Lagrime Mie

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Arcangelo Corelli
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Concerto
  • EAN: 8012665209416

€ 21,99

Venduto e spedito da SeaTownRecords

Solo 1 prodotto disponibile

+ 6,99 € Spese di spedizione

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Musiche di Arcangelo Corelli, Barbara Strozzi, Francesco Geminiani, Claudio Monteverdi, Henri Purcell, Giovan Battista Martin, Georg Friderich Handel: Lascia ch'io pianga
Uno straordinario viaggio musicale ci conduce dalla Mantova di Monteverdi alla Venezia della Strozzi, dalla Roma di Corelli alla Bologna di Martini, e dall’Italia di tutti questi all’Inghilterra di Purcell e Händel (che portavano nel cuore modelli italiani e francesi), toccando i diversi generi del madrigale, della cantata e dell’opera accanto a quelli del concerto grosso, della sinfonia e del pezzo di danza. In questa molteplicità di scorci, il tema comune è un mezzo sublime dell’espressione umana: il pianto per amore. Nel ‘600 diviene un vero e proprio genere, il lamento: come quello di Didone, nel Dido and Eneas di Henry Purcell. Ci accompagnano in questa avventura struggente degli interpreti d’eccezione: l’Accademia degli Astrusi, diretta da Federico Ferri, e la voce straordinaria di Anna Caterina Antonacci.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Arcangelo Corelli Cover

    Compositore e violinista. Studiò a Bologna, dove nel 1670 venne accolto nell'Accademia filarmonica. Nel 1675 si stabilì a Roma: lì fu, dal 1679, violinista nell'orchestra del Teatro Capranica, e si perfezionò nella composizione. Nel 1679-80 soggiornò forse in Germania; ma la sua attività si svolse esclusivamente a Roma, dove ebbe come protettori e mecenati i cardinali Benedetto Pamphili e Pietro Ottoboni e fu in buoni rapporti con Cristina di Svezia. Messosi in luce, in varie occasioni, come primo violino di complessi ad arco, nel 1702 si esibì, ma con scarso successo, alla corte di Napoli. Nel 1708 lasciò ogni attività pubblica; trascorse gli ultimi anni di vita in preda a una profonda depressione. L'opera di C. – che fu assai apprezzato e ricercato in vita come esecutore e anche come insegnante... Approfondisci
Note legali