Les hommes de Piaf / Four for Tango

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Fuga Libera
Data di pubblicazione: 25 gennaio 2019
  • EAN: 5400439006096

€ 19,90

Punti Premium: 20

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La fusione tra il quartetto d’archi, perfetta espressione della tradizione europea ‘classica’, e il bandoneón, incarnazione musicale dell’Argentina, è qui presentata attraverso due opere alquanto diverse. Le Five Tango Sensations furono scritte originariamente per Tango durch Deutschland, film sperimentale di Lutz Mommartz. Nel 1989, Piazzolla riprese cinque dei sette brani originali, a seguito di una commissione del Kronos Quartet, ribattezzandoli Five Tango Sensations. Questa raccolta occupa una posizione speciale nell’oceano della produzione di Astor Piazzolla per due ragioni: è l’unica suite per bandoneón e quartetto d’archi, e si discosta dal tipico modello di Piazzolla sia nella forma sia nel linguaggio. La Suite Les Hommes de Piaf consisteva originariamente in una serie di arrangiamenti per quartetto d’archi e bandoneón basati su canzoni del repertorio di Edith Piaf. Ma la mano del compositore surclassò quella dell’arrangiatore, imponendo una struttura in cui le canzoni non svolgono più il ruolo principale. Né descrittiva né astratta, la Suite Les Hommes de Piaf è semplicemente un’immaginaria espressione di stati d’animo, in cui l’amore può essere di volta in volta paradossale, distruttivo, idealizzato, impossibile o sensoriale, attraverso un caleidoscopio di ‘filtri di Piaf’.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Astor Piazzolla Cover

    Compositore e suonatore di bandoneon argentino. Dopo aver studiato con Ginastera, Scherchen e N. Boulanger, si dedicò al tango, rinnovandone la tradizione con una scrittura personalissima, raffinata e complessa, e con improvvisazioni che tenevano conto anche della lezione del jazz. Fondò e diresse propri complessi, fra cui l'«Octeco Buenos Aires» e il «Conjuncto 9», e incise numerosi dischi (anche con jazzisti come G. Mulligan e G. Burton). Compose inoltre lavori di maggiore respiro (per orchestra, per film), due opere (fra cui si segnala María de Buenos Aires, 1967) e l'oratorio El pueblo joven per soli, voce recitante, bandoneon, archi e percussione (1972). Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali