Let it Be (Remastered Digipack)

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Beatles
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Apple Corps
Data di pubblicazione: 1 aprile 2013
  • EAN: 0094638247227
Salvato in 21 liste dei desideri

€ 22,90

Punti Premium: 23

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 22,58 €)

Tecnologia d’avanguardia unita ad attrezzature di studio di registrazione d’epoca hanno fatto in modo di preservare l’autenticità e l’integrità delle registrazioni originali analogiche.Il risultato di questo scrupoloso processo ha prodotto il più alto livello di fedeltà che questo catalogo abbia mai avutodalla sua prima pubblicazione.Album rimasterizzato in stereo, nuovo formato in digipack a 3 ante, nuovi booklet con dettagliate note storiche, appunti sulle registrazioni e foto inedite, mini documentario Quick Time da 2/3 minuti.
Disco 1
1
Two of Us
2
Dig a Pony
3
Across the Universe
4
I Me Mine
5
Dig it
6
Let it Be
7
Maggie Mae
8
I've Got a Feeling
9
One After 909
10
The Long and Winding Road
11
For You Blue
12
Get Back
4,5
di 5
Totale 2
5
1
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Freedom

    10/04/2018 20:24:45

    Dover scrivere due righe su albums dei Beatles che sono pietre miliari di tutto il resto è imbarazzante! Non si può dare voto ne giudizio.... (Qualcuno ha perfino messo un 2 a Revolver!) Ultima registrazione dei 4 grandissimo e inimitabile!

  • User Icon

    Alex Lugli

    14/01/2010 11:42:16

    "Let It Be" è il titolo dell'ultimo disco - e del relativo brano guida - pubblicato dai Beatles. Registrato pressoché interamente in "presa diretta" (ovvero senza incidere svariate versioni per scegliere la migliore, né prendendo parti delle varie takes o facendo delle sovraincisioni) nel mese di gennaio del 1969, venne distribuito soltanto l'anno successivo, cioè nel 1970. Sebbene l'ultima fatica in studio dei quattro di Liverpool fosse stata la registrazione di "Abbey Road" (avvenuta nell'agosto del 1969 nelle sale di registrazione situate appunto in Abbey Road), nella sequenza cronologica della loro discografia "Let It Be" compare per ultimo. Così, come nelle intenzioni di Paul McCartney, nel corso delle sessioni di registrazione che si produssero tra il 2 e il 31 gennaio 1969 negli studi di Twickenham prima, e di Savile Row dopo, i Beatles si raccolsero nel tentativo di tornare al Rock'N'Roll live degli esordi. Successivamente le registrazioni furono affidate al produttore americano Phil Spector, famoso per il suo "muro del suono", che decise di applicare i suoi metodi, con una postproduzione accentuata. Fu proprio l'applicazione del "Wall Of Sound" ai pezzi di "Let It Be" a scatenare l'ennesimo litigio dei quattro. Paul McCartney vide infatti pubblicato il disco con alcuni suoi brani stravolti: soprattutto "The Long And Winding Road" fu infatti modificata da Spector con l'aggiunta di violini e cori celestiali, mandando su tutte le furie il suo compositore. L'album fu comunque pubblicato l'8 maggio 1970, quando i Beatles si erano già sciolti. Contiene alcuni brani memorabili come l'iniziale "Two Of Us", "Dig A Pony", "Across The Universe", "I Me Mine", "Let It Be", "I've Got A Feeling", "For You Blue" e "Get Back". Il disco, seppur non raggiunge i vertici compositivi di "Abbey Road" (1969), si mostra molto piacevole all'ascolto, con alcuni picchi compositivi e melodicamente riuscito, come del resto tutti i grandi album dei Beatles. Molto bella questa edizione Digipack rimasterizzata, dal suono eccezionale.

  • Beatles Cover

    "Gruppo vocale-strumentale inglese composto da John Lennon (Liverpool 1940 - New York 1980), Paul McCartney (Liverpool 1942), George Harrison (Liverpool 1943 - Los Angeles, California, 2001) e Ringo Starr (Liverpool 1940). Simbolo e mito musicale e di costume degli anni ’60, dopo brevi esperienze sotto altri nomi e con diversa formazione, incidono i primi dischi insieme nel 1962 («P.S. I Love You» e «Please Please Me») e sono già un fenomeno musicale e sociale di proporzioni planetarie due anni dopo, quando arriva sugli schermi Tutti per uno (A Hard Day’s Night, titolo di un loro album, 1964), in cui R. Lester fra una canzone e l’altra mitizza ancor più le frangette pendenti sugli occhi, gli stivaletti col tacco alto e le giacche di design nuovo ed esclusivo dei quattro giovani, mettendoli... Approfondisci
Note legali