copertina

Lezione di tango

Elsa Osorio

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Roberta Bovaia
Editore: TEA
Collana: Tea Trenta
Anno edizione: 2020
Formato: Tascabile
In commercio dal: marzo 2020
Pagine: 422 p., Brossura
  • EAN: 9788850256754

€ 9,50

In uscita da: marzo 2020

Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Ana è una giovane ricercatrice di sociologia, nata a Buenos Aires ma emigrata con la famiglia in Francia da bambina; Luis invece è un regista argentino in piena crisi creativa, ombroso e taciturno, arrivato fino a Parigi alla ricerca di finanziatori stranieri per la sua attività, che nell'Argentina squassata dalla crisi economica non trova più alcun possibile sbocco. Quando, una sera, i due si conoscono per caso ballando il tango in un locale parigino, emerge tutto un passato che li accomuna, a partire dall'incontro avvenuto un secolo fa tra il bisnonno di lei, Hernan Lasalle, grande ballerino di tango, e la bisnonna di lui, domestica di casa Lasalle, che di Hernan fu amante e allieva di ballo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,17
di 5
Totale 12
5
6
4
3
3
2
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Roberta

    22/01/2019 10:22:30

    Saga familiare in cui il protagonista assoluto e’ il Tango. Siamo a Buenos Aires agli inizi del 900, e la storia di due famiglie procede di pari passo con l’evoluzione di questo ballo. Un racconto ricco di personaggi, ci sono donne infelicemente sposate, donne che non hanno il coraggio di opporsi al volere della famiglia, donne capaci di uccidere. Mi sono piaciute tutte ma se devo scegliere la mia preferita e’ Rosa la sindacalista della storia, perche’ e’ quella che affronta le difficolta’ piu’ dure mettendo a repentaglio la sua felicita'.

  • User Icon

    guja

    14/11/2008 11:39:07

    uno splendido romanzo corale che racconta un'epoca storica e le vicende di due generazioni a Buenos Aires. superata la difficoltà delle prime pagine, una volta che i protagonisti sono delineati in maniera nitida, diventa davvero difficile smettere di leggerlo.

  • User Icon

    Fabrizia

    26/05/2008 16:49:39

    All'inizio ci si perde tra i tantissimi personaggi, ma poi la storia prende un ordine e si fa più affascinante. Purtroppo nella terza parte si riperde nuovamente tra tante storie di troppi personaggi e si fa fatica a tenere il filo. Tutto sommato carino ma niente di che. La parte centrale è la migliore.

  • User Icon

    Fabrizio

    22/01/2008 13:18:31

    Veramente suggestivo e meraviglioso come il tango vero. Ottima la ricostruzione storica dei brani di tango e dei relativi autori. Da non perdere.

  • User Icon

    menilmontant85

    19/09/2007 01:00:01

    Peccato, l'autrice ha scritto un libro fantastico prima di questo, i vent anni di luz. questo purtroppo non sono nemmeno riuscita a finirlo. non riesco a trovare una trama, mi sembra solo un intrigo di storie di vita, forse nemmeno troppo eccitanti..mannaggia!la nostra elsa sa fare di meglio!

  • User Icon

    agata

    03/09/2007 11:01:13

    Un libro che si legge tutto d'un fiato. Un'originale costruzione narrativa. Una storia capace di fare vibrare l'anima. E' un tango palpitante, che attraverso le sue note e i suoi passi ci ricorda l'importanza di superare le diversità, di farsi guidare dalle proprie passioni e di non lasciarsi sopraffare da regole prestabilite. Ti spinge ad aver voglia di vivere la vita danzando: abbandonandosi all'improvvisazione in un voluttuoso abbraccio.

  • User Icon

    marilena

    09/07/2007 20:53:23

    Primo libro che leggo della Osorio.. passione pura, colori violenti, dolore per un passato mai sepolto..ci sono tutti gli ingredienti tipici dei migliori romanzi sudamericani, che fanno bene a noi europei, per compensare la compostezza degli inglesi, la frivolezza dei francesi e le manie di grandezza anche letteraria degli americani.. da leggere, per sentire sulla propria pelle il fuoco che divampa dentro ogni personaggio, e per sognare che certe passioni possano esistere davvero...

  • User Icon

    Valentina

    30/03/2007 09:40:23

    ho avuto qualche difficoltà all'inizio del romanzo..ci sono troppi personaggi che vengono inseriti tutti insieme sulla scena..tuttavia dopo una trentina di pagine ci ho fatto l'abitudine, ho imparato a conoscerli e mi sono subito appassionata..come sempre la Osorio ci fornisce un quadro impeccabile dell'Argentina.

  • User Icon

    Massimo

    17/02/2007 17:38:02

    Dopo “i venti anni di Luz” che mi aveva letteralmente stregato, rimango un po’ perplesso da questo ultimo lavoro della Osorio. Perbacco, è un’autrice che gli ingredienti li sa scegliere come pochi altri scrittori e li mescola sapientemente: passione, odio, fascino, proibizioni, impegno politico, severità, interessi, scalate sociali il tutto messo a fattor comune da un amalgama speciale quale il TANGO di cui la Osorio è capace di farti sentire il brivido sulla pelle (e anche oltre). Prima di iniziare a leggere c’era da leccarsi i baffi…. Peccato che il risultato finale non sia all’altezza delle attese. Nonostante gli ingredienti straordinari e la sapienza della cuoca, il sapore della pietanza non è indimenticabile: c’è un po’ di confusione nell’intreccio narrativo, forse troppi salti logici e cronologici che affaticano il lettore che spende buona parte delle sue energie per non perdersi all’interno di un racconto in molte parti non lineare. Peccato, perché l'autrice ci offre numerosi passaggi emozionati ed emozionanti che si corre il rischio di non assaporare come essi meriterebbero. La trovata di proporre una storia del passato partendo da una memoria dei giorni nostri, poi, rappresenta un dejavu del romanzo precedente: la prima volta colpisce, la seconda molto meno (tra l'altro, a mio avviso, è questa la parte del romanzo meno riuscita).

  • User Icon

    julia

    25/10/2006 10:41:57

    Un romanzo riuscitissimo, una struttura ricercata che diventa evoluzione di passi: arrastres, ochos e tutto il fascino dei tangueros in questa storia che rispecchia il dramma degli argentini: il potere del silenzio e lo sforzo ansimante della memoria che non vuole soccombere. Bellissimo.

  • User Icon

    lulli

    10/07/2006 16:44:01

    L'ho atteso a lungo, dopo i 20 anni di Luz non vedevo l'ora di leggere un'altro libro di q.sta fantastica scrittrice. Consiglio entrambi.

  • User Icon

    oci

    23/06/2006 16:27:13

    ..stupefacente, qualsiasi persona che balla o no il tango deve leggere questo libro,perchè solo attraverso la storia tormentata di questo Paese si riesce anche a carpire il loro modo di essere nonchè la musica, le parole, l'abbarccio, le vibrazioni che il tango trasmette, buona lettura

Vedi tutte le 12 recensioni cliente
  • Elsa Osorio Cover

    Scrittrice, sceneggiatrice, docente di corsi di scrittura creativa, nata a Buenos Aires, Elsa Osorio risiede attualmente a Madrid dove insegna lettere. Ha scritto sceneggiature cinematografiche e televisive. Ha ottenuto in Argentina il Premio Nazionale di Letteratura, il premio per la miglior sceneggiatura, il premio Amnistía Internacional (per la sua attività in difesa dei diritti umani) Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali