Il libro della gioia perpetua - Emanuele Trevi - copertina

Il libro della gioia perpetua

Emanuele Trevi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Rizzoli
Collana: Scala italiani
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 10 marzo 2010
Pagine: 368 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788817039444
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 10,53

€ 19,50

Punti Premium: 11

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

C'era una volta il favoloso mondo di Lossiniere, un paese dove non suonano i telefoni e si viaggia in carrozza. Napoli, invece, è un inferno vero di traffico e spazzatura. Uno scrittore, appena arrivato da Roma, scopre che l'evento a cui doveva partecipare è stato annullato all'ultimo minuto. Il viaggio, in apparenza inutile, gli fa conoscere una enigmatica maestra e lo porta all'incontro fortuito con un manoscritto ambientato nel paese di Lossiniere, "Il libro di Clara e Riki," e con il mistero della sua autrice: una bambina di otto anni. Nel Libro regnano la calma interiore, la concentrazione imperturbabile, la forza d'animo necessaria a essere nient'altro che se stessi. Bambini simili a dèi, Clara e Riki sembrano conoscere il segreto della gioia perpetua. Il sovrano istinto dell'attimo libera infatti la loro esistenza dall'obbligo di significare qualcosa agli occhi del prossimo. Ma qual è il potere di queste pagine capaci di riscuotere il protagonista dal torpore e dalla rassegnazione in cui era sprofondato? E chi è la bambina che le ha scritte, come fosse un oracolo in miniatura, un maestro zen di otto anni? Emanuele Trevi conferma in queste pagine la sua capacità di fondere le seduzioni del racconto con l'indagine appassionata e imprevedibile sulle meraviglie e i terrori dell'infanzia, e sulle radici più profonde dell'arte e della creatività.
3,89
di 5
Totale 9
5
6
4
0
3
1
2
0
1
2
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    lucioluc

    03/04/2011 09:20:56

    Libro coinvolgente, misterioso, dolente. Trevi, oltre a essere il migliore recensore di libri che abbiamo in Italia, li scrive anche molto bene...

  • User Icon

    claudio

    26/05/2010 09:04:29

    Cosa ti è successo Emanuele? Forse l'amore ti ha completamente accecato facendoti perdere lucidità... la tua naturale poesia è attualmente impegnata in tutt'altro fronte? fatto sta che questa pappa trita e ritrita sebbene ben scritta, non mi ha fatto trovare proprio nulla di entusiasmante come nei tuoi libri precedenti.Il mio augurio è che tu possa ritrovare in futuro qualcosa di reale in cui rispolverare tutto il tuo argento vivo.

  • User Icon

    Laura

    25/05/2010 05:56:54

    Meraviglioso.Una lettura che non dimenticherò mai, un dono raro.

  • User Icon

    PATRIZIA

    02/05/2010 18:07:22

    dalla pubblicità e dalle recensioni mi aspettavo un libro entusiasmante e invece mi ha delusa, trovo che sia un libro piuttosto mediocre.

  • User Icon

    Claudio B.

    23/04/2010 16:36:11

    Dopo aver letto alcune recensioni avevo aspettativa molto alta per questo libro. Sì, carino, scorrevole, dolce, con qualche piccolo spunto di saggezza, ma niente di straordinario, una lettura tra le altre. Mi aspettavo MOLTO di più.

  • User Icon

    Silvia

    08/04/2010 15:14:31

    Bellissimo, pieno, ricco. Pagine che lasciano il segno.

  • User Icon

    End

    23/03/2010 13:33:50

    Un'eccezionale favola moderna, un gioco letterario che seduce dalla prima pagina.

  • User Icon

    bauer

    22/03/2010 18:24:53

    ha un sapore particolarissimo, questo libro, e una scrittura che raramente sono riuscito a trovare negli autori italiani. ci sono pagine che non ho potuto fare a meno di riempire di appunti, altre che ho letto e riletto a voce alta: una incredibile miniera di spunti di riflessione sul senso delle cose e anche, davvero, sulla gioia che abbiamo intorno.

  • User Icon

    Carlo C.

    21/03/2010 08:20:23

    Semplicemente il libro italiano migliore degli ultimi vent'anni.

Vedi tutte le 9 recensioni cliente
    Emanuele Trevi critico non ama (non sopporta) le recensioni che raccontano la trama d'un libro. Il Trevi romanziere, a scanso di equivoci, ci consegna così un romanzo che meno che mai può essere ridotto alla storia che racconta, e per scrivere il quale hanno collaborato (cospirato) il Trevi critico e il Trevi narratore. Il romanzo (metaletterario direbbe qualcuno) si costruisce intorno al ritrovamento del quaderno di una bambina, che nel volume viene riportato integralmente, con scrittura infantile e disegni, e analizzato con gli strumenti sofisticati della critica applicati in questo caso a un testo acerbo, che però si presta lo stesso, anzi diventa paradigmatico nella sua primordialità, allo svelamento dei procedimenti letterari. Ma, a questo punto, qualcosa della trama bisogna pur dire. Il protagonista è lo stesso Trevi, l'"io narrante" che si mette (viene messo) su un treno da Roma a Napoli nei cui pressi deve tenere una relazione sul tema Etica e letteratura. Mentre il treno arriva, c'è il tempo di fare considerazioni sulla insignificanza della realtà e su Napoli, "che forse è il luogo più arbitrario di questo mondo, una città dove le stesse regole della geometria euclidea appaiono sospese, a partire dalla elementare distinzione tra il vicino e il lontano che, anziché rappresentare un'alternativa netta, non fanno che scambiarsi ruoli e prerogative – ciò che è lontano, per esempio, rivelandosi molto più vicino di ciò che era da considerarsi vicino, e viceversa". Il che sembra fare il paio con le considerazioni di Walter Benjamin sulla porosità di Napoli nel suo scambio di interno/esterno. E se l'arrivo nella città può evocare quello di Goethe (questo attraverso le campagne e la vista del Vesuvio, quello di Trevi attraverso la periferia sgangherata), il frugare dello sguardo nei pressi della stazione ci riporta al Napoli Ferrovia di Ermanno Rea, sguardo, quello di Trevi, che coglie un impalpabile pulviscolo che si adagia su "una desolazione stabilita per sempre e senza rimedi". E poi l'allontanarsi dalla stazione, dà il via, come lo chiama l'autore, a un viaggio iniziatico nella spazzatura: "Tutta la zona […] era sommersa dalla spazzatura", una spazzatura che sembrava addirittura "piovuta dal cielo". Ma quello di Trevi non è un libro su Napoli, anche se Napoli è il paradigma da contrapporre al mondo della "gioia perpetua". A farla breve, la signora Mastellone dà all'autore a risarcimento del viaggio inutile (l'incontro letterario è saltato perché la Biblioteca comunale della fantomatica Santa Volpina in cui si doveva tenere era stata chiusa; e indovinate perché: per motivi sanitari) un plico con delle fotocopie a cui Trevi dà già un'occhiata sul treno del ritorno: è il suo primo incontro con il Libro di Clara e Riki, o il Libro, così come semplicemente lo chiamerà: "Il paesello di Loissiniere – questa la prima frase – era ricoperto di neve ed i ragazzi scivolavano con la loro slitta giù per la vallata". Il libro di Trevi diventa così un corpo a corpo con il Libro della piccola autrice che ha appena otto anni. Un tuffo nell'età aurorale dell'infanzia, la cui innocenza anticipa la saggezza della vecchiaia, in quella sorta di stasi nel tempo che più che alla tradizionale freccia sembra rimandare all'immagine d'un gatto acciambellato a forma d'anello. Apparentemente, quella dell'infanzia è un'età facile, quasi anagramma di felice. Ecco allora che la puntata a Napoli diventa un vero "spartiacque", e lo scrittore comincia oltre che il viaggio nel Libro, un viaggio dentro se stesso. Una curiosa malattia del sonno lo colpisce, provocando strane letargie e il rifiuto di ogni resistenza di fronte alle aberrazioni della quotidianità (siano Berlusconi o il Grande Fratello). Qualcosa di più profondo è scattato in quella condizione ipnotica che porta a smaltire le tossine di una esteriore vita sociale, di un ruolo che sta stretto: "Ma la pratica costante del cosiddetto lavoro intellettuale, di sicuro, aveva finito col rendermi un individuo del tutto fasullo. Incapace, vale a dire, di esprimere sentimenti in maniera diretta e immediata". Ed è il Libro che porta un po' di luce. È vero, alla saturazione di letteratura e intellettualismo si reagisce in fondo grazie a un altro libro. Un libro da indagare con gli strumenti sofisticati della semiologia come per le analisi delle fiabe il cui studio ha dato vita alla moderna narratologia. Come in quel caso, Trevi, che scrive il suo romanzo contro il romanzo, ritorna all'infanzia della Scrittura, all'infanzia della Vita, all'infanzia della Storia. Come in un fermo-immagine. Come nell'ultima pagina del quaderno dove i due bambini salutano sotto un grande ciao: "Ma nella finta eternità del disegno, erano lontani e soli, e l'uno era la casa dell'altro, e se il mondo intero scaturisce da una sola sorgente, ebbene la loro barca era lì che si stava dirigendo". Un libro in cui c'è tanto e insieme la scommessa di tenere tutto insieme. Enzo Rega  
  • Emanuele Trevi Cover

    Figlio dello psicanalista junghiano Mario Trevi, è uno dei critici più promettenti della nuova generazione. Ha tradotto e curato edizioni di classici italiani e francesi: si ricordano testi dedicati a Leopardi, Salgari, e autori italiani del Novecento. Collabora al «Manifesto» (Alias) e alla trasmissione radiofonica Lucifero di Radio Tre, con una sezione dedicata alla poesia. Il suo libro Istruzioni per l’uso del lupo ha riscosso un notevole successo. All’uscita questo libro ottenne un successo di critica sulle pagine letterarie dei magazine e dei quotidiani più engagé. È redattore di «Nuovi Argomenti». Ha fatto parte della giuria del premio Calvino nel 2001, e del premio Alice 2002. Nel 2012 esce per Ponte alle Grazie... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali