The Legendary Mozart and Beethoven Recordings - CD Audio di Ludwig van Beethoven,Wolfgang Amadeus Mozart,Alfred Brendel

The Legendary Mozart and Beethoven Recordings

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 23
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 7 giugno 2013
  • EAN: 5028421944302
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 52,50

Punti Premium: 53

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Mozart: Concerti per pianoforte, Rondo, Variazioni; Haydn: Concerto per pianoforte in Re; Beethoven: Concerti nn.1-5, Sonate nn.2-32, Variazioni e Rondò
Questo corposo cofanetto comprende tutte le principali opere per pianoforte di Mozart e di Beethoven nella splendida interpretazione di Alfred Brendel, considerato dalla critica internazionale uno dei pianisti più carismatici di tutti i tempi. Accanto a Mozart e a Beethoven, non poteva mancare Franz Joseph Haydn, terzo grande protagonista del Classicismo viennese, rappresentato dal delizioso Concerto in Re maggiore per pianoforte e orchestra. Come ha giustamente scritto il critico del New York Times Bernard Holland, in Brendel «si può apprezzare il fascino non semplicemente musicale di un outsider, un uomo che ha saputo crescere da solo e un antidivo diventato divo grazie a una carriera luminosissima». Nel complesso, si tratta di un cofanetto destinato a diventare un punto di riferimento imprescindibile per tutti gli amanti del grande repertorio pianistico.

Nato a Wiesenberg nel 1931, Alfred Brendel è considerato tra i pianisti più carismatici della seconda metà del XX secolo e le sue registrazioni beethoveniane sono tuttora considerate imprescindibili modelli di stile per le generazioni a venire.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Ludwig van Beethoven Cover

    Compositore tedesco. La formazione musicale e culturale. Dei suoi antenati, contadini fiamminghi, si hanno notizie che risalgono al sec. xvi; il nonno Ludwig, forse il primo musicista della famiglia, aveva lasciato nel 1731 la terra d'origine per stabilirsi a Bonn come strumentista della cappella arcivescovile; anche il figlio di lui, Johann (il padre di B.), fu stipendiato come tenore nella stessa cappella. Le ristrettezze economiche e i disordini psicologici di Johann, che finì alcoolizzato nel 1792, segnarono l'infanzia di B. Dopo un tentativo del padre di lanciarlo come ragazzo prodigio (tentativo che fallì), egli iniziò la sua vera e propria educazione musicale sotto la guida di C.G. Neefe, un seguace dello stile «sentimentale» di Ph.E. Bach, che gli aprì... Approfondisci
  • Wolfgang Amadeus Mozart Cover

    Compositore austriaco. Il «bambino prodigio». i primi viaggi a monaco, parigi e londra. Il padre Leopold era maestro di cappella presso il principe arcivescovo di Salisburgo quando Wolfgang nacque, il 27 gennaio. Prima ancora di imparare a leggere e a scrivere, il piccolo M. rivelò prodigiose doti musicali, tanto che a quattro anni già suonava il clavicordo e a cinque componeva minuetti che il padre trascriveva. Anche la sorella Marianna, detta Nannerl, di cinque anni maggiore, suonava il clavicembalo con grande abilità; cosicché Leopold, perseguendo tenacemente l'educazione musicale dei figli, pensò di metterne subito a frutto le qualità precoci. Nel gennaio 1762 Leopold si recò con la famiglia alla corte dell'elettore di Monaco di Baviera, dove i due piccoli musicisti tennero concerto, suscitando... Approfondisci
  • Alfred Brendel Cover

    Pianista e scrittore austriaco, Brendel è considerato uno degli interpreti più raffinati della letteratura pianistica fra quelli espressi dalla scena classica nella seconda metà del ventesimo secolo.Figlio unico di una famiglia di non musicisti, si trasferì a Zagabria con la famiglia all'età di 6 anni e più tardi a Graz. I Brendel vissero in quella città durante la Seconda guerra mondiale, ma verso la fine del conflitto il quattordicenne Alfred fu mandato in Jugoslavia a scavare trincee. Soffrì di congelamento e fu mandato in ospedale.Nonostante Alfred abbia avuto un'educazione musicale poco regolare, e a dispetto del fatto che poté prendere lezioni di pianoforte solo occasionalmente, il suo eccezionale talento sarebbe riuscito... Approfondisci
Note legali