario”, “delirante”, “folle”, “sorprendente” – sono tutti giustificati.

 

Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali