Il ladro di Bagdad

The Thief of Baghdad

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: The Thief of Baghdad
Paese: Gran Bretagna
Anno: 1940
Supporto: DVD
Salvato in 6 liste dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 4,82 €)

Un giovane sultano con l'aiuto di un simpatico ladro e di un genio, sconfigge il perfido visir. Rifacimento di "Il ladro di Bagdad" 1924.
5
di 5
Totale 1
5
1
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Renato

    29/03/2019 12:55:33

    Un classico formidabile dell'avventura fantastica. La magia di un Oriente fiabesco e idealizzato è ancora coinvolgente.

  • Produzione: Cult Media, 2011
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 106 min
  • Lingua audio: Inglese; Italiano
  • Lingua sottotitoli: Italiano
  • Area2
  • Contenuti: Photogallery
  • Michael Powell Cover

    "Regista, sceneggiatore e produttore inglese. Dai primi anni '20, comincia a lavorare presso gli studi Gaumont e successivamente alla Victorine, in Francia. Tornato in Gran Bretagna, dopo alcune pellicole andate perdute, dirige nel 1937 The Edge of the World. Negli anni '40, dopo la regia condivisa con T. Whelan e L. Berger per Il ladro di Bagdad (1940), realizza alcuni film di propaganda bellica, tra i quali Gli invasori - 49o parallelo (1941) e Volo senza ritorno (1942), entrambi sceneggiati da E. Pressburger, con il quale aveva già lavorato due anni prima (La spia in nero), segnando l'inizio di uno dei più fecondi sodalizi della settima arte. A partire da Duello a Berlino (1943), i due firmano assieme regia, sceneggiatura e produzione (tramite la società The Archers da loro fondata) di... Approfondisci
  • Sabu Cover

    "Nome d'arte di S. Dastagir, attore indiano. Stalliere del marajah di Mysore, esordisce giovanissimo in La danza degli elefanti (1937) di R. Flaherty e Z. Korda. Sulla scia del successo il produttore inglese A. Korda gli affida avventure coloniali (Il principe Azim, 1938, di Z. Korda) e spumeggianti fantasie orientali (Il ladro di Bagdad, 1940, di L. Berger, M. Powell, T. Whelan) in un Technicolor sempre più strepitoso. Negli Stati Uniti è nei panni del kiplinghiano Mowgli per lo sfarzoso Il libro della giungla (1942) di Z. Korda, o in più modesti prodotti esotici (Le mille e una notte, 1942, di J. Rawlins) perlopiù accanto a M. Montez (Il cobra, 1944, di R. Siodmak). Tornato decorato dal fronte appare in Narciso nero (1947) di M. Powell ed E. Pressburger, ma deve rassegnarsi a un genere che... Approfondisci
  • Conrad Veidt Cover

    "Attore tedesco. Commediante di solida preparazione, (lavora tra l'altro con M. Reinhardt al Deutsches Theater di Berlino), passa al grande schermo nel 1917 (Das Rätsel von Bangalore), legando la sua fama soprattutto a personaggi – allucinati e sconvolgenti – interpretati per il cinema espressionista (Il gabinetto del dottor Caligari, 1920, di R. Wiene; Il gabinetto delle figure di cera, 1924, di P. Leni; Lo studente di Praga, 1926, di H. Galeen). È anche apprezzato interprete di film internazionali a sfondo avventuroso (negli Stati Uniti, Il ladro di Bagdad, 1940, di M. Powell, L. Whelan, L. Berger; Volto di donna, 1942, di G. Cukor; Casablanca, 1942, di M. Curtiz)." Approfondisci
Note legali