Letteratitudine. Vol. 2

Massimo Maugeri

Anno edizione: 2012
Pagine: Brossura
  • EAN: 9788896656556
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 18,70

€ 22,00

Risparmi € 3,30 (15%)

Venduto e spedito da IBS

19 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    08/11/2012 10:35:23

    Molto opportunamente il libro è stato diviso in tre parti, ognuna delle quali contiene temi abbastanza omogenei. La prima è dedicata a tre scrittori siciliani da ricordare (Leonardo Sciascia, Giuseppe Bonaviri, Sebastiano Addamo), la seconda riporta discussioni su libri (La malattia chiamata uomo, di Ferdinando Camon e La ragazza di via Maqueda, di Dacia Maraini, solo per ricordarne alcuni), la terza è occupata da altri dibattiti, soprattutto quello sul romanzo storico. In totale ne esce un volume corposo (sono ben 510 pagine) grazie ai contributi dei diversi intervenuti e se in qualche caso si tratta di opinioni, peraltro anche più che pertinenti, di semplici appassionati di letteratura, in altri invece sono dissertazioni valide di specialisti del settore, fra i quali, a memoria, figurano Vicente Gonzalez Martin, direttore del dipartimento di filologia dell'Università di Salamanca e Sarah Zappulla Muscarà, docente di letteratura italiana presso l'Università di Catania. Non mancano poi vere e proprie rarità, fra le quali l'intervista effettuata nel 2005 da Subhaga Gaetano Failla e Valeria Failla a Giuseppe Bonaviri , nonché quella di Massimiliano Perrotta allo stesso Bonaviri, interviste che, anche per le domande poste, sono di estremo interesse per meglio conoscere la vis letteraria del grande scrittore di Mineo. Altro articolo di grande richiamo è il dibattito sul romanzo storico che registra gli interventi di non pochi noti autori specializzati in questo genere. A dilungarmi ulteriormente, a voler evidenziare questo o quel tema, per non parlare poi dei numerosissimi e qualificati interventi, correrei il rischio di andare ben al di là di ogni limite di spazio proprio di una recensione. Necessariamente, pertanto, mi devo fermare, anche se c'è la voglia di andare oltre, ma credo che sia molto meglio di qualsiasi giudizio critico la lettura di questo libro, piacevole e nel corso della quale ci si accorge quanto la stessa risulti veramente utile.

Scrivi una recensione