Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Kay Scarpetta - Patricia D. Cornwell - copertina

Kay Scarpetta

Patricia D. Cornwell

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Mondadori
Collana: Omnibus
Anno edizione: 2009
Pagine: 478 p., Rilegato
  • EAN: 9788804583363
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 6,00

Venduto e spedito da Biblioteca di Babele

spinner

Disponibile in 2 gg lavorativi

Solo una copia disponibile

+ 4,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO

Altri venditori

Mostra tutti (7 offerte da 6,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Abbandonato il suo lavoro di patologa forense a Charleston, in South Carolina, Kay Scarpetta viene convocata dal dipartimento di polizia di New York per esaminare un paziente dell'ospedale psichiatrico di Bellevue accusato di omicidio, il quale ha espressamente fatto il suo nome e non intende parlare con nessun altro. Quando entra nella cella, Kay si trova di fronte a un uomo affetto da nanismo, ferito ma ritenuto ancora così pericoloso da trovarsi ammanettato e incatenato. Tuttavia, Oscar Bane sostiene di non essere lui l'autore del delitto e racconta a Kay una storia incredibile, secondo la quale le ferite che ha sul corpo sarebbero sì state provocate durante il delitto di Terri Bridges, la sua ragazza, ma che il responsabile sarebbe qualcun altro. Qualcuno che lo ha spiato, seguito, studiato e che infine ha aggredito lui e Terri. Sembra una storia poco credibile, e Oscar potrebbe facilmente essere uno psicopatico, ma le torture e le mutilazioni che Terri ha subito sono altrettanto al limite dell'incredibile. E poco dopo, un nuovo terribile omicidio viene commesso. Così, assieme allo psicologo forense Benton, da poco suo marito, e Lucy, la nipote anch'essa trasferitasi a New York, Kay comincia un'indagine che attraversa le strade della città e le pieghe più buie di Internet, per scoprire che l'omicida potrebbe essere in realtà molto più vicino di quanto creda. Patricia Cornwell ritorna con una nuova indagine che scava nelle più profonde oscurità umane.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,38
di 5
Totale 32
5
9
4
10
3
3
2
4
1
6
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Manuela

    30/08/2010 22:03:53

    Non è stata una totale delusione come tutte le sue ultime fatiche, anche se non si avvicina neanche da lontano ai suoi primi successi, inarrivabili. Questo perché per me, come forse per molti, la Cornwell, e i personaggi che ha creato, Kay Scarpetta in primis, si sono esauriti con Punto di origine, con la morte (poi rivelatasi una finzione) di Benton. Lì dovevano terminare le vicende, con la morte, dolorosissima, ma reale e forse necessaria, di uno dei personaggi principali. Tutto quello che c'è stato dopo, si è rivelato solo un allungare il brodo, un riproporre tematiche e personaggi, ormai al capolinea, solo per guadagnare ancora di più sull'affetto dei lettori. Partendo da questo presupposto, il romanzo si lascia leggere: parte male nelle prime 100 pagine, dove il coinvolgimento fatica ad arrivare, e dove la trama sembra essere un po' troppo noiosa e confusa; i dialoghi e il susseguirsi degli eventi si svolgono in maniera un po' troppo verbosa e ripetitiva, e ho trovato interi capitoli infarciti di chiacchiere inutili. Da un certo punto in poi la trama comincia a prendere e ad appassionare, il giallo si fa incalzante, e dopo molti libri piatti e senza pathos, finalmente sono tornata ad aver voglia di continuare a leggere per sapere chi era l'assassino, cosa che non mi accadeva con la Cornwell da anni. Il finale è affrettato e si esaurisce in poche pagine, ma questa non è una novità per la Cornwell, anche nei suoi capolavori il finale lasciava sempre a desiderare. Nel complesso, una leggera risalita rispetto allo standard degli ultimi tempi, quindi il trend è in positivo, ma temo che comunque la Cornwell dei primi romanzi non tornerà più. Che peccato.

  • User Icon

    zariga

    19/07/2010 17:38:08

    io penso invece che corwell sia brillante come sempre,forse non hai LIVELLI di postmortem,ma questo libro non mi è dispiaciuto ed inoltre ho imparato un sacco di cose che non sapevo.

  • User Icon

    manù

    16/06/2010 14:04:50

    Non riesco a capire cosa sia successo alla scrittrice brillante che ho scoperto anni orsono e che mi ha fatto conoscere e amare il medical-thriller. I suoi ultimi lavori sono noiosi privi di passione; li trovo scontati, banali, come se fosse costretta ha scriverli. Peccato dopo gli ultimi flop non so se avrò ancora lo stimolo per leggere i prossimi scritti, se mai ci saranno.

  • User Icon

    Sarah

    04/01/2010 12:07:06

    Dopo gli ultimi romnzi decisamente sottotono, a mio avviso, questo ha ripreso vigore e mi sembra che l'autrice stia riprendendo i fasti dei primi, a me è piaciuto, unica nota negativa i dialoghi, mi son sembrati un po' troppo pomposi e elevati, considerando la tipologia e i personaggi, forse è stato solo un problema di traduzione.

  • User Icon

    SilviA

    17/12/2009 20:10:49

    Ma non dovrebbe essere un thriller? Io non sono riuscita ad andare oltre le prime 200 pagg. Non c'è trama...onestamente un nano paranoico e Marino che dà di matto non è quello che intendo io per thriller della Cornwell. Soldi buttati :(

  • User Icon

    Maria Rita criscì

    29/10/2009 05:45:41

    Ho letto quasi tutto della Cornwell e credo che già da tempo si intuiva la decadenza della scrittrice,ma con questo ha toccato il fondo,noioso,lungo nei dialoghi,piatto.Mi dispiace ma sfornare per contratto libri non fa bene a nessuno,vedi altri autori come Follet,Smith,Camilleri ecc.

  • User Icon

    luca

    06/09/2009 12:03:26

    Premessa: non ho letto gli altri libri della Cornwell, per cui non posso fare un paragone con i libri precedenti. Il mio giudizio è positivo, i personaggi hanno tutti una loro precisa psicologia e un ruolo definito, la trama è coinvolgente, il finale è molto intenso e avvincente, senza attimi di respiro. L' unica nota non positiva è che alcune parti del libro (soprattutto a metà) risultano un po' troppo lente e pesanti, si potevano eventualmente snellire. In conclusione si tratta però di un libro che sicuramente consiglierei di leggere.

  • User Icon

    Melly

    03/09/2009 12:11:11

    Dunque dunque...non è facile dare un giudizio a questo libro, sicuramente scritto da Patricia ma secondo me non tutto, ci sono alcuni pezzi interessanti che ti fanno praticamente divorare il libro altri talmente lenti e noiosi che ogni tanto , incredula, guardavo la copertina per rendermi conto se era lo stesso libro della sera prima e poi...troppi dialoghi incomprensibili e lunghissimi. Considerando gli ultimi libri che abbiamo letto questo sicuramente è un decollo ma continuo ad avere nostalgia dei primi meravigliosi best-seller. Continuo a sperare...

  • User Icon

    Fanny

    31/08/2009 21:51:34

    Questo è il primo libro della Cornwell che leggo e devo dire che mi è piaciuto abbastanza....molto scorrevole e con un bel finale.....penso proprio che leggerò i primi libri da lei scritti dato che tanti dicono che siano ancora piu' belli di quest'ultimo!!

  • User Icon

    Dario

    22/06/2009 10:42:59

    La Cornwell è meno svogliata del solito (o più probabilmente ha trovato un ghostwriter migliore) e il romanzo risulta abbastanza avvincente, con un finale degno di questo nome. Comunque tanti, troppi dialoghi scientifico-tecnologici, spesso, almeno per me, poco comprensibili.

  • User Icon

    Tin@

    18/06/2009 00:13:34

    Bentornata Patricia!Dopo gli ultimi deludenti libri,a mio parere non scritti da lei, ecco finalmente tornata Kay Scarpetta & Co.,scritto sicuramente da Patricia Cornwell,certamente un bel libro anche se non all'altezza delle "perle" che abbiamo divorato ormai anni fa, ma l'ho ritrovata nelle frasi,nei tempi,nella trama,nei dialoghi,nelle persone, ecc.L'ho letto avidamente,mi è piaciuta la storia,la psicologia dei personaggi,finalmente la negatività che aveva fatto prevalere nel romanzo precedente pare essersi ridimensionata lasciando il posto alla speranza.Ho trovato la trama avvincente come ai vecchi tempi,è riuscita a tenermi sveglia divorando le pagine fino a notte fonda come ormai non mi succedeva da tempo con i suoi libri, unica pecca il finale un pò troppo "irreale" ma la perdono volentieri se continuerà a scrivere così come sa fare.Grazie Patricia,finalmente non vedo l'ora di leggere la prossima indagine di K.Scarpetta!

  • User Icon

    samo

    05/06/2009 22:26:13

    ho tutti i libri della Vargas, dove c'è scritto che è l'anti P.Cornwell cosi' ho voluto capire e ho preso questo...forse ho sbagliato libro,è piatto e abbastanza noioso forse al cinema farebbe la sua figura con la Jolie cosi' gli occhi tapperebbero gli orecchi e basterebbe vedere lei anche se dice cose senza senso almeno x chi non è un hacker o anatomopatologo.

  • User Icon

    Brunella

    05/06/2009 17:40:54

    Da Calliphora a Predatore ero caduta in depressione in quanto non riconoscevo una delle mie autrici preferite di thriller. Devo dire che con quest'ultimo libro la Cornwell sembra, dico sembra, essere ritornata quasi quella di un tempo. Bentornata!

  • User Icon

    Eloina

    25/05/2009 17:09:54

    Primo e ultimo libro della Cornwell letto. Le lesbiche, i disabili, i diritti degli animali, lo spaesameneto del genere maschile, l'abuso tecnologico, tutte nobili cause, ma libro tremendo. Se è vero che questi libri sono tutti ripassati dagli editor con la pialla, il suo la odia tanto, o, meglio, cosa era in principio?.... Oppure l'ha veramente fatto lei.... Comunque ho deciso che scriverò anch'io un libro per fare del male al mio prossimo...

  • User Icon

    A-Man

    18/05/2009 15:52:15

    Sono passati venti anni da "Postmortem" e si vede.Thriller (se così si può chiamare)basato più sui ricordi del passato che sulle vicende del presente stracolmo di dati tecnico-scientifici che potranno essere interessanti per esperti in materia e hacher, ma non certamente per i comuni lettori.Deludente.

  • User Icon

    alaxia

    12/05/2009 15:10:09

    Orribile!!! ho adorarato i primi libri della cornwell, soprattutto la trilogia che termina con il cimitero dei senza nome...ma da punto d'orogone in poi ha iniziato una china verso l'abisso e con quest'ultimo sembra aver toccato il fondo; l'unica cosa che lo salva l'aver ripreso in mano la storia di tutti i personaggi ed averla portata alla conclusione. se deve continuare su questa linea spero la scrittrice abbandoni il filone Key Scarpetta anche se vi sono molto affezzionata

  • User Icon

    Robin

    08/05/2009 13:12:52

    Deludente, come del resto i suoi ultimi libri. Peccato.

  • User Icon

    Barbara

    29/04/2009 15:31:12

    Ho un problema: o io non riesco più a leggere i libri della Cornwell oppure sono i libri che si fanno più leggere da me... Storia che fa fatica a decollare, personaggi che si rincontrano dopo la vicenza "Marino/Scarpetta" e nessuno reagisce, scrittura molto formale (passati ormai da un po' dalla 1° alla 3° persona e il continuare a ripetere per intero il nome Kay Scarpetta a mio parere crea un distacco con il personaggio). In conclusione: devo sperare nel prossimo? Incrocio le dita

  • User Icon

    silvia

    24/04/2009 09:26:09

    mi piace molto holetto alcuni libri vedro leggewre anche ultimo

  • User Icon

    formigine78

    01/04/2009 14:47:39

    La Cornwell è tornata...la Cornwell non è tornata...per me la Cornwell non se n'è mai andata. Ho sempre letto con piacere e coinvolgimento tutti i suoi libri da 10 anni a questa parte. Certo, qualcuno meno originale degli altri, ma sempre di altissimo livello. Patricia ha un talento e un vissuto tale che scriveva 15 anni fa come la maggior parte degli autori di thriller scientifici scrive oggi. Quello che scrive questa autrice oggi è di livello superiore, che non può essere forse nemmeno completamente capito se non si leggono i precedenti. Questo libro in particolare spicca per profili dei personaggi, particolari tecnici, evoluzione psicologica dei protagonisti principali, ambientazione sociologica attualissima (siamo nella New York per eccellenza dominata dai siti web e dalla CNN). Un libro di questo tipo, con una quasi totale mancanza di scene d'azione se non nell'ultimissima parte, necessita di un grande talento per essere pienamente apprezzato. Mi auguro davvero che il percorso letterario di questa scrittrice sia ancora lungo e prolifico.

  • User Icon

    Mikla

    22/03/2009 13:35:11

    In 2 giorni l'ho letto, e non perchè fosse così banale, ma perchè ero troppo presa dalla storia...dall'indagine, ma più che altro degli eventi che accadono ai protagonisti. E' stato come ritrovare dei vecchi amici perduti per molto...molto tempo. Buona lettura a tutti, vedrete che questa volta la Cornwell non vi deluderà!!!

  • User Icon

    roberto romani

    17/03/2009 17:22:17

    Erano circa dieci anni che non leggevo la Cornwell, anche perchè mi ero reso conto che la trama, tra un libro ed un altro, era molto simile: vari omicidi seriali sui quali indagava la Dott.ssa Scarpetta; coinvolgimento personale della stessa che diventava bersaglio di un misterioso e maligno soggetto; la scoperta che l'assassino era un personaggio del tutto minore e marginale, quasi inesistente. Quest'ultima fatica letteraria della bionda "signora in giallo", anche se in parte conferma quanto sopra, mi ha appassionato molto più del solito e ho trovato gli elementi di contorno, come quelli relativi alla vita dei vari personaggi ricorrenti, molto interessanti e ben sviluppati. Una sana lettura tutta di un fiato, come al tempo dei "ruggenti" anni novanta!

  • User Icon

    ARA

    16/03/2009 18:39:47

    finalmente ho ritrovato la vecchia scrittrice dei tempi di "insolito e crudele" e di tanti altri gialli che mi hanno appassionato, appasionato a tal punto di accorgermi che gli ultimi, li ha solo firmati.....non era la sua mano a scrivere, raggiunta la fama tutto ci si puo' permettere! ora aspetto il prossimo!

  • User Icon

    Satanik

    11/03/2009 16:41:31

    Confesso di avere avuto un po di timore quando ho visto che era uscito questo libro , purtroppo le ultime cose scritte da Patricia Cornwell non mi avevano estusiasmato molto , anzi la serie dedicata a Winston Garano, con dei titoli veramente profetici del tipo A rischio ed Al buio sono state delle brutte sorprese e dei libri pessimi. Con il Libro dei morti il precedente romanzo che ha come protagonista Kay Scarpetta qualcosa cominciava effetivamente ad andare nel verso giusto e a mostrare dei segni che l'evoluzione di Kay Scarpetta era possibile e bastava solo aggiustare la mira, con il nuovo libro intitolato semplicemente Kay Scarpetta non ha centrato esattamente il bersaglio ma ci è andata molto, molto vicino. Kay Scarpetta è il Day After dei libri della Cornwell, mostra come giustamente dice il sottotitolo che sono passati vent'anni di indagini, di sfide e di incubi, e come si sia sopravvissuti a quello che è il giorno dopo. Molti si sono lamentati che non abbia scritto piu dei romanzi come Postmortem o Insolito e Crudele, ma sinceramente la scrittice è cresciuta e finalmente anche la sua protagonista, le cose si evolvono e crescono altrimenti a fare le fotocopie siamo capaci quasi tutti (John Saul no sbaglia anche a fare quelle), l'intrigo del libro è effetivamente tipico della Cornwell , un cadavere, un probabile sospettato (ed è una "figurina" fantastica...e non dico altro), un colpevole che non si farà molta fatica ad individuare (e questo è l'unico punto "debole" del libro), e delle figure di contorno assurde ma credibili, c'è la mitica nipote Lucy vero ed unico alter-ego della scrittrice ed il ritorno di Pete Marino. Ed ancora una volta si viaggia nel territorio dell'oscurità dell'essere umano e come al solito Patricia Cornwell si dimostra un'ottima guida..letto nel giro di due giorni :D

  • User Icon

    antonio

    10/03/2009 12:54:14

    Assolutamente da non perdere.Emozionante fin dall'inizio,buon ritmo e ottimi i collegamenti tra le diverse scene proposte.Unico neo,il finale.Ma era difficilissimo fare di meglio visto che le prime 400 pagg. sono scritte splendidamente.Grande Cornwell e grande Key.

  • User Icon

    Elisa

    07/03/2009 16:22:18

    Dopo gli ultimi deludenti romanzi, finalmente è ritornata la vecchia Patricia Cornwell! Bel romanzo, la squadra investigativa di nuovo riunita.

  • User Icon

    Elisa

    05/03/2009 16:39:48

    Finalmente è tornata in pista la vecchia Patricia Cornwell! Dopo gli ultimi - pessimi e impersonali- romanzi, l'autrice ha ripreso il consueto stile e ci ha regalato un'altra intrigante indagine di Kay Scarpetta. Dopo le ultime uscite avevo perso le speranze di leggere un altro suo romanzo di buon livello, ma mi sono dovuta ricredere.

  • User Icon

    serbet

    26/02/2009 23:03:46

    Non mi è diapiaciuto. Certo non si provano i brividi delle prime autopsie ma francamente continuare a ricordare con nostalgia quei libri di vent'anni fa forse significa avere nostalgia più che di quei libri degli anni che noi avevamo vent'anni fa.

  • User Icon

    dany

    25/02/2009 10:48:53

    l'ho appena finito e devo dire -si,la vecchia patricia cornwell e' tornata.all'inizio-per piu' di 100 pagine avevo i miei dubbi,ma con grande sollievo posso dire che questo romanzo non ha niente da invidiare ai primi 5(ottimi)scritti da lei.anch'io mi ero ripromessa di non leggere piu' i suoi libri,ma questo lo posso veramente consigliare a tutti i suoi vecchi e fedeli lettori.

  • User Icon

    elisa

    24/02/2009 17:09:20

    Sinceramente non ho trovato la Cornwell del tempo di Postmortem o Insolito e crudele,ma per chi come me ha divorato tutta la serie non può fare a meno di andare avanti nella lettura. il libro è abbastanza scorrevole, forse manca un po' di Kay scarpetta alla vecchia maniera.. ma dopotutto invecchia anche lei!!!

Vedi tutte le 32 recensioni cliente
  • Patricia D. Cornwell Cover

    Scrittrice statunitense, discende dall'autrice de La Capanna dello Zio Tom. È stata cronista di nera prima di diventare analista informatico presso l'ufficio di medicina legale della Virginia. È tra i fondatori dell'Istituto di scienze e medicina forense della Virginia e Senior Fellow dell'International Crime Scene Academy del John Jay College of Criminal Justice, nonché membro del McLean Hospital's National Council, dove è un sostenitrice della ricerca psichiatrica.Ha esordito nella narrativa nel 1990 con il romanzo Postmortem (in Italia nel 1995), l'unico romanzo ad aver vinto nello stesso anno i premi Edgar, Creasey, Anthony, Macavity e il Prix du Roman d'Aventure. Il successo, raggiunto a livello mondiale con Oggetti di reato (1993), è andato crescendo... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali
Chiudi