La libertà e i suoi traditori

Isaiah Berlin

Curatore: H. Hardy
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 12 ottobre 2005
Pagine: 275 p., Brossura
  • EAN: 9788845920134
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Trasmesse con enorme successo dalla BBC nel 1952, queste conferenze sono sei ritratti memorabili di altrettanti "nemici della libertà" e al tempo stesso la migliore introduzione al pensiero filosofico di Berlin. In ciascuno dei sei "cattivi maestri" - tutti appartenenti al periodo della Rivoluzione francese Berlin individua un nucleo irriducibilmente autoritaristico o illiberale, che ne offusca la portata teorica o le singole intuizioni. Berlin ci mostra così come le sofferenze individuali e collettive scaturiscano dalla pretesa di intervenire astrattamente sui difetti e sui limiti della nostra specie, di voler raddrizzare con la violenza fredda di un sistema - filosofico, politico o economico - il "legno storto" dell'umanità.

€ 12,75

€ 15,00

Risparmi € 2,25 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    riccardo boscolo

    05/05/2008 10:56:17

    Trasposizione libraia di una serie di conferenze tenute alla BBC nei primi anni Cnquanta, questo volume è, non esagero, sconvolgente. Sconvolgente perché distrugge in un certo senso quel luogo comune nato un po' dall'ignoranza e un po' da uno storicismo - più o meno in buona fede - "di parte" secondo il quale l'Illuminismo e i suoi pensatori furono sostenitori e fautori di idee libertarie e democratiche nonché nemici dell'assolutismo e della tirannide. Attraverso i ritratti di alcuni protagonisti di quella vicenda filosofico-politica, Berlin dimostra inconfutabilmente che non solo le idee di quei pensatori (i "traditori della libertà, appunto) sono tutt'altro che libertarie e democratiche ma hanno costituito, più o meno direttamente e più o meno coscientemente, le basi ideologiche di tutti i dittatoriali "ismi" del Novecento. Assolutamente da leggere (soprattutto nelle scuole!) Riccardo M. Boscolo

Scrivi una recensione