Liszt & Wagner

Artisti: Imogen Cooper
Compositore: Franz Liszt, Richard Wagner
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Chandos
Data di pubblicazione: 1 marzo 2017
  • EAN: 0095115193822
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

€ 21,90

Venduto e spedito da IBS

22 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione

Franz Liszt (1811-1886): Années de Pèlerinage: Italie S161 (Sposalizio; Il penseroso; Canzonetta del Salvator Rosa; Sonetto 104 del Petrarca); Gretchen S513 (Eine Faust-Symphonie); Bagatelle sans tonalité S 216a; Nuages gris S199; La lugubre gondola I S200 n.1; Deuxième Valse oubliée S215 n.2
Richard Wagner (1813 – 1883): Elegia in La bemolle maggiore WWV 93; Introduzione a Tristano e Isotta WWV 90 (trascrizione di Zoltán Kocsis); Isoldens Liebestod (Tristano e Isotta; trascrizione di Franz Liszt)
Dopo gli splendidi dischi dedicati alla produzione pianistica di Johannes Brahms, di Robert e Clara Schumann e di Fryderyk Chopin, Imogen Cooper si accosta all'universo sonoro di un altro grandissimo esponente della letteratura romantica, ossia Franz Liszt, le cui opere vengono accostate a quelle di un altro gigante della seconda metà del XIX secolo, vale a dire Richard Wagner. Il programma propone una silloge molto evocativa di composizioni originali e di trascrizioni dai toni più intimistici, spaziando dai poetici brani del secondo album degli Années de pèlerinage dedicato all'Italia a lavori molto più cupi e meditativi come la prima versione di La lugubre gondola di Liszt l'Elegia di Wagner. Dell'autore dell'Anello del Nibelungo si può ascoltare anche una trascrizione intrisa di un'intensa passionalità del preludio del Tristano e Isotta realizzata dal grande virtuoso e direttore ungherese Zoltán Kocsis, morto prematuramente nel novembre del 2016. La Cooper decise di realizzare questo disco proprio a partire da questo monumentale lavoro, in modo da poterlo dedicare alla memoria di Kocsis. Nell'insieme questo disco propone opere immortali eseguite in maniera magistrale, con un romanticismo privo di qualsiasi affettazione e un virtuosismo che non appare mai fine a se stesso.