Liszt - Lorenzo Leone - copertina

Liszt

Lorenzo Leone

Scrivi una recensione
Editore: Youcanprint
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 1 gennaio 2011
Pagine: 112 p., Brossura
  • EAN: 9788866184485
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 10,20

€ 12,00
(-15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Quantità:
LIBRO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Contro Franz Liszt si è detto parecchio e assai si corre il rischio di ridire. Che egli si sia guadagnato l'immortalità, come assicura, bontà sua, Charles Rosen, non toglie che un pezzo di questa immortalità scaturisca dalla resistenza delle vecchie accuse. La critica, spesso poco longanime quando si tratta di 'pesare' un fenomeno recente, ha avuto tutto il tempo di 'soppesare' l'antico - e di ricredersi; e così di Liszt ha spesso finito per apprezzare proprio ciò che, in un primo tempo, aveva respinto. Gli annosi rimproveri sopravvivono mutati di segno. Consideriamo il linguaggio (musicale). Disordinato, zeppo di modulazioni acri, chiassose, di armonie incorrette e arroganti, secondo i primi commentatori; pionieristico e già così ardito negli anni giovanili (si consideri l'utilizzo di scale esafoniche, ottatoniche, tutto il bagaglio dell'etnico e del popolare), ammiccando ambiguamente alla musica slava, trascinando precocemente il discorso fuori della tonalità, si rileva oggi.
5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
  • User Icon

    Løve

    17/04/2013 16:33:14

    Uno studio che di Franz Liszt restituisce la geniale interconnessa multidimensionalità. Il che significa che il pianista e il virtuoso si spiegano con il musicista e quest'ultimo con il critico, il filosofo, il maître à penser. Dietro, suggerisce l'autore di questo libro, ci sta una visione del mondo molto ricca, liberale e ironica, comparabile per complessità ideologica a quelle di Wagner e di Nietzsche. Si nominano parecchi dei critici lisztiani (d'Ortigue, Heine, Nietzsche, Jankélévitch, ecc) e si citano parecchi degli scritti lisztiani.

  • User Icon

    Jacques

    20/01/2012 08:58:46

    D'Ortigue, Heine, Baudelaire, Saint-Saëns, Jankélévitch lo riconobbero come grande, grandissimo musicista-filosofo-sacerdote. Wagner gli dovette tutto, benché forse non proprio una filosofia. Nietzsche per un momento pensò di poter essere compreso da lui e gli scrisse. Anche grazie alla penetrazione di questo mondo "collaterale", il libro di Leone delucida la complessità del pensiero e dell'opera di Franz Liszt.

| Vedi di più >
Note legali