Ivanhoe - Walter Scott - copertina

Ivanhoe

Walter Scott

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: U. Dèttore
Editore: Fabbri
Anno edizione: 2003
In commercio dal: 19 novembre 2003
Pagine: 588 p., Brossura
  • EAN: 9788845183614

Età di lettura: Da 8 anni

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Nella lista dei desideri di 1 persona

€ 5,13

€ 9,50
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Inghilterra, XII secolo. Vilfredo di Ivanhoe è il figlio di Cedric, nobile sassone che lo bandisce accusandolo di essersi unito a Riccardo Cuor di Leone per diventare cavaliere; in realtà Ser Cedric vuole ostacolare l'unione del figlio con Lady Rowena. Ivanhoe parte con re Riccardo per combattere in Terrasanta; finita la terza Crociata torna a casa e travestito da eremita si presenta nella casa paterna. Qui conosce Isacco di York, un ebreo che gli dà il cavallo e l'armatura necessari a prendere parte al torneo organizzato dal principe Giovanni, fratello del padre. Ivanhoe partecipa al torneo con il nome di Diseredato... Età di lettura: da 12 anni.
  • Walter Scott Cover

    Poeta e romanziere scozzese.Di antica e nobile famiglia, compì studi da avvocato a Edimburgo e tentò la carriera forense, dedicandosi nello stesso tempo all’attività letteraria.Dopo aver tradotto dal tedesco alcune ballate di Bürger (1796) e di Goethe (1799), si fece notare con la raccolta di Canti giullareschi della frontiera scozzese (The minstrelsy of the scottish border, 1802-03). Il successo ottenuto nel 1805 con il poemetto narrativo "Il lamento dell’ultimo menestrello" (The lay of the last minstrel, 1805) gli permise di diventare socio dei suoi editori e di stabilirsi (1812) nella grande proprietà terriera di Abbotsford, che rimarrà sua dimora fino alla morte. Con "Waverley" (apparso anonimo nel 1814), che inaugura la serie dei... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali