Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Lettera d'amore a una ragazza di una volta - Enzo Biagi - copertina

Lettera d'amore a una ragazza di una volta

Enzo Biagi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Collana: Saggi
Anno edizione: 2004
Formato: Tascabile
In commercio dal: 6 ottobre 2004
Pagine: 196 p., Brossura
  • EAN: 9788817002905
Salvato in 10 liste dei desideri

€ 4,32

€ 8,00
spinner
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Questo libro è una lunga e appassionata lettera di Enzo Biagi a Lucia, una lettera d'amore a una ragazza di una volta e le parole rivolte alla compagna scomparsa si trasformano in una dolce e commossa rievocazione del tempo perduto, di anni lontani in cui il futuro brillava davanti a entrambi, in cui tutto appariva possibile. Il nascere dell'amore nell'Italia del secondo conflitto mondiale, le prime esperienze professionali, l'approdo a Milano, la chiamata alla RAI, il lavoro nei grandi giornali... E poi gli amici (uno per tutti: Federico Fellini), i genitori, Pianaccio - il paese natale quasi fuori dal tempo -, i viaggi, gli incontri, i potenti e la gente comune. Sessantadue anni di vita schiva, lontana per scelta di entrambi dai salotti alla moda.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,8
di 5
Totale 5
5
4
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Fabrizio Porro

    09/06/2013 13:34:25

    Un raffinato affresco a tinte vivaci di sentimenti autentici ove emerge lo spaccato di un'Italia d'altri tempi, purtroppo.

  • User Icon

    Salvatore Palma

    22/03/2012 09:14:46

    "Sì, Lucia, mi hai voluto bene così forte che, al di là dei miei difetti, tutto è passato in secondo piano"; "con discrezione mi sei stata vicino, come dicono, nella gioia e nel dolore, mi hai spinto a non cedere nei momenti di sconforto e di dolore". Sono due delle tante citazioni possibili di questa autobiografia che Enzo Biagi scrive e dedica alla moglie, morta l'anno prima, ma anche alla terzogenita, Anna, scomparsa prematuramente. Uno spaccato della propria vita affettiva e professionale fatta di viaggi, di ricordi, di emozioni e di nostalgia ma soprattutto un affresco culturale e politico dell'Italia del Novecento, con le sue debolezze e le sue potenzialità. Si incontrano una moltitudine di personaggi e una miriade di fatti, situazioni ed eventi in ogni parte del mondo. Un libro a tratti struggente e di una infinita tenerezza.

  • User Icon

    Alessandro Marocco

    01/11/2008 18:23:46

    Una struggente lettera d'addio di un uomo alla compagna con cui ha diviso gioie, dolori, soddisfazioni e delusioni di una vita...Pagine pregne d'amore e nostalgia...Leggetelo e vi rimarrà nel cuore.

  • User Icon

    elena

    06/06/2006 20:48:46

    è il primo che leggo di biagi e ne sono rimasta sorpresa, perchè sinceramente pensavo che mi sarei trovana dinanzi ad uno stile diverso... la sorpresa è stata positiva. un mosaico di ricordi, attraverso il ricordo costante dell moglie. interessante

  • User Icon

    EZIO DOMENICO

    09/04/2006 23:03:53

    HO TROVATO QUESTO LIBRO MOLTO COMMEVENTE. ENZO BIAGI RIMANE E RIMMARRA' SEMPRE UN GRANDE GIORNALISTA E SCITTROE. LEGGETELO E CAPIRETE MOLTE COSE.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente
  • Enzo Biagi Cover

    Giornalista scrittore e conduttore televisivo italiano, per la sua carriera, iniziata da giovanissimo, gli è stato assegnato il premio Saint Vincent nel 1969. Caporedattore del settimanale «Epoca», diventa inviato della «Stampa» e poi columnist mordace della «Repubblica» e del «Corriere della Sera». Maestro riconosciuto di giornalismo televisivo, ha diretto nel 1960 il «Telegiornale» Rai e ha dato vita, sul piccolo schermo, al primo rotocalco («RT», 1962) e al primo quotidiano di approfondimento («Linea diretta», 1985). Delle molte altre trasmissioni ideate e condotte da B. si ricorda «Il fatto», fortunata serie di inchieste-lampo in onda dal 1995 al 2002. In tutta la sua opera giornalistica,... Approfondisci
Note legali