Categorie

La lista dei desideri dimenticati

Robin Gold

Traduttore: A. Mantovani
Editore: Garzanti Libri
Anno edizione: 2012
Pagine: 299 p., Rilegato
  • EAN: 9788811686828
Disponibile anche in altri formati:

€ 12,66

€ 14,90

Risparmi € 2,24 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello

€ 8,04

€ 14,90

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    veronica

    06/05/2014 11.05.01

    Libro così così. La storia è originale e forse proprio per questo mi aspettavo qualcosa in più. Non mi ha regalato molte emozioni come invece immaginavo

  • User Icon

    Elena

    03/05/2014 14.46.33

    Un libro molto bello, che ti prende dalla prima all'ultima pagina! Coinvolgente e a tratti commovente, alla fine lascia la speranza e la voglia di vivere. Consiglio di leggerlo.

  • User Icon

    Camelot

    12/06/2013 13.24.26

    Molto carino. Il pretesto della lista e' originale, e serve egregiamente a raccontare la storia di una persona che tenta di venire a galla dopo un grande dolore. I personaggi sono simpatici, e i vari desideri rendono la lettura varia e divertente. Ovviamente il finale e' scontato, qualche personaggio un po' sopra le righe, ma e' un libro coinvolgente e gradevole, sicuramente non insulso come tanti altri romanzi d'amore.

  • User Icon

    Titty

    13/05/2013 08.38.09

    L'idea della lista per superare un dolore così forte è bella e positiva ...... peccato che il racconto è noiso e prolisso.

  • User Icon

    Isa

    27/11/2012 13.02.14

    Libro non "impegnato" ma assolutamente piacevole da leggere!Proprio una commedia tenera e romantica!

  • User Icon

    alessia

    10/11/2012 11.36.34

    Indubbiamente non è un capolavoro letterario e concordo in parte con le riflessioni delle lettrici precedenti! Penso, però, che uscire dalle sofferenze della vita non sia facile per nessuno e che ognuno di noi debba trovare la forza in se stesso e se la soluzione è buttarsi a capofitto su una lista dimenticata per poi star meglio...perchè no!!! L'ho letto volentieri e mi è piaciuto in particolar modo il finale!!! Lo consiglio per chi vuole una lettura leggera e a lieto fine!

  • User Icon

    Tiziana

    26/10/2012 21.22.22

    anche se il soggetto sembrava stuzzicante, in realtà si tratta dell'ennesimo libro sulla "bella gioventù" americana: i drammi si risolvono ad ogni costo con sbevazzate di cocktail dal mattino alla sera, i fidanzati o gli spasimanti sono perfetti e quindi poco credibili, le donne sono piene di grinta ma hanno poca personalità e ancor meno creatività. quanti ancora ne pubblicheranno su questa falsa riga? la nobile professione di scrittore ci sta perdendo la faccia: editori, per favore, siate più selettivi!

  • User Icon

    Roberta

    05/10/2012 14.51.09

    Definirlo "uno dei fenomeni letterari più discussi di tutta l'America" mi sembra un po' esagerato... La storia è carina e originale, scorrevole, leggera, triste in alcuni punti e divertente in altri...ma sicuramente non è indimenticabile. Concordo con il commento precedente per quanto riguarda la protagonista, in alcuni punti veramente pesante e insofferente. Chi ha un carattere ottimista non ci si rispecchierà di certo! E' originale l'idea di partenza con la lista dimenticata a fare da protagonista ma poi avrei preferito che la storia si sviluppasse indipendentemente da questa...la vita va vissuta giorno per giorno liberamente, non seguendo un elenco di obbiettivi! Secondo me il voto adatto è 3,5.

  • User Icon

    Amarilli73

    02/10/2012 12.54.21

    Peccato. E' questo che ho pensato quando ho terminato questo romanzo, perché la trama mi aveva suscitato veramente grandi aspettative. E invece? Cos'è che è andato storto? Beh, anzitutto la protagonista, Clara Jason Black, C.J. per gli amichetti dell'infanzia. Non è per nulla simpatica: avete presente una persona che si autocompiange per mesi e mesi, come forma di autodifesa, e che continua a credersi al centro dell'universo, crogiolandosi nel SUO dolore, tanto da non accorgersi neppure delle "cose belle" che le riserva il destino? Sì, parlo proprio di "cose belle", e non credo di essere fuori luogo nel dirlo, pur riferendomi ad una giovane donna che all'inizio del libro perde il grande amore della sua vita, l'eterno fidanzato Sebastian, a pochi mesi dal matrimonio. D'accordo, la vita di Clara va' tristemente in pezzi, cade in depressione, rimane sola ed ancora disperatamente innamorata, i vari tentativi di ritrovare sé stessa (dai gruppi di supporto al nuoto con i delfini, sino all'analisi e al lavoro a maglia) falliscono uno dopo l'altro, ma, CHE CASPITA!, rispetto ad altre persone che precipitano in un simile baratro, Clara Black cade con svariati materassi ad attenderla sul fondo. Non vorrei sembrare insensibile alle disgrazie della vita, ma (almeno di striscio) certe sofferenze di Clara le ho attraversate anch'io e, sinceramente, mi aspettavo un romanzo che desse una sorta di pacca sulle spalle, una sferzata di ottimismo, uno sprone tipo "coraggio, se Clara ne è uscita, puoi farcela anche tu!". Invece, in tutta la vicenda, Clara continua a restare una LAGNONA, una che appena sente una musica familiare alla radio comincia a dire "Oh me, infelice!" e maltratta chi la circonda e le vuole bene, una che di fronte alla rivelazione dell'Amore, pensa solo che la sua priorità sia portare a termine la "sua" lista. Ma questo ti fa' capire che non ha proprio capito niente: la lista è un mezzo per tornare alla vita, non lo scopo della vita!

Vedi tutte le 9 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione