And Justice for All

Artisti: Metallica
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Mercury
Data di pubblicazione: 16 settembre 1988
  • EAN: 0042283606227
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 19,90

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Disco 1
  • 1 Blackened
  • 2 ...And Justice for All
  • 3 Eye of the Beholder
  • 4 One
  • 5 The Shortest Straw
  • 6 Harvester of Sorrow
  • 7 The Frayed Ends of Sanity
  • 8 To Live is to Die
  • 9 Dyers Eve

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Marco 75

    26/07/2011 11:36:13

    And justice for all secondo me è stato il canto del cigno dei Metallica, l'ultimo album bello della band californiana. Dopo di questo è arrivato l'irritante Black Album e tutta l'altra spazzatura come Load e via dicendo. Ma in questo disco ci sono ancora i 4 cavalieri in piena forma. Il perfetto seguito di Master of Puppets, con il quale rivaleggia. Anche se la batteria di Ulrich spicca in maniera esagerata ed il basso è praticamente assente, il suono tipico della band rimane intatto e qui ci sono pezzi diventati dei veri classici dell'Heavy Metal, come One. Insomma un grande disco. Poi non si sa cosa sia successo, ma i Metallica sono scomparsi e sono arrivati quei cloni che avranno anche veduto milioni di dischi cambiando stile e adeguandosi alle mode, ma non hanno mai più nemmeno sfiorato gli apici toccati con questo fantastico disco.

  • User Icon

    Luigi

    14/04/2011 19:34:55

    E' un disco che mi è piaciuto ma non moltissimo. "One", "Harvester of sorrow" e "To live is die" le canzoni che mi hanno emozionato di più. Lo riascolto volentieri.

  • User Icon

    Alex Lugli

    30/09/2009 15:15:02

    Uno degli apici massimi e insuperati raggiunti dal Techno-Thrash e dal Thrash in generale. Con "... And Justice For All" (1988) i Metallica hanno saputo dimostrare, se ancora ce ne fosse stato bisogno, l'immensa classe compositiva insita nella loro indole di grandi musicisti, sfornando il quarto capolavoro consecutivo immediatamente successivo al masterpiece "Master Of Puppets" (1986). L'album è bellissimo, un intarsio prezioso del Metal Moderno capace di affascinare per l'immensa qualità artistica ed esecutiva. Canzoni come "Blackened", "…And Justice For All", "One", "The Shortest Straw", "Harvester Of Sorrow", "To Live Is To Die", "Dyers Eve" (in pratica farei prima a dire tutto il disco) sono veri e propri classici di Thrash tecnico che miscelano al loro interno potenza, classe e melodia. "To Live Is To Die" è dedicata al bassista Cliff Burton prematuramente scomparso. Vennero usati dei riff scritti in passato dallo stesso Burton; si tratta di una traccia quasi completamente strumentale, è considerata una delle più belle composizioni del disco e in assoluto della band californiana, presenta delle caratteristiche classiche della band come l'insieme di parti melodiche molto intense e riff veloci tipicamente Thrash. "One" è la prima canzone dei Metallica per cui è stato girato un video musicale. Quindi non posso che osannare all'infinito questo grandissimo lavoro, con il solo rammarico che dopo di esso i Metallica finirono il loro periodo migliore, quello Thrash, per approdare a lidi "commerciali" e più mainstream; ma questa è un'altra storia. Per chi invece vuole vivere una bella storia, favola, consiglio ovviamente l'ascolto e l'acquisto (ovviamente) massiccio di tutti gli album 80's dei Metallica; tutte perle meravigliose da conoscere a memoria e inserire ai primi posti nella propria collezione. 1983-1988: I Metallica insuperati e migliori di sempre, da "Kill 'Em All" ad "...And Justice For All". Uno dei quinquenni più belli che il Metal ha saputo regalarci.

  • User Icon

    Francesco Trombetti

    20/11/2008 03:29:41

    certamente un ottimo disco - il più tecnicamente pulito e preciso dei metallica. convengo sul problema del basso in sordina, anzi muto. ricordo che comprai l'album appena uscito nei negozi e al primo ascolto pensai subito che se questo sarebbe stato il modo in cui i metallica avevano deciso di trattare il nuovo bassista Jason Newsted, la collaborazione tra di loro sarebbe stata breve. così non fu, però la dipartita di Jason c'è stata ugualmente (molti anni e dischi dopo). onestamente non so il perchè, però ho sempre avuto la sensazione che il "bassista col plettro" non fosse mai riuscito a integrarsi nel gruppo.

  • User Icon

    KK

    16/10/2008 13:59:24

    Capolavoro dei Metallica. Superiore (so che per molti è una bestemmia) anche a Master. Ulrich al top, sezione ritmica spaventosa (nonostante il basso ai minimi termini che si perde tra la compressione delle chitarre) e un suono assolutamente, assolutamente, spaventoso.

  • User Icon

    Mike

    25/03/2008 12:55:47

    And Justice For All è un album innanzitutto tecnico, ma anche "pesante" dal punto di vista compositivo della Band. Canzoni serrate certo, ma molte volte troppo lunghe fanno perdere il gusto di ascoltarle fino in fondo. A mio avviso questo album presenta una grossa pecca in fase di registrazione che è la totale assenza del suono del BASSO o ridotta proprio ai minimi. Il pezzo più orecchiabile è sicuramente la famosa "ONE" da cui è stato tratto anche il primo video dei Metallica. Tra Trash Metal e Hevay Metal, primi segnali del cambiamento che verrà. Voto: 3/5 Sufficiente

  • User Icon

    *Sir Psycho Sexy*

    18/11/2007 14:48:15

    sempre un bel disco...ma i Metallica hanno fatto di meglio...

  • User Icon

    Guidino79

    16/09/2006 15:18:49

    Nove tracce tutte da sognare. "One", "the eye of beholder" e "to live is to die" danno una lezione di trash metal al mondo.L'unico gruppo che ha creato un genere di musica!...serio

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione